27 Gennaio 2022, 11.45
Eco del Perlasca

MMT, svolta o inconsistenza?

di Tommaso Franzoni

La MMT si candida per raggiungere un’economia al servizio del popolo. Ma che cos’è? Cosa esprime? È un qualcosa di realizzabile o l’ennesima utopia? Scopriamolo insieme…


Nel 2020 Stephanie Kelton, economista e docente universitaria statunitense, ha pubblicato il saggio “Il mito del deficit”. Il testo ha riscontrato un buon interesse da parte del pubblico, attirando l’attenzione sull’argomento trattato nel libro: la MMT.

Cos’è la MMT e cosa esprime?

La MMT, acronimo di Modern Monetary Theory, in italiano Teoria Monetaria Moderna, è una dottrina economica che si pone l’obiettivo di descrivere le procedure e le conseguenze dell’utilizzo di una valuta "fiat", ovvero una moneta fiduciaria non coperta da riserve auree, quindi priva di valore intrinseco.

Il titolo dell’opera, scritta dalla professoressa Kelton, rappresenta a pieno il concetto fondante della MMT: il deficit è un qualcosa che non comporta limiti di spesa, poiché lo Stato emette il denaro che utilizza.

L’autore nel testo, al fine di aiutare il lettore a comprendere la logica alla base della dottrina, diversifica il bilancio di una famiglia da quello dello Stato. Un nucleo familiare, per rispondere ai propri bisogni, deve guadagnare una certa cifra, oppure richiedere un prestito. Solo dopo aver accumulato il denaro necessario può acquistare un bene o usufruire di un servizio offerto dal mercato.

La maggior parte delle persone associa il medesimo ragionamento all’idea di bilancio statale, riassumibile nella seguente formula: (TeP)S, cioè tasse e prestiti precedono la spesa pubblica. Secondo la Teoria Monetaria Moderna, la realtà corrisponde all'esatto opposto, dato che un Governo non necessita dei soldi dei propri cittadini, ma i cittadini necessitano dei soldi dello Stato. Il tutto è riassumibile nella formula S(TeP), cioè tasse e prestiti succedono la spesa pubblica, attuata dall’esecutivo creando nuova moneta.

Allora le tasse ed il debito?

A seguito di quanto illustrato, un dubbio sorge spontaneo: perché allora lo Stato tassa i cittadini? Semplicemente per approvvigionarsi, ossia per fare in modo che le persone lavorino e producano i beni ed i servizi che servono alla Nazione. La tassazione ha quindi lo scopo principale di creare una domanda per la moneta emessa dalle Banche centrali. Lo Stato non desidera i nostri soldi, bensì il nostro tempo, speso in lavoro.

Oltre a quanto appena esposto, le tasse hanno altri fini: strumento utile per redistribuire ricchezza e diminuire le disuguaglianze, incoraggiare o scoraggiare certi comportamenti (es: tasse sui vizi) e controllare l’inflazione.

L’ennesima questione viene a galla: perché allora si fa debito pubblico? Secondo la MMT, l’emissione di titoli di Stato è finalizzata esclusivamente a premiare i cittadini, tramite gli interessi, che utilizzano una forma alternativa di denaro pubblico. I deficit fatti negli anni possono essere sempre ripagati, stampando moneta.

La lacuna dell’inflazione


La cosa che principalmente scredita la MMT riguarda l’inflazione, descritta in modo carente ed impreciso.
Secondo gli esponenti della Teoria Monetaria Moderna, l’inflazione si incarna in aumento dei prezzi, perdita di potere di acquisto e abbassamento dello standard di vita dei cittadini. Ma, al contrario del pensiero radicato nella società, ciò che causa inflazione non è la sovrabbondanza di moneta, bensì l’eccesso di spesa delle istituzioni. La capacità di spesa dello Stato è infinita, ma non lo è la capacità della nostra economia. In altre parole, trovare il credito è la parte semplice, la vera sfida sta nel gestire le risorse.

La relazione tra moneta ed inflazione è un punto non trattato dalla MMT che invece merita una grande attenzione. L’eccesso di moneta toglie potere d’acquisto a redditi e risparmi e redistribuisce dai creditori ai debitori in modo non autorizzato dal legislatore. Il tutto causa una serie di problemi, già affrontati in passato. Inoltre l’inflazione da shock di offerta ed il suo legame con la disoccupazione non è considerata.
Quanto appena argomentato, dal mio punto di vista, fa crollare del tutto la logica di funzionamento ed equilibrio della dottrina economica.

Innovazione irreale


Nei prossimi anni, la Teoria Monetaria Moderna avrà modo di incarnarsi nella politica e nelle istituzioni, ma dal mio punto di vista, finché non darà una risposta completa inerente i fenomeni inflativi ed i loro sviluppi, non può essere considerata come svolta nella soluzione dei problemi delle classi meno abbienti. È meglio pensare ancora ad un capitalismo progressista, legato ad un forte welfare, compensato da una tassazione maggiore.

Tommaso Franzoni




Vedi anche
14/04/2010 08:00

Corean modern Suv Sul mercato la sostituta del Tucson della casa Hyundai, il nuovo Suv IX35.

21/01/2013 09:00

Elegant modern space La Bmw allarga la gamma della Serie 3 affiancando alla Berlina la versione Station Wagon (denominata Touring).

22/09/2008 00:00

Musica in fasce Sabato 27 settembre 2008, alle 16, presso l’aula magna Coop. San Giuseppe (Scar), di via Bellotti 10, a Ro Volciano, si terr una lezione-concerto dal titolo “Musica in fasce” per bambini da 0 a 36 mesi, secondo la Music Learning Theory di E. Gordon.

27/03/2014 08:18

Un tesoro nascosto a Londra Si tratta della Estorick Collection of Modern Italian Art, l'unica galleria del Regno Unito dedicata all'arte moderna italiana.
L'ha scovata Lara Bettinzoli, odolese, che da oggi comincia a collaborare con Vallesabbianews da Londra




Altre da Eco del Perlasca
24/05/2022

Dormiremo anche domani?

Durante il convegno 2022 della Commissione scuola ANPI “Dolores Abbiati”, intitolato “Obiettivo ambiente: la Terra in primo piano”, gli studenti della classe seconda A Finanza e Marketing hanno presentato il loro progetto

19/05/2022

Colnago Cycling Festival: una festa su due ruote

Tre giorni di ciclismo per tutti a favore dell'inclusione e dell'accoglienza

17/05/2022

L'anfiteatro di Pompei

Tra i molti progetti che il nostro istituto porta avanti, oggi vi parleremo di quello degli studenti del Liceo scientifico di Idro che, insieme al professor Fabio Dattilo, hanno deciso di promuovere la cultura parlando di diverse opere d'arte del nostro patrimonio nazionale

15/05/2022

Riflessioni sulla guerra

Rispetto e libertà: due valori cui non si può rinunciare per costruire una società inclusiva in cui tutti possono stare bene

13/05/2022

Gardacon 2022

É tornata anche quest’anno la corposa fiera “di zona” dedicata alla cultura pop e nipponica fra numerosi stand e pittoreschi personaggi

09/05/2022

Luna

L’astro più comune del cielo notturno, vive solo di notte poiché il giorno è regnato dal Sole. Eppure lei è sempre lì, in attesa, per ritornare. Sull'Eco del Perlasca, oggi, ecco una poesia

03/05/2022

DSA Quando un disturbo non è una malattia!

Essere un genitore di un bambino/ragazzo DSA è come essere su una giostra che ad ogni giro cambia velocità e direzione.
Non esistono giornate uguali o ripetitive, ogni giorno è unico ed ineguagliabile

19/04/2022

Viaggiando si impara

Intervista a Sofia Pederzoli, una ragazza di 5A Liceo che, nonostante il Covid, è riuscita a partire per un’esperienza all’estero

13/04/2022

Un arcobaleno di sapori

La natura si è divertita parecchio a dare colore a frutta e verdura, dal momento che esistono melanzane bianche come la neve e banane… azzurre come un puffo!

06/04/2022

«Slut-shaming»

Lo slut-shaming, in italiano lo stigma della “puttana”, è una maniera di esprimersi verso le donne ritenute colpevoli di comportamenti inopportuni e disdicevoli