29 Maggio 2021, 08.45
AIB Confindustria Brescia

Cybersecurity, un arma contro il mostro silenzioso

di red.

L’appuntamento – promosso dalla delegata di Confindustria Brescia a Legalità e Responsabilità Sociale d’Impresa, Alberta Marniga - ha affrontato il tema della sicurezza digitale e i rischi che le aziende corrono ogni giorno a causa dei pericoli informatici


Si è tenuto nel pomeriggio di giovedì scorso, in diretta online dalla Sala Beretta di Confindustria Brescia, l’evento “Cybersecurity. La nostra arma contro il mostro silenzioso”, promosso dalla delegata di Confindustria Brescia a Legalità e Responsabilità Sociale d’Impresa, Alberta Marniga.

L’obiettivo dell’appuntamento – moderato dal giornalista di Radio24 Maurizio Melis – è stato quello di affrontare il tema della sicurezza digitale e i rischi che le aziende corrono ogni giorno a causa dei pericoli informatici.

“Quattro anni fa ho iniziato il periodo della mia delega concentrandomi sul tema delle truffe informatiche, che hanno coinvolto diverse aziende associate – ha introdotto Alberta Marniga, delegata di Confindustria Brescia a Legalità e Responsabilità Sociale d’Impresa –, mentre oggi concludo il mio mandato con il tema della cybersecurity.
Noi piccole imprese siamo forse convinte che questi tipi di crimini siano distanti dalle nostre realtà. Invece dovremmo porci altre domande: siamo protetti in caso di intrusione nel nostro sistema gestionale? La verità è che i criminali informatici non sono interessati a quello che facciamo, ma a bloccare le nostre attività per chiederci un riscatto. Su questo tema abbiamo voluto incentrare l’incontro odierno.”


Per approfondire l’argomento è stato organizzato un dialogo a tavole rotonde tra numerosi esperti del settore. Il primo confronto ha coinvolto Leonardo De Vizio (DG Connect Commissione Europea) sul tema della “Cybersecurity al centro dell’agenda Europea”, Mauro Cicognini (CLUSIT, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica) su “Il fenomeno del cybercrime in Italia” e Antonio Fiorentino (Esperto di digital forensics e gestione incidente informatico) su “Le strutture governative e i consigli per le aziende”.

La cybersecurity è una priorità a livello politico in Europa, e non da oggi. Nel corso degli anni la minaccia è cresciuta e diventata sempre più sofisticata – spiega Leonardo De Vizio, DG Connect Commissione Europea –. Nel dicembre 2020 la Commissione ha rivisto la sua strategia in tema, partendo dal concetto che la transizione digitale porta nuovi rischi. I dispositivi IoT connessi nel mondo saranno 25 miliardi entro il 2025, e le aziende non sempre sono preparate in questo campo. Diventa necessario sviluppare un approccio europeo: quello che proponiamo sono 26 azioni strategiche, incentivando in particolare lo scambio di informazioni”

“L’adozione di tecnologie in cybersecurity è praticamente sempre legata a uno stimolo legislativo
– la riflessione di Mauro Cicognini, CLUSIT, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica –: un aspetto evidente rispetto al fatto che il mondo in costruzione è molto fragile sotto questo profilo. Di fatto, gli investimenti in sicurezza informatica non vengono effettuati, se non sono imposti, e questo è un aspetto che non può essere accettato.”

Le istituzioni, negli ultimi anni, hanno intrapreso un importante lavoro normativo, in particolare dall’esplosione degli attacchi avvenuta dal 2017 ad oggi, accentuato dalla pandemia da Covid-19 – aggiunge Antonio Fiorentino, Esperto di digital forensics e gestione incidente informatico e Cultore di Diritto dei New Media all’Università Cattolica di Brescia –. Nel 2018 è entrato in vigore il noto regolamento europeo GDPR, che ha influito sul tema, creando grande fermento.
Con il passare del tempo abbiamo visto però che molte aziende hanno iniziato a trascurare le misure che avevano introdotto: è fondamentale, in tal senso, comprendere che non esistono misure standard e che gli investimenti una tantum non bastano. Le tecnologie diventano presto obsolete, e questo è il problema più grave. Pensate che il tempo medio per rilevare un incidente informatico, per un’azienda, è pari a 6 mesi. Per questo serve puntare verso una cybersecurity dinamica.”


A seguire, la seconda tavola rotonda, con gli interventi di Agostino Santoni (VP South Europe CISCO) su “Robustezza reti e architetture”, Davide Cignatta (Amministratore co-owner Cyberoo spa) su “Resilienza sistemi e organizzazioni” e Luca Maiocchi (Country Manager Proofpoint) su “Consapevolezza persone e istituzioni”.

Tutti i giorni blocchiamo circa 80 miliardi di attacchi: il cybercrime oggi è la più grande industria del digitale – racconta Agostino Santoni, VP South Europe CISCO –. In CISCO stiamo sviluppando soluzioni senza password, convinti che la tecnologia debba essere sempre più semplice. Anche in Italia le aziende hanno in media 40/50 fornitori di cybersecurity. Bisogna convincersi che essere più sicuri significa essere più competitivi: un consiglio che mi sentirei di dare a tutti gli imprenditori.
Gli attacchi più devastanti sono stati sulle supply chain mondiali: serve rimettere la formazione sulla cybersecurity in cima agli investimenti aziendali e nel sistema formativo. In Italia ci sono 275mila posti vacanti in quest’area.”


“Anche nelle PMI i sistemi informatici sono sempre più fondamentali, a maggior ragione dopo gli stimoli ricevuti dal Piano Industria 4.0 – integra Davide Cignatta, Amministratore co-owner Cyberoo spa –. In questo senso, bisogna parlare di resilienza, e quindi della capacità di un’azienda di resistere e reagire a un attacco informatico.
La superficie di attacco oggi è estremamente ampia: come imprenditori dobbiamo pretendere dai nostri partner il rispetto di misure di sicurezza di alto livello.”


Dotarsi di tecnologie all’altezza è importantissimo, ma serve anche avere consapevolezza di quello che succede – aggiunge Luca Maiocchi, Country Manager Proofpoint –. L’idea è cercare di rendere anche le persone resilienti, in particolare su mail e social, da dove deriva la grande maggioranza degli attacchi.
Secondo i dati rilevati da un’indagine della nostra azienda sui responsabili sicurezza delle aziende, per oltre il 50% dei security manager l’errore umano è la più grande vulnerabilità delle aziende. Il phishing, che ci porta a cliccare su un determinato link ne è un esempio perfetto.”


A conclusione dell’incontro, l’intervento di Fabrizio Senici, presidente del Settore Terziario di Confindustria Brescia: “I numeri sui cybercrime sono spaventosi e impressionanti.
Mi auguro che questo evento sia il primo di una serie, in quanto questo argomento deve diventare quotidiano. La consapevolezza resta l’elemento più importante, da affrontare sin da subito in questa sfida.”





Vedi anche
26/05/2021 10:00

«Cybersecurity, l'arma contro il mostro silenzioso» Questo giovedì, 27 maggio, Confindustria Brescia propone un evento online dedicato alla sicurezza digitale e ai pericoli informatici

07/04/2021 16:11

«Motore Italia», Confindustria ospita il roadshow di Intesa Sanpaolo L’appuntamento online – intitolato “Transizione 4.0. Le novità della legge di bilancio 2021 e le soluzioni di Intesa Sanpaolo per gli investimenti in innovazione” – è riservato agli associati e si terrà venerdì 9 aprile

28/03/2021 08:00

Brescia Regeneration, per progettare il futuro Il progetto, promosso da Confindustria Brescia, vede coinvolti Prometeia SpA e l’Università degli Studi di Brescia. L’obiettivo è delineare i futuri possibili del territorio bresciano all’orizzonte 2030

10/04/2021 09:00

Al via la serie «SummIT in pillole» Da lunedì 12 aprile arrivano i digital talks promossi dal Settore Terziario di Confindustria Brescia. Il primo appuntamento è con “Tecnologie digitali e smartworking”

10/12/2020 15:00

«Un uomo e la sua impresa» Un momento motivazionale e di riflessione quello proposto la prossima settimana online dai Giovani Imprenditori di Confindustria Brescia in collaborazione con la Coldiretti locale. Ospite d'onore l'alpinista Simone Moro




Altre da Economia e Lavoro
22/07/2021

Nuove forme di business con visite ad aziende modello

Al via il bando per sostenere l’innovazione d’impresa nei territori di Valle Sabbia, Alto Garda e Valtenesi

21/07/2021

Silmar Group, strategie di crescita

Nonostante il calo di fatturato nel 2020, l’utile consolidato del gruppo della famiglia Niboli è aumentato e le prospettive per il 2021 sono promettenti

19/07/2021

Dalla Rurale nuovi bandi per le Associazioni del territorio

160.000 euro per il sostegno di investimenti materiali e progetti in ambito formativo culturale e sociale. Ecco come partecipare

19/07/2021

Delta no problem

Sembra prosequire nel migliore dei modi la stagione turistica, che per quanto riguarda le presenze degli stranieri d'estate, in Valle Sabbia, è concentrata soprattutto sull'Eridio

18/07/2021

Tocca al Comune

Le opere di urbanizzazione dell'area artigianale di Idro sono da concludere e lo deve fare il Comune. Così il Consiglio di Stato, al quale l'Amministrazione comunale idrense si era appellata per ribaltare analoga sentenza del Tar. I particolari

(2)
17/07/2021

Chiedi al professore

Il Dipartimento di Ingegneria meccanica e industriale dell’Università di Brescia apre ai diplomati che stanno valutando il loro futuro di studi. E' l'occasione per saperne di più. L’appello ai valsabbini del docente valsabbino Germano Bonomi

16/07/2021

+8% di liquidità sui depositi bancari

La Penisola ed il mondo intero hanno attraversato un periodo a dir poco complicato. Dopo mesi di pandemia e di Covid, soltanto adesso si inizia ad intravedere la luce grazie ai vaccini, con i mercati e l’economia che tornano a respirare un po’

15/07/2021

Valsabbina, siglato accordo per fintech BorsadelCredito.it

Banca Valsabbina investe nella piattaforma leader nell'erogazione di prestiti digitali alle imprese con una partecipazione pari a circa l'8,3% di Business Innovation Lab

15/07/2021

Fondi per le aree colpite dalla tempesta Vaia

Anche due Comuni valsabbini beneficeranno delle risorse regionali stanziate per mitigare il rischio idrogeologico e recuperare i danni ai boschi abbattuti dalla tempesta del 2018

14/07/2021

Cave di marmo, settore in crisi

Un convegno promosso dalla Provincia di Brescia e dai comuni coinvolti nel settore estrattivo farà il punto della situazione con amministratori e operatori del settore