14 Settembre 2020, 16.28
Blog - Genitori e figli

La malvagia crudeltà del branco non è patologia

di Giuseppe Maiolo

“Sei ancora quello della pietra e della fionda uomo del mio tempo”. Scrive il poeta ed evoca solo in parte la malvagità umana che sembra immutata e inarrestabile. Non la descrive Quasimodo, e non nomina quali azioni bestiali sa compiere l’individuo da solo o nel branco. Ma forse non serve che ce la mostri


La conosciamo bene ormai quella “banalità del male” che attraversa ovunque il nostro quotidiano reale o virtuale che sia. E non serve che, ad ogni nuovo Colleferro che incontri, ci sia la solita immediata reazione verso la gioventù violenta dei nostri giorni che pensi disturbata e malata. Non ha senso provare sconvolgimento e raccapriccio se poi tutto si dimentica in fretta e ogni storia archiviata senza un ripensamento della coscienza.

La malvagia crudeltà, apparentemente inspiegabile, che diventa massacro disumano ai confini della realtà, non può essere spiegata solamente con la follia che travolge la mente. Anzi non c’entra proprio nulla la patologia con quel gruppetto di picchiatori che si accanisce su un giovane di 21 anni inerme e delicato, colpevole di essersi fermato a soccorrere un amico. Ed è sconvolgente scoprire dalla cronaca dell’orrore l’assenza di una motivazione e la freddezza del branco che uccide senza una parola, con accanimento e determinata ferocia.

“Ricordo subito l'immagine di Willy steso a terra circondato da 4 e 5 ragazzi che lo colpivano violentemente con calci e pugni… ” recita un passo del verbale di uno dei testimoni chiave che trovi in questi giorni a raccontare il delitto.

Disorienta chiunque, come in ogni macabro scenario del male, vedere il prevalere delle pulsioni sull’autocontrollo, l’incapacità di gestirle e il sopravanzare degli istinti selvaggi che la povertà educativa di oggi non riesce a contenere né a regolare. Allora capisci che tra i giovani cresciuti senza limiti e confini, il sentimento infantile dell’onnipotenza scatena l’atrocità dei gesti e alimenta la cultura della sopraffazione.

È il fascino del protagonismo, dell’essere visti ad ogni costo, la spettacolarizzazione del male che prendono il sopravvento, anestetizzano la coscienza e rendono “normale” e omologata la violenza. Come nel gioco infantile del bullo, anche nel movimento micidiale del branco si manifesta il piacere che procura il mettere in scena e mostrare al mondo la forza di un corpo scolpito di muscoli.

Ciò che si rappresenta di più ora che il corpo è evaporato nel virtuale, è però l’incapacità crescente di sentire l'altro e percepire il suo dolore fisico. E' il vuoto di partecipazione emotiva o la totale mancanza di un sentimento di colpa che ti avvicina alla reale sofferenza.

Questo è il male che affligge di più e contamina le generazioni del terzo millennio. Si chiama psicopatia, cioè psiche apatica, che prima ancora di essere un disturbo di personalità, è deficit di emozioni, siderale distanza affettiva dall’esperienza di chi ti sta vicino o di fronte. Un tratto diffuso nella società del narcisismo, dove primeggiano individualismo e indifferenza che assottigliano la riprovazione sociale verso i comportamenti violenti che andrebbero contenuti e non normalizzati.

Urge riflettere su questa dinamica, se vogliamo rimodulare il progetto educativo per le nuove generazioni. Ma serve a poco farlo solamente sull’onda della rabbia che monta quando un giovane innocente viene massacrato. Urge aprire cantieri di lavoro e di riflessione a scuola con gli adolescenti e i bambini che ogni giorno possono incontrare l’intolleranza e la violenza fisica o verbale dei pari ma anche la disattenzione e la trascuratezza degli adulti.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento


Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
19/10/2020

Quanto è difficile essere giovani

Sono sotto i riflettori in questo riemergere del contagio. Tutti ne parlano, li osservano, li giudicano e da incuranti delle regole sono diventati pericolosi...

04/10/2020

Una comunità più educante contro la violenza sui minori

Se vai a leggere “Restituire il futuro” che è un report recente sul maltrattamento minorile in Italia, ti vien da pensare che per i diritti dei bambini siamo ancora fermi al passato

28/09/2020

Perchè non insegnare l'empatia?

E se insegnassimo l’empatia? Se introducessimo questa materia scolastica per insegnare ai bambini a riconoscere i vissuti dell’altro?

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

07/09/2020

La scuola che verrà, tra attese e speranze

Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

01/09/2020

Ritorno a scuola. Ma quale?

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020

25/08/2020

Dare pazienza al giorno. Ovvero l'arte di attendere

Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

17/08/2020

Giovani, discoteche e senso di responsabilità

L’estate del Covid è un tempo strano e pesante, non solo perché pieno di incertezze e dubbi ma perché abbonda di contraddizioni.

11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

04/08/2020

La scuola del dopo Covid -19

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa