06 Agosto 2022, 09.00
Blog - Genitori e figli

Gratitudine: la capacità di amare

di Giuseppe Maiolo

La gratitudine è parola desueta. Ovvero in disuso. Ma soprattutto non si insegna e men che meno si educa alla gratitudine perché narcisismo e competitività nelle relazioni sembrano ripagare di più. Si dicono tanti “grazie” ipocriti in cui c’è poca o nulla partecipazione affettiva.


Ha ragione Delphine de Vigan che nel suo libro
Le gratitudini (Ed. Einaudi) chiede “Quante volte al giorno dite grazie? Grazie per il sale, per la porta, per l'informazione. Quante volte avete detto grazie sul serio? Un vero grazie. Espressione della vostra gratitudine, della vostra riconoscenza”.

Appunto “grazie”, che è una parola semplice e scarna, ma spesso logora perché usata nella quotidianità senza impegno e senza riflessione, senza pensiero né emozione. Invece abbiamo bisogno della gratitudine che è un sentimento pieno e indefinibile, completo anche senza la quantità del “Grazie mille” o del “Grazie infinite” con cui spesso tentiamo di dare spessore alla nostra riconoscenza. Non serve al “grazie” la quantità perché prima di tutto la gratitudine è memoria, apprezzamento amorevole e piacere per qualcosa che sta dentro una relazione di cui si è “grati”.

Gratus, in fondo è l’origine latina del grazie ma lo è anche del gratuito che fa della parola gratitudine qualcosa di non commerciale, che non ha nulla a che vedere con la “partita doppia” quella, per intenderci, del dare-avere che oggi invece prevale nelle relazioni di ogni tipo, purtroppo anche in quelle affettive (“Ti amo per essere amato”).

La gratitudine è complicità paritaria tra il sentire di uno e dell’altro e non si misura.
È il contrario dell’invidia che, diceva Melanie Klein allieva di Freud, è al contrario un “sentimento burbero” perché impulso che spinge a desiderare di portare via qualcosa ad un altro, non a condividere. Così dove c’è invidia e gelosia non ci può stare la gratitudine e dove manca il riconoscimento dell’essere grati agli altri, c’è il potere della violenza.

“… Gratitudine è una delle espressioni più evidenti della capacità di amare” insiste la Klein dicendo che essa è “fattore essenziale per apprezzare la bontà degli altri.”

Abbiamo bisogno di gratitudine, che non è un formale ringraziamento, ma un “sentire” intimo e profondo che si apprende precocemente nella relazione preverbale madre-bambino e non è fatta di parole ma di sguardi, di ascolto e attenzione reciproca da cui ne consegue per entrambi sicurezza e benessere.

Si tratta allora di “imparare la gratitudine” o, più ancora, di essere educati ad essa e ad essere grati per ciò che si riceve. Numerose sono le ricerche che sottolineano i benefici della gratitudine e che, nello stesso tempo, ci dicono di come la gratitudine non sia solo un dono, ma una dote che si può allenare e sviluppare. Se lo facciamo produce cambiamenti e ci migliora.

Non si può insegnare la gratitudine come una materia scolastica, ma gli adulti la possono trasmettere ai piccoli non tanto chiedendo loro di dire “grazie” al prossimo, che pure serve se è autentico e partecipato, quanto mostrando con l’esempio e nella quotidianità che l’essere grati e riconoscenti vuol dire apprezzare e condividere con gli altri ogni momento che la vita ci offre.
 
Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.iovivobene.it 


Aggiungi commento:

Vedi anche
28/05/2011 10:00

La gratitudine La persona in grado di vivere la gratitudine apprezza ogni giorno che vive e che sente come un dono e non come un peso.

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

09/12/2019 08:00

Lo sguardo distante della trascuratezza La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento

28/08/2022 08:00

La gentilezza, energia che fa star bene Si fa un gran parlare di gentilezza in questo periodo. In parte per moda, ma molto per necessità in un mondo di disattenzione e indifferenza e dominato da rapporti di arroganza e prepotenza.  C’è un grande bisogno di premura e di attenzione, di partecipazione affettiva da trasmettere non solo con azioni gentili ma con pensieri e parole 

20/02/2022 07:00

Cent'anni di gratitudine Il 20 febbraio 1922 nasceva a Gavardo don Andrea Persavalli, un sacerdote che ha lasciato un segno indelebile in tutte le persone che lo hanno incontrato. Lo ricorda l’amico Antonio Abastanotti




Altre da Genitori e Figli
26/09/2022

Resistere, resistere, resistere

Resistere è una parola che porta con sé il concetto di “stare” e, con il rafforzativo “ri” allude alla forza che serve per opporsi, anche con ostinazione, a tutto ciò che può travolgere.

19/09/2022

Non si può morire di cyberbullismo

Non è più tollerabile che si muoia di bullismo e cyberbullismo. Se ne parla per una necessaria cronaca, per far conoscere gli elementi che lo hanno determinato o mostrare i possibili colpevoli e le motivazioni che li "armano"

12/09/2022

Insegnare vuol dire...

Insegnare, dice il vocabolario, è verbo transitivo che vien dal latino “insignare” e significa “imprimere segni”...

04/09/2022

Le parole da salvare per vivere

Soffermarsi sulle funzioni delle parole, ci serve. Perché esse appartengono a noi, sono forme che ci abitano e ci descrivono, ponti con cui trasmettiamo il pensiero.

28/08/2022

La gentilezza, energia che fa star bene

Si fa un gran parlare di gentilezza in questo periodo. In parte per moda, ma molto per necessità in un mondo di disattenzione e indifferenza e dominato da rapporti di arroganza e prepotenza.  C’è un grande bisogno di premura e di attenzione, di partecipazione affettiva da trasmettere non solo con azioni gentili ma con pensieri e parole 

21/08/2022

Quel suicidio in carcere che ci obbliga a pensare

Un numero spaventoso quello del suicidio dei giovani nei luoghi di detenzione e un’auto denuncia forte di chi, doverosamente, sente la necessità di puntare il dito sul sistema punitivo che va ripensato

16/08/2022

La compassione, la forza dell'altruismo e della solidarietà

Dalla passione alla compassione il passo non è grande, ma impegnativo. Perché la compassione che deriva dal latino “cum patior” è sentimento che ti fa soffrire con chi soffre. Ma non è la condivisione dell’empatia. È di più. È altro.

19/07/2022

La passione, il fuoco necessario per una vita consapevole

Un termine complesso e difficile da definire, deriva dal greco “pathos”, indica un misto di emozioni e rimanda alla sofferenza e al dolore, anche se fermarsi a questo significato sarebbe riduttivo. 

13/07/2022

Perseveranza. Energia creativa per trasformare i sogni in realtà

La parola e le parole non sono solamente espressioni convenzionali della comunicazione, ma realtà interne che ci appartengono

10/07/2022

Le parole che servono in adolescenza

Comunicare non è cosa facile per nessuno, ancora di più oggi con l’affollamento incredibile degli strumenti per la comunicazione. Di solito ci parliamo addosso e non ci ascoltiamo