24 Gennaio 2021, 09.23
Blog - Genitori e figli

Fermiamo i «giochi» estremi e mortali degli adolescenti

di Giuseppe Maiolo

Fermiamoli! Non c’è tempo da perdere. Facciamoli crescere e diventare autonomi questi ragazzini se non vogliamo vederli morire a 10 anni per un assurdo gioco di imitazione, come è accaduto a Palermo


Non possiamo continuare a pensarli bambini e infatilizzarli,
autorizzandoli a credere che è un “gioco” la prova estrema e assurda di una bambina che si stringe una cintura alla gola per vedere cosa si prova a stare in apnea.

“Blackout” lo chiamano questo divertimento mortifero, oppure “Passing out game”. Ma non è per nulla gioco, come credono. È una challenge, una sfida pericolosa, fatta per mettersi alla prova, per competere con gli altri e imitarli. Accade sui social, dove si diventa popolari e famosi mostrando abilità e comportamenti eccessivi. Così per soffocamento è deceduta la piccola. Molto probabilmente, perché non ha saputo fermarsi in tempo.

C'entrano i social? Sì, ma non è esclusivamente colpa loro. Gridare alla diffusa pericolosità della tecnologia digitale non basta e non salva nessuno. Di sicuro ci sono limiti da definire, accessi alla rete da controllare bene e funzioni tecnologiche da contenere per limitare la risonanza e l’emulazione mediatica delle imprese spavalde postate sul web.

Ma i programmi di tutela dei minori ci sono, si possono attivare per proteggerli, visto che non sanno il confine tra la prova e la morte. Alcune società li usano rendendo profili privati quelli degli utenti tra i 13 e i 15 anni, come ha fatto TikTok in questi ultimi giorni, forse anche a seguito di questo caso.

Il problema è però il controllo degli adulti di riferimento che manca. Spesso i genitori acconsentono che i più piccoli siano iscritti ai social più di moda imbrogliando sulla data di nascita dei figli. Ignorano loro stessi quali sono i rischi che fanno correre ai figli, non sanno dei giochi e delle imprese sempre nuove in rete. Più di tutto non sanno che agli adolescenti manca l’autocontrollo.

Dicono di divertirsi e pensano di giocare quando invece mettono in atto sfide estreme. Non lo fanno per trasgredire ai divieti degli adulti, come accadeva un tempo, quanto piuttosto per mostrarsi ed essere visibili.

Li attrae la gara con gli altri, il confronto con i pari, peraltro fondamentale a quell’età, ma domina la voglia di diventare popolari e famosi. E sentirsi invincibili con la sensazione (o l’illusione) di poter fare tutto senza limiti. Non è più il voler andare oltre le Colonne d’Ercole, come si diceva una volta quando si cominciava ad esplorare il mondo, è il non sapersi fermare prima perché non c’è ancora un sistema frenante attivo.
 
Le neuroscienze lo confermano: alcune aree cerebrali deputate al controllo del proprio comportamento si sviluppano tardivamente. Se poi ci aggiungiamo che gli adolescenti per varie ragioni non sono stati attrezzati a riconoscere le emozioni proprie e quelle degli altri, se non sono stati resi capaci di gestire i segnali che aiutano a comprendere ciò che accade fuori e dentro, possiamo dire che manca loro quel riverbero emotivo che permette di distinguere un complimento da un’offesa, una carezza da un pugno.

Alla difficoltà fisiologica di riconoscere i pericoli allora dovrebbero provvedere gli adulti di riferimento con norme e regole necessarie per compiere il viaggio della crescita. Ai genitori spetta il compito educativo di stabilire precisi confini o paletti utili a contenere gli eccessi adolescenziali.

Ma più di tutto poi è fondamentale non mantenerli infanti, iperprotetti, e farli diventare autonomi, capaci di un pensiero critico, strumento necessario per cogliere la pericolosità dei comportamenti a rischio sempre più diffusi sul web.

Meno li responsabilizziamo e più saranno in balia delle tante suggestioni pervasive che affascinano.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Aggiungi commento:
Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
02/03/2021

Ragazzi che si tagliano. Il rumoroso silenzio dell'autolesionismo

Ci sono silenzi rumorosi, che gridano ma non hanno voce. Urla senza parole che nessuno sente o che pochi ascoltano

23/02/2021

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani

Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia

01/02/2021

Fatti gli affari tuoi

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

27/01/2021

L'importanza della memoria

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo… ” scriveva Primo Levi

18/01/2021

Solitudine e isolamento in adolescenza, come aiutare i giovani

La solitudine è per chiunque una compagnia difficile e faticosa, ma l’isolamento lo è ancora di più perché tra l’una e l’altro c’è la dimensione dell’esclusione e il sentimento pesante della perdita di contatto con il mondo

10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

28/12/2020

Un lungo anno di paura e la strada che cura

Un lungo anno di paura, verrebbe da dire. O meglio, un interminabile tempo di angoscia che non si è ancora concluso. Perché non si tratta solo di paura, che è reazione di difesa a qualcosa di conosciuto, ma di fare i conti con l’indeterminato e l’invisibile

22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

07/12/2020

Fiabe che curano. Storie per far crescere la fiducia

C’è un mondo da scoprire quando si è bambini e poche sono le cose che la ragione può spiegare loro

30/11/2020

Nuove forme di violenza sulle donne

La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa