08 Ottobre 2020, 08.00
Blog - Eppur si muove

Il «tropo» segreto degli sporcaccioni

di Leretico

Se per caso o per diletto foste mai arrivati a visitare il salone dei corazzieri nel palazzo del Quirinale a Roma, avreste potuto ammirare i pregevoli affreschi di un noto artista manierista del Seicento chiamato Agostino Tassi


Fu un raffinatissimo pittore ed ebbe committenti molto ricchi da cui ricevette l’incarico di affrescare palazzi nobiliari ed aristocratici della Roma dei primi anni del Seicento.
Fu anche amico di Orazio Gentileschi, ma ebbe la malaugurata idea di stuprarne la figlia. Famoso il processo che ne derivò, in cui il Tassi fu condannato.

Nel processo tentò diverse manovre per evitare la condanna, non ultima quella di screditare Artemisia Gentileschi con accuse infamanti relative alla sua presunta immoralità sessuale.

Nel Seicento una donna stuprata non aveva futuro, a meno che il violentatore non avesse acconsentito a sposarla.

Ebbene, il Tassi subito dopo lo stupro promise ad Artemisia che l’avrebbe sposata, cosa che tranquillizzò il padre Orazio e soprattutto lei, la figlia. In realtà lo stupratore non aveva alcuna intenzione di portarla all’altare, essendo egli già sposato. Le sue promesse erano una mera manovra dilatoria che, infatti, non durò a lungo.

Orazio Gentileschi chiamò in giudizio il Tassi per lo stupro della figlia nel maggio del 1612 e nel novembre dello stesso anno ci fu la condanna. Lo stesso Tassi decise di andare in esilio per cinque anni, ma molto prima del termine della pena era già a Roma a dipingere un nuovo affresco per un facoltoso signore.

Ora, vorrei che qualcuno, se ce la fa, mi spiegasse perché il salone dei corazzieri al Quirinale non è stato oggetto del vandalismo quanto lo è stata la statua di Indro Montanelli a Milano il 13 giugno scorso.

I funesti imbrattatori che l’hanno presa di mira, hanno fatto colare una vernice rosso -sangue sulla testa e sul busto e, infine, hanno scritto sul basamento in granito parole infamanti: “razzista” e “stupratore”.

Stessa sorte mi sarei aspettato per gli affreschi del Tassi al Quirinale, visto che il suo autore era stato condannato, come ormai sappiamo, proprio per stupro. E invece no: il Tassi passi, non il Montanelli.

Dopo qualche mese dalla vandalizzazione della statua di Montanelli, avvenuta come si diceva a metà giugno di questo tribolato 2020, mi è venuta voglia di ripensare alla motivazione di quel gesto “barbaro”. Gli esagitati verniciatori volevano colpire simbolicamente una parte politica ben precisa, che oggi si manifesta con toni nazionalisti e sovranisti, utilizzando il primo simbolo che avevano a disposizione.

Purtroppo, è noto storicamente che quando si comincia con lo sfregio dei simboli, si finisce irrimediabilmente con l’uccisione degli uomini. Tuttavia, la guittezza dell’atto vandalico perpetrato a Milano non sta solo nel puerile tentativo di sfruttare la fama dell’attaccato per salire agli onori delle cronache, ma anche nel “tropo”, nello slittamento, nella deviazione nascosta contenuta nel significato dell’atto. Uno sfruttamento indebito del passato per dare una punizione circostanziata al nemico di oggi. Pessima attitudine.

Cerco di farvi capire meglio.
L’orda imbrattatrice italiana nasce, come altre, dall’uccisione da parte della polizia negli Stati Uniti del nero George Floyd, avvenuta il 25 maggio scorso. Sulla spinta dell’indignazione popolare provocata da quell’episodio, in tutto il mondo sono stati abbattuti monumenti dedicati a uomini in qualche modo accusati di razzismo o legati alla tratta degli schiavi.

In Italia, per ragioni storiche, scarseggiavano monumenti di egual fatta e, dunque, si è dovuto cercare bene. Chi ha voluto vandalizzare il Montanelli monumentale, conosceva il Montanelli dalla gioventù fascista, senza averlo mai perdonato.

Sull’onda emotiva alzata dal movimento “Black lives matter”, costoro hanno approfittato per sfoderare il loro “tropo” segreto che, come una tavola da surf, gli ha permesso di cavalcare quell’onda evitando l’accusa di essere dei semplici, vili, indomiti sporcaccioni.

La grandezza del giornalista, dello storico, dello scrittore sembrava a costoro solo una parentesi di poco conto, rispetto alla giusta punizione che si sarebbe dovuta comminare a suo tempo al Montanelli. La gambizzazione che gli riservarono quelli delle Brigate Rosse nel 1977 è per loro praticamente insignificante. Quel 13 giugno 2020 la persona da punire non era disponibile, hanno virato quindi sulla sua statua.
Ora mi viene da dire, e ben qui lo faccio, che la logica di un tale gesto è veramente assurda, anzi inesistente.

Seguendo lo stesso schema si dovrebbero far saltare in aria tutti i simboli del passato che sono nati, in un modo o nell’altro, sotto regimi dittatoriali o in nome di quelli. Che ce ne facciamo dunque dei templi greci ancora in piedi in Italia, visto che la società greca dipiù di due millenni fa era schiavista e razzista? Li dovremmo radere al suolo?
Ci sarebbero migliaia di esempi disponibili per confutare la tesi che sia giusto distruggere monumenti storici perché la visione politica odierna li considera “contro” il modo di sentire attuale. Ve li risparmio.

Resta in ogni caso la negatività di quel gesto, che non sta solo nella violenza indiretta costituita dallo sfregio verso un certo modo di vedere il mondo, cosa sempre disdicevole in democrazia, ma soprattutto sta nell’aver voluto celare la reale motivazione politica del gesto, sotto le spoglie della lotta al razzismo e allo stupro. Impostura, sfruttamento indebito, volgare segno di inciviltà portata avanti a colpi di vernice rossa e di “tropi” segreti.

E così, il messaggio passato con il gesto dei furenti imbianchini milanesi, è che si può utilizzare un monumento, un oggetto simbolicamente carico di storia, a fini di lotta politica contingente, senza pagare alcun dazio.

Altrettanto indecente sarebbe quindi la vandalizzazione a Roma degli affreschi del Tassi, che non sappiamo se fu razzista, ma certamente fu stupratore. Visto i tempi che corrono e le menti brillanti che circolano, non è detto che in futuro non possa avvenire.
Leretico



Vedi anche
24/05/2020 08:30

Il cammino fino al tramonto La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.

19/08/2015 09:31

All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

01/05/2018 08:30

La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

15/09/2015 08:02

La felicità non è una farfalla Adattando la famosa frase di Agostino sul tempo, presa dalle Confessioni, al concetto di felicità, essa potrebbe risultare così: “Se nessuno m'interroga [su cosa sia la felicità], lo so; se volessi spiegarlo a chi m'interroga, non lo so”.

02/03/2016 11:15

Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...




Altre da Eppur si muove
31/05/2021

L'arte utile della guerra inutile

Le guerre sono un dramma e un danno per tutti, praticanti e spettatori. Per fortuna in Italia siamo da molto tempo quasi sempre solo spettatori...

(2)
19/04/2021

Un dittatore di cui non abbiamo alcun bisogno

Qualche giorno fa il nostro Presidente del Consiglio si è esposto politicamente con un’affermazione forte nei riguardi del Presidente della Turchia Erdogan

(1)
16/03/2021

La verità della menzogna

La menzogna è qualcosa con cui abbiamo a che fare tutti giorni...

21/02/2021

Un prodigioso allineamento

La politica italiana non smette mai di stupire. L’ultimo fenomeno è l’allineamento delle forze politiche al nuovo uomo al comando: il salvatore dell’Euro che, affacciandosi dalla finestra della sua amena casa in Città della Pieve, salverà con la sola imposizione della mano la patria in balia delle onde

(1)
25/01/2021

La differenza

Si avvicina la Giornata della Memoria. E cosa val la pena di ricordare, oggi? Oltremodo significativo questo "pezzo" di Leretico

(2)
06/01/2021

Il costo di non credere nel futuro

Il dilemma più insidioso di questi mesi di pandemia è senz’altro legato alla scuola: non tornare a scuola per depotenziare il contagio, oppure tornare a scuola, sfidare il virus e contribuire forse alla sua maggiore diffusione?

(1)
03/12/2020

Chiamate l'esorcista

In Italia si protesta per qualsiasi cosa. La litigiosità del Belpaese è elevatissima e diffusa. Ne sa qualcosa la categoria degli avvocati che su questa attitudine vive e sopravvive.

(1)
16/11/2020

Il Covid colpisce anche la democrazia

Da poco sono terminate le elezioni del nuovo Presidente degli Stati Uniti. Visti i risultati, non sappiamo se il mondo, dopo questo evento, sarà un posto migliore

(1)
19/10/2020

Il grande clistere cavallino

Indro Montanelli, nel suo libro “Io e il Duce” ripubblicato di recente ne “Le raccolte del Corriere della Sera” (2018), racconta che...

(1)
24/05/2020

Il cammino fino al tramonto

La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.