30 Marzo 2021, 09.11
Blog - 21 grammi di psicologia

Distress ed eustress

di Sabina Moro

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso


Lo stress non è da considerarsi solo in maniera negativa. Per questo motivo è bene differenziare due tipi di stress:

- Eustress: stress positivo generato da stimoli che spronano l’organismo a mantenersi attivo, a raggiungere nuovi obiettivi e a mantenere alta la motivazione al successo;

- Distress: stress negativo generato da stimoli che richiedono all’organismo un’attivazione eccessiva e prolungata nel tempo.

Quest’ultimo può inoltre essere distinto in:
- Stress Acuto: di forte intensità ma di breve durata, come un lutto;
- Stress Cronico: di bassa intensità ma di lunga durata, come un rapporto di lavoro conflittuale.

La prima persona che parlò di stress fu, nel 1936, il medico austriaco Hans Seyle. Egli, dopo aver effettuato degli esperimenti con dei topi, arrivò a sostenere la presenza di una Sindrome Generale di Adattamento (SGA) caratterizzata da tre fasi:

1. Fase di Allarme, nella quale il soggetto, posto a contatto con lo stressor, sviluppa una forte attivazione caratterizzata da tensione, irrequietezza, tachicardia, maggiore concentrazione, sudorazione, ecc.;

2. Fase di Resistenza, nella quale il soggetto tenta automaticamente di adattarsi al cambiamento e cerca di sviluppare un nuovo equilibrio;

3. Fase di Esaurimento o recupero, nella quale il soggetto si “esaurisce”, dopo che le risorse necessarie a far fronte allo stressor sono terminate o, recupera le energie, dopo aver eliminato l’elemento stressante.

Tra i sintomi che accompagnano lo stress, troviamo:

- Sintomi fisici: mal di testa, dolore allo stomaco, tachicardia, sudorazione, ecc.
- Sintomi comportamentali: alimentazione compulsiva, assunzione di alcolici, ecc.
- Sintomi emozionali: rabbia, ansia, infelicità, senso di impotenza, ecc.
- Sintomi cognitivi: distraibilità, confusione, scarsa concentrazione, ecc.

Alcune tecniche e suggerimenti utili per la gestione dello stress possono essere:

- Rilassamento distensivo progressivo, favorisce lo sviluppo di consapevolezza, rispetto alla presenza di tensione muscolare in alcuni distretti corporei e il conseguente recupero di energia, fisica e mentale;

- Mindfullness, permette di arrivare all’accettazione incondizionata della propria esperienza di vita, caratterizzata da sensazioni fisiche, emozioni e pensieri propri, senza formulare giudizi positivi o negativi.

- Respirazione diaframmatica, porta a focalizzare l’attenzione sul movimento respiratorio diaframmatico attraverso l’utilizzo di respiri profondi, lenti e regolari che favoriscono un rilassamento del corpo, una riduzione della frequenza cardiaca e un abbassamento degli effetti nocivi del cortisolo, definito "ormone dello stress".

- Ristrutturazione cognitiva, permette di modificare le convinzioni disfunzionali, associate a emozioni negative, in convinzioni e schemi più obiettivi e realistici, associati ad emozioni funzionali;

- Regolazione del ritmo sonno-veglia, permette al nostro corpo il recupero delle energie necessarie che influiscono su aspetti quali l’irritabilità, l’attenzione, la concentrazione, la memoria ecc.;

- Attività fisica, stimola la produzione di endorfine, neurotrasmettitori con funziona analgesica e, favorisce uno stato di benessere e serenità grazie a una riossigenazione dell’organismo e a un miglioramento del sonno;

- Alimentazione, permette di contrastare lo stress se associata a cibi ricchi di vitamine del gruppo B, vitamine C, calcio e magnesio. Questi nutrienti hanno infatti la capacità di abbassare i livelli di cortisolo e alzare i livelli di serotonina, ormone del buonumore;

- Dedicare del tempo a se stessi, permette di allontanare l’attenzione dalle situazioni negative che generano stress e di focalizzarsi su di sé e su quello che piace fare, stimolando il buon umore, la motivazione e l’autostima.

Dott.ssa Moro Sabina
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia


Aggiungi commento:

Vedi anche
02/05/2021 10:00

Lavoro In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/07/2020 09:20

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

17/03/2021 09:09

Depressione “La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021 08:56

Ruminazione e rimuginio La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

30/10/2020 11:10

Insonnia Uno dei sintomi che spesso ci porta a rivolgerci ad un professionista è la riduzione o l’aumento del sonno. Ma come possiamo favorire il nostro sonno e limitare episodi di insonnia?




Altre da Blog-21grammi
17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

17/03/2021

Depressione

“La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021

Ruminazione e rimuginio

La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

15/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

31/01/2021

Ansia da malattia

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?

15/12/2020

Senso di colpa

Una delle emozioni secondarie che spesso viene nominata è il senso di colpa. Ma cos’è il senso di colpa e cosa comporta?