07 Dicembre 2013, 07.08
Valsabbia Capovalle
Briciole di Cultura

La Madonna di Rio Secco

di Alfredo Bonomi

Un paesaggio severo, affascinante ed intenso, quallo che ospita il santuario della Madonna di Rio Secco


Molti sono i santuari mariani che testimoniano una fede consolidata; quasi sempre sono sorti a ricordo di fatti miracolosi, dove si mescolano storia e leggenda.
Ubicati in località con rilevanze paesaggistiche di alto pregio, testimoniano il profondo legame tra la natura e lo spirito e richiamano il valore della bellezza come armonia che diletta il cuore e la mente.
Oggi sono una meta anche per i tanti che amano coniugare un “viaggio nella natura” con quello nella “storia della pietà quotidiana” delle popolazioni che hanno lasciato, con fatica e notevoli sacrifici, le testimonianze della loro pratica religiosa.

Così è anche per il santuario della Madonna di Rio Secco in quel di Capovalle.
La meta è affascinante per molti aspetti.
L’antica mulattiera, che collegava Capovalle a Treviso  Bresciano ed alla Valle della Degagna attraverso la valle di Rio Secco ed il passo della Fobbia, ha visto nei secoli transitare i montanari dediti alla fatica di un’economia basata sull’allevamento del bestiame e sullo sfruttamento dei boschi, unitamente ai viandanti diretti dalla Valle Sabbia verso il Trentino e viceversa.
 
Ora la mulattiera è stata sostituita da una comoda strada, ma la stretta vallata di Rio Secco ha mantenuto intatto il suo fascino “selvaggio”.
Qui il “silenzio della natura” parla abbondantemente a chi è capace di ascolto.
È su questa strada, su un dirupo che precipita verso un torrente “povero di acqua” che sorge il santuario della Madonna di Rio Secco.
L’origine, anche in questo caso, è legata ad un fatto miracoloso e la fantasia degli uomini ha messo le ali ad una fede semplice ma profonda.
 
Lasciamo che siano le parole della tradizione a guidarci:
«in una notte di un imprecisato anno della prima metà del secolo XVII, carbonai e mandriani dalle loro povere casupole sparse sulle montagne, furono abbagliati da una luce vivissima che avvolgeva il poggio roccioso di Rio Secco, situato ad un’ora di strada da Capovalle, sulla mulattiera per il passo della Fobbia.
A tal straordinario spettacolo, essi si affrettarono a raggiungere quel luogo e, con il più grande stupore trovarono sotto gli annosi abeti “su un muricciolo non mai prima osservato, un grazioso dipinto raffigurante la Vergine di uno sguardo così dolce e maestoso da inspirare a chicchessia viva devozione e fraterna fiducia...»
 
Così ha “raccontato”, di generazione in generazione, la fede che ha dato origine alla devozione alla Vergine in questa località, lontana dai centri abitati, ma nel cuore del bosco, “patrimonio prezioso” per i nostri antenati.
 
La “Madonna di Rio Secco”, nel corso di grande solennità volute dalla popolazione di Capovalle dal 4 al 7 febbraio del 1950, è stata proclamata dall’Arcivescovo di Brescia, Mons. Giacinto Tredici, «Patrona dei carbonai e dei boscaioli».
Difficilmente una dedica è stata più centrata di questa. Il santuario, in luogo solitario, non è solo nella natura ma è da questa abbracciato, in un severo contesto dove la maestosità dei faggi che lo circondano e l’asprezza del dirupo che lo “ospita a fatica” diventano elemento portante di un insieme di forte poesia.
 
Non siamo ancora nel paesaggio dell’alta montagna, ma nemmeno siamo rimasti nelle atmosfere delicate della media montagna.
Siamo invece in un “unicum” che stranamente sembra richiamare gli elementi dell’aspro paesaggio delle nostre scogliere marine, con la differenza che qui ci troviamo in una “scogliera montana” con la vegetazione ed i colori delle Prealpi.
 
In sintesi, a “lasciar parlare” ciò che si vede, si impone la solennità della natura con la sua forza e con la sua delicata poesia.
È in questo scenario che è sorto il santuario, prima come piccola cappella e poi come chiesa, notevole per disegno ed ornamenti.
L’attuale costruzione, voluta essenzialmente da Don Gaudenzio Squaratti, che ha saputo muovere le corde del cuore dei parrocchiani di Capovalle, è stata terminata nel 1928.
 
Il disegno è del geometra Marsilio Vaglia che ha concepito una deliziosa costruzione neoromanica con qualche tocco neogotico.
Dimostra da parte dell’estensore una buona conoscenza della storia dell’arte, con riferimento ai modelli dell’architetto Antonio Tagliaferri ed a quella “Scuola” (Trainini ed altre) assai florida a Brescia nei primi decenni del 1900 che tendeva a riproporre in architettura e nella decorazione la “lezione” della grande arte italiana.
È su questa linea che spicca la decorazione pittorica di Giuseppe Mozzoni con la bella e morbida “Pietà” della facciata, che ben si addice nella fluidità delle tonalità al contorno naturale.
 
La volontà di ricorrere ad artisti ed a modelli di qualità è la più chiara dimostrazione del desiderio della comunità di Capovalle, all’atto della costruzione della chiesa, di voler il meglio che il “mercato dell’arte” offriva, secondo l'adagio che sostanzialmente così recita: «l’arte vera non conosce limiti di ubicazione geografica».
All’interno una bella tela seicentesca rappresentante la Vergine ha accolto le preoccupazioni, le speranze e le gioie dei fedeli accorsi al santuario.
 
Ritrovata, dopo essere stata trafugata per entrare nel giro del desiderio del “bello a pagamento” che non rispetta nemmeno i simboli della fede e della comunità, è ora conservata nella chiesa parrocchiale di Capovalle.
Dopo la costruzione nel 1928 e la solenne inaugurazione alla presenza del Vescovo ausiliare di Brescia, Mons. Emilio Bongiorni, si sono susseguiti a più riprese gli interventi per una degna conservazione del santuario e per rendere più gradevole il luogo.
 
Le feste in onore della madonna di Rio Secco richiamano molti fedeli, specialmente da Capovalle e da Valvestino.
Questa chiesa è un luogo di fede ma anche di riferimento e di identità per gli abitanti costretti ad allontanarsi dal paese per lavoro.
È significativo che nella giornata della festa dedicata alla Vergine, proprio sul piccolo ma coinvolgente piazzale del santuario, all’ombra dei superbi faggi, si acquisti ad un prezzo simbolico la “spongada”, cioè il dolce semplice che ha allietato nel passato le grandi occasioni di una popolazione povera, ma assai decorosa, quasi a dimostrazione di voler mantenere saldo il legame con una “civiltà locale” che non si vuol abbandonare, fatta di buon gusto e di moderazione.
 
Alfredo Bonomi
    
 


Aggiungi commento:

Vedi anche
01/10/2020 10:00

L’abbraccio dei faggi al santuario di Rio Secco Sull’antica strada di collegamento ad alta quota tra Treviso Bresciano e Capovalle o, meglio ancora, tra la Bassa Valle Sabbia, attraverso la Degagna e il passo del Cavallino della Fobbia, e Capovalle e la Val Vestino, sorge il santuario della Madonna di Rio Secco

10/08/2011 08:00

Festa dell’Assunta a Rio Secco Luned a Capovalle, nella solennit mariana di met agosto, tornano i consueti appuntamenti al Santuario della Madonna di Rio Secco.

17/11/2009 07:34

Torna a casa la Madonna di Rio Secco E' stata restituita ai legittimi proprietari l'opera cinquecentesca di Pietro da Marone, trafugata dal santuario di Rio Secco quindici anni fa.

09/08/2007 00:00

Devozione a Rio Secco Mercoled 15 agosto a Capovalle si svolger la tradizionale sagra al Santuario della Madonna a Rio Secco. Il programma prevede la celebrazione di una prima messa alle 9, mentre quella solenne per le 11.

17/08/2010 07:49

La Madonna di Rio Secco La tradizionale festa del 15 agosto a Rio Secco di Capovalle, quest'anno, stata la speciale occasione per il ritorno nella sua sede di un prezioso dipinto.




Altre da Capovalle
24/03/2021

Scossa a Capovalle

Scossa a Capovalle
Un terremoto di magnitudo 2.5 è stato avvertito fra la Valle Sabbia e la Valvestino

10/03/2021

Al via le vaccinazioni anticovid19 a Nozza di Vestone

Questa mattina nella Sede Territoriale di ASST Garda a Nozza le prime somministrazioni agli ultraottantenni, cominciando da quelli di Capovalle

15/02/2021

Pulmini... al barolo

Per la prima volta, almeno in Valle Sabbia, i Fondi dei Comuni di confine vengono spesi anche per le municipalità "di seconda fascia"

21/01/2021

La pista sullo Stino

Tanta bella neve anche sull'altopiano di Capovalle dove i volontari dell'Audax hanno battuto la pista da fondo mettendola a dispozione in attesa che possa essere utilizzata

16/01/2021

La «Ciclabile alta» per unire il Garda all'Eridio

Il progetto messo in campo dalla Comunità montana del Parco Alto Garda è finanziato con i fondi dei Comuni di confine e recupererà sentieri escursionisti per collegare il Garda con la Valsabbia

28/12/2020

Al Tombea di Germano il «Dino Villani 2020»

Il prestigioso premio dell'Accademia Italia della Cucina è stato consegnato a Nozza dal delegato Giuseppe Masserdotti

19/12/2020

Precipita nel bosco con la Panda

Ha perso il controllo dell’auto mentre scendeva lungo la Provinciale numero 58 ed è precipitato per alcune decine di metri prima che l’auto si incastrasse contro un albero

09/11/2020

Vaccinazioni antinfluenzali, ecco il calendario

L’Asst del Garda ha predisposto le vaccinazioni nei Comuni dove non tutti i medici di base hanno aderito alla campagna vaccinale. Ecco il calendario per la Valle Sabbia

30/10/2020

Stop alla caccia nelle aree protette Natura 2000

Il Tar regionale ha accolto il ricorso presentato dalla Lac e ha disposto il divieto di caccia nelle aree protette delle Province di Brescia, Cremona e Lecco. Tre i siti anche in Valsabbia, tra cui l'altopiano di Cariadeghe

19/10/2020

È arrivato anche Matteo

Matteo Piccini, 23 anni, è l’ultimo “acquisto” dei Vigili del fuoco volontari del distaccamento di Vestone. Un esempio da seguire