21 Gennaio 2023, 08.00
Valsabbia
Blog - Glocal

Pnrr e scommessa sulle «Città verdi»

di Valerio Corradi

Il verde e gli alberi sono indispensabili all’ecosistema urbano, un investimento contro la plastificazione del territorio


Una delle azioni più impattanti a livello ecologico
del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) è quella che prevede di piantare entro il 2024 ben 6,6 milioni di alberi nelle 14 città metropolitane italiane, allo scopo di mitigare gli effetti dell'inquinamento atmosferico, dei cambiamenti climatici e della perdita di biodiversità.

La specifica misura del Pnrr può contare su uno stanziamento complessivo di 330 milioni di euro in attuazione del “Piano di forestazione urbana ed extraurbana” realizzato attraverso la compartecipazione del Ministero dell’ambiente, dei Carabinieri forestali, dell’Istat e del Centro di Ricerca “Biodiversità servizi ecosistemici e sostenibilità”.

Una prima parte di questo piano è stata implementata già alla fine del 2022 tenendo conto della varietà degli alberi e dei contesti locali e avviando la piantumazione di 55 tipologie arboree e 55 arbustive.

Nel corso del 2023 si intensificherà la “riforestazione” dei grandi centri urbani che richiederà negli anni successivi un impegno non indifferente nella cura e nella manutenzione delle zone alberate.

Tale misura non rappresenta una novità assoluta, infatti già la legge nazionale 10/2013 prevede per i comuni oltre i 15mila abitanti l’istituzione di un catasto degli alberi, che venga messo a dimora un nuovo albero per ogni bambino nato e che si lavori per migliorare lo stato complessivo delle aree verdi.

Peraltro, su questo, Brescia vanta alcuni primati essendo ai primi posti in Italia (dietro Cuneo e Modena) con 112 alberi in aree di proprietà pubblica ogni 100 abitanti contro, ad esempio, i 52 alberi ogni 100 abitanti di Milano, i 56 di Mantova, i 33 di Bergamo, i 25 di Verona.

Il percorso di costruzione di comuni “green”
è comunque ancora lungo e non è esente da contraddizioni. Non mancano casi nei quali il verde pubblico e gli alberi vengono ancora visti come un problema oppure solo come dei costi.

In alcuni centri questo ha portato a sostituire manti erbosi con superfici in materiale sintetico, certamente utili nelle aree gioco dei parchi pubblici ma forse poco adatte a ricoprire intere aiole, giardini pubblici finanche rotatorie dove la componente del verde naturale potrebbe invece dare un valore aggiunto.

In altri casi si è proceduto all’eliminazione di alberi senza che ne sia seguita una piantumazione compensativa. In altri ancora il consumo di suolo ha di fatto azzerato i vantaggi acquisiti con la messa a dimora di nuovi alberi.

Oggi dobbiamo forse sviluppare un’idea più ampia di comunità che arrivi a comprendere anche gli altri esseri viventi che condividono con noi uno spazio o un luogo. Nuovi approcci sanitari come “One Health” riconoscono il collegamento e la stretta interdipendenza della salute dell’uomo con quella gli altri esseri viventi come piante e animali.

Lo stesso welfare è oggi chiamato a includere la componente ecologica rappresentata da aree verdi e zone alberate tra gli strumenti necessari per innalzare il livello di benessere di una popolazione. Mettere quindi l’albero giusto al posto giusto nei nostri comuni è ben lontano dal rappresentare uno spreco.

Piuttosto, da una parte esso è un investimento del quale potranno beneficiare tutte le componenti dell’ecosistema in cui viviamo e dall’altra è un’occasione per riconsiderare il rapporto tra gli esseri umani, le piante e gli animali abbandonando l’idea che essi siano entità separate.

(tratto dal Giornale di Brescia)


Aggiungi commento:

Vedi anche
02/12/2019 08:32

Un bosco urbano a Prevalle In occasione del Festa Nazionale degli Alberi, la Commissione Ambiente del Comune di Prevalle si è fatta promotrice di un nuovo progetto ambientale dedicato agli alberi

08/08/2021 10:47

Per il ritorno della «città giardino» La cura degli spazi verdi è un biglietto da visita per le località che vogliono attirare visitatori. Quanto sono curate le aree verdi dei nostri comuni?

24/08/2021 09:00

Una riforma a misura di territorio La riorganizzazione della sanità lombarda passa anche dall’introduzione delle Case di Comunità. Cosa sono e perché possono essere utili?

20/11/2019 09:24

Un «bosco urbano» per la tutela dell'ambiente In occasione della Giornata Nazionale degli Alberi questo sabato, 23 novembre, a Prevalle un’area comunale inutilizzata verrà piantumata con alberi ad alto fusto tipici della vegetazione della Pianura Padana

18/04/2018 09:18

Gestire con professionalità il verde pubblico Un invito particolare a chi si occupa dei parchi pubblici quello rivolto dagli Agronomi e Forestali di Brescia al convegno sulla potatura degli alberi ornamentali in città in calendario questo venerdì 20 aprile al Museo di Scienze naturali a Brescia




Altre da Glocal
18/11/2022

Il Welfare aziendale: opzione in crescita

Il Welfare aziendale è sempre più una risorsa per aziende, lavoratori e comunità locali. Se ne è parlato in un convegno della Rete Welfare Responsabile

14/11/2022

Se il paesaggio diventa un simulacro

Il paesaggio è un bene comune sempre più a rischio che va curato e vissuto per evitare che diventi solo un simulacro virtuale

02/11/2022

Solidarietà, rilanciare la cultura del dono

Il volontariato è una delle colonne portanti del welfare di comunità ma oggi mostra alcuni segnali di stanchezza. Quali sono le cause?

02/09/2022

Ucraina, il fantasma dell'Holodomor

La crisi del grano di oggi e il tragico ricordo della carestia dell’Holodomor di novant’anni fa

03/08/2022

Odessa, una città plurale e scomoda

La fragilità del patto sul grano e l’inasprimento del conflitto nel sud dell’Ucraina mostrano il carattere strategico di Odessa, centro economico e culturale di rilevanza internazionale

19/07/2022

Futuri turismi del lago di Garda

In  libreria il volume Futurismi del Garda (Liberedizioni, Brescia 2022) curato da Valerio Corradi e Marcello Zane. Il libro riflette sull’importanza dell’ambiente, della cultura e della qualità della vita nel sistema turistico benacense

07/05/2022

Verso organizzazioni intelligenti e creative

Welfare aziendale, responsabilità, partecipazione, resilienza sono temi chiave per la creazione di contesti lavorativi intelligenti e creativi. Se ne parlerà martedì 17 maggio a Lumezzane alla presentazione di un volume di Luciano Pilotti

30/03/2022

Brescia e la sfida glocale

In occasione della presentazione del libro Brescia e la sfida glocale curato da Marco Caselli, Vincenzo Cesareo, Valerio Corradi e Mario Taccolini, domani 31 marzo presso l’Università Cattolica di Brescia si terrà il seminario Giovani, lavoro e formazione

29/03/2022

Urbicidio, le città sempre più sotto tiro

La guerra d’Ucraina sta portando con sé la distruzione delle città, colpite nel patrimonio artistico e culturale ma soprattutto negli edifici abitati da comuni cittadini

17/03/2022

Lavorare per una buona accoglienza

La crisi ucraina rilancia la sfida di un sistema d’accoglienza capace di collaborare col welfare locale e di guardare oltre l’emergenza