23 Febbraio 2021, 09.31
Blog - Genitori e figli

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani

di Giuseppe Maiolo

Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia


Da alcuni sondaggi risulta che gli adolescenti in media attivano adesso il loro cellulare almeno 120 volte al giorno. Ed è abuso di uno strumento utile ormai, ma che sta facendo crescere le “Nuove dipendenze”, quelle che riguardano non le sostanze ma i comportamenti.

Dall’uso compulsivo di Internet, unitamente ai valori di una società sempre più narcisistica che propone e pubblicizza uno stile di vita basato sull’esteriorità e sulla fama, cresce nei teenager un acuto bisogno di popolarità e un protagonismo spinto che rende incapaci di partecipazione affettiva.

Ad esempio per i centennials, i nati dal 2000, i social sono un’esperienza totalizzante soprattutto con la pandemia che li ha costretti in casa nel ristretto spazio domestico e a contatto forzato con quella famiglia da cui, per crescere, essi hanno invece bisogno di prendere le distanze.

Vivono così uno stravolgimento significativo della fase più complessa e importante della vita, dove abbonda il disorientamento a causa anche della comunità adulta che, in preda alla sfiducia, incrementa lo spaesamento e la confusione.

Per compensare le esperienze frustranti o per fuggire ai problemi e ai sentimenti di impotenza, Internet, i social, i giochi online e le sfide senza controllo, illusoriamente sembrano strumenti di divertimento capaci di ridurre l’angoscia del futuro e la disperazione.

Ed è allora che la rete finisce per diventare fonte esclusiva di soddisfazione, perché offre immediata ricompensa alle frustrazioni e, come spiegano le neuroscienze, attiva nel cervello il circuito neurale della gratificazione che potenzia la sensazione di piacere.

Il bisogno di incrementare il numero dei propri follower, quello incessante dei “like” sui post, sono così i primi segnali di una probabile dipendenza dalla tecnologia. Rapidamente può seguire un progressivo allontanamento dalla realtà, la perdita della cognizione del tempo, l’alterazione del ritmo sonno-veglia. E poi comportamenti aggressivi in casa, persistente nervosismo, disinteresse per le altre attività, trascuratezza personale e alimentazione sregolata.

A quel punto bisogna intervenire in fretta, spesso con un aiuto specialistico. Perché è urgente contenere la chiusura al mondo reale e la prigionia della dipendenza. Prima di tutto però gli adolescenti hanno bisogno di attenzione e ascolto da parte dell’adulto di riferimento.

Servono a poco i divieti e le punizioni per liberarli. Serve piuttosto un dialogo condiviso e una lingua di comunicazione nuova tra adulti e minori, che se ne vanno online per paura del mondo e per la mancanza di interlocutori affidabili.

Non è mai semplice sciogliere le loro catene. Meglio sarebbe prevenire ed essere precocemente genitori competenti sul piano tecnologico, informati dei rischi e a conoscenza delle cose che i ragazzi amano fare in rete. Servono adulti capaci di accompagnarli da piccoli a conoscere internet e difenderli dai rischi, ma anche in grado di dare loro strumenti per farlo in autonomia.

Fondamentale è l’autorevolezza della famiglia che sa negoziare regole e tempi di utilizzo dei dispositivi, dei social e di quel web utile ma anche pericoloso.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Aggiungi commento:
Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
01/02/2021

Fatti gli affari tuoi

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

27/01/2021

L'importanza della memoria

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo… ” scriveva Primo Levi

24/01/2021

Fermiamo i «giochi» estremi e mortali degli adolescenti

Fermiamoli! Non c’è tempo da perdere. Facciamoli crescere e diventare autonomi questi ragazzini se non vogliamo vederli morire a 10 anni per un assurdo gioco di imitazione, come è accaduto a Palermo

18/01/2021

Solitudine e isolamento in adolescenza, come aiutare i giovani

La solitudine è per chiunque una compagnia difficile e faticosa, ma l’isolamento lo è ancora di più perché tra l’una e l’altro c’è la dimensione dell’esclusione e il sentimento pesante della perdita di contatto con il mondo

10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

28/12/2020

Un lungo anno di paura e la strada che cura

Un lungo anno di paura, verrebbe da dire. O meglio, un interminabile tempo di angoscia che non si è ancora concluso. Perché non si tratta solo di paura, che è reazione di difesa a qualcosa di conosciuto, ma di fare i conti con l’indeterminato e l’invisibile

22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

07/12/2020

Fiabe che curano. Storie per far crescere la fiducia

C’è un mondo da scoprire quando si è bambini e poche sono le cose che la ragione può spiegare loro

30/11/2020

Nuove forme di violenza sulle donne

La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa

22/11/2020

Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata

“Non riesco a immaginarmi come sarò da grande”. “Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro”... E non sono i bambini del Covid