09 Dicembre 2023, 07.18
Blog - Genitori e Figli

Educare maschi. Farli crescere col senso del rispetto

di Giuseppe Maiolo

Non si nasce educatori, ma si diventa. Ma poiché l’educare è diventato una operazione complessa, è necessario che gli adulti di riferimento (genitori e insegnanti) riflettano sul cosa vuol dire educare i maschi.


È inaccettabile che un adulto su 4 ritenga la violenza su una donna determinata dal suo modo provocatorio di vestire. Inammissibile che 4 maschi su 10 pensino che una donna sia sempre in grado di sottrarsi a un atto sessuale se davvero non lo vuole.
Diventa doveroso domandarsi quali modelli culturali stiamo fornendo e come educhiamo alle relazioni.  

Per educare i maschi serve una lente d’ingrandimento necessaria per vedere che la violenza maschile non c’entra con la virilità e la violenza ha poco a che fare con la devianza sessuale.
Convinzioni che alimentano solo risposte di emergenza e repressione ma non di prevenzione.

Educare al rispetto delle donne vuol dire cominciare fin dalla nascita a prepararli alle relazioni affettive e interpersonali, senza aspettare l’adolescenza per affrontare il discorso sui sentimenti e le relazioni affettive.
Fanno ridere quei progetti che in una manciata di ore pretendono di contrastare la violenza e trasformare in profondità una cultura maschilista radicata nell’immaginario collettivo.

La violenza sessuale ha a che fare solo in parte col sesso, perché è più possesso e potere dei maschi.
Serve che già alla scuola dell’infanzia, magari al nido si educhino gli adulti all’uso delle parole che a volte in apparenza sono amorevoli mentre nascondono pensieri irrispettosi e idee sessiste, come le frasi frequenti che rimandano a convinzioni consolidate “Ora che sei un ometto…” e “Amore, i maschi non piangono!” che sono irrispettose di ciò che prova di un bambino.

Educare alle emozioni è tutt’altra cosa
in quanto non è un rimuovere ciò che un piccolo sente, ma far emergere ciò che vive.
Vuol dire aiutarlo a rintracciare dentro il proprio maschile i sentimenti di aggressività e di tenerezza, la forza e la dolcezza dei gesti o la fragilità delicata del suo sentire che sono polarità emozionali da riconoscere e con cui imparare a convivere se in possesso di adeguati strumenti di gestione.

Non si tratta di far discorsi quanto, come adulti, di essere d’esempio.
Perché anche i papà piangono, hanno il diritto di commuoversi e di mostrare i propri sentimenti, ma sono capaci, o dovrebbero esserlo, di gestire le emozioni negative, le parole offensive o i gesti della violenza.

Educare i maschi vuol dire insegnare loro a litigare, cioè lasciare segni su come farlo.
Perché in una relazione il conflitto non è un problema ma è pericoloso non avere strumenti per governare i sentimenti e fare in modo che la rabbia non si trasformi in furia brutale.

Aiutiamo i maschi con il nostro modo di fare a stare nel conflitto senza assumere una posizione di potere, aiutiamoli a litigare bene anche tra fratelli e noi stessi non reprimiamo subito lo scontro, né puniamo chi litiga.
Insegniamogli precocemente a gestire il diverbio e a saper stare nelle situazioni di ambivalenza affettiva e facciamo in modo che imparino ad ascoltare le ragioni dell’altro Questo è già educare al rispetto.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
Docente di psicologia delle età della vita
www.iovivobene.it




Aggiungi commento:

Vedi anche
24/07/2021 08:03

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell’educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese

15/11/2023 07:02

Educare, oggi Cosa vuol dire essere genitori, oggi?

02/12/2019 07:53

Educare i maschi Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...

02/11/2020 15:30

Educare alla fantasia È tempo in cui dovremmo seriamente educarci ed educare alla fantasia. Così come si educa (o si dovrebbe) educare alle emozioni, alla sessualità, alla legalità, abbiamo la necessità di dare spazio a una delle facoltà umane più importanti e recuperare l’immaginario nascosto o perduto

12/07/2020 08:07

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente




Altre da Genitori e Figli
04/12/2023

Il maschile. Una questione plurale su cui riflettere

Il maschile non è solamente il genere che connota un maschio, è un universo di elementi in grado di regolare il mondo delle relazioni interiori, individuali, collettive e soprattutto quelle rivolte al femminile, “l’altra metà del cielo”

27/11/2023

Peccato che tu sia femmina

"Una volta, sorpreso dai risultati della mia pesca, invece di complimentarsi, mi disse: «Peccato che tu sia femmina, saresti stato proprio figlio mio se fossi nata maschio!»"...

22/10/2023

Salute. Quella mentale dei giovani è più precaria

Solo qualche giorno fa si è celebrata la giornata mondiale della salute mentale, la cui attenzione anche quest’anno è stata rivolta al disagio psicologico in adolescenza

01/10/2023

Apprendimento. Emozioni e rendimento scolastico

Che la scuola sia il luogo dell’apprendimento non ci sono dubbi, ma che sia anche il posto dove si sperimentano emozioni sentimenti è altrettanto ovvio

24/09/2023

Alleanza. Importanza della collaborazione tra scuola e famiglia

L’alleanza è una parola che a me fa venire in mente un ponte, cioè una struttura di collegamento. L’alleanza scuola-famiglia credo gli assomigli perché, come il ponte che è manufatto difficile da realizzare, richiede impegno e precisione. Deriva dal francese “alliance” che è partecipazione e “vincolo” tra due parti con aspettative comuni

17/09/2023

Emergenza. Consapevolezza, non cultura della punizione

La parola emergenza spesso viene associata all’urgenza, alla sensazione di pericolo, e alla necessaria immediatezza delle risposte. Viene dal verbo emergere, cioè comparire, manifestarsi, uscire dal sommerso...

10/09/2023

Il dubbio, a scuola insegniamo a dubitare

La parola “dubbio” è fuori moda, anzi temuta, perché nel tempo insicuro che stiamo vivendo puntiamo solo alle certezze e valorizziamo unicamente le risposte.

04/09/2023

La violenza del branco, indigniamoci? No, vergogniamoci!

Nelle storie aberranti di stupro di gruppo ti indignano diverse cose.

20/08/2023

Le vacanze dei genitori separati con i figli

Le vacanze dei genitori separati con i figli, sono un’opportunità preziosa per stare insieme, rinforzare il legame e migliorare la comunicazione

07/08/2023

Vacanze. Il tempo del «noi»

Le ferie agostane sono sinonimo di vacanza, cioè di un tempo vuoto da impegni e attività. Sembra che l’azzeramento delle incombenze lavorative e quel misto di divertimento e svago che ci aspettiamo, siano ciò che ci serve per contrastare lo stress e “vaccinarci” per un anno intero