20 Giugno 2022, 06.44
Blog - Genitori e figli

Lettera aperta ai maturandi

di Giuseppe Maiolo

Cari studenti della maturità! L’esame di stato che state per affrontare, una volta chiamato “di maturità”, è una delle esperienze più intense e ricche di significati che farete nella vita

 
La "maturità" si ricorderà per sempre, anche se vi saranno altri esami più impegnativi da superare.
Non a caso pure in età avanzata sogniamo la maturità ogni volta che ci sono grandi cambiamenti o decisioni importanti da prendere perché è una prova che ha un grande valore simbolico.

Da una parte verifica le competenze raggiunte alla fine di un ciclo di studi, ma dall’altra è un rito di passaggio, uno dei pochi che rimangono, che scandisce un cambiamento di stato sociale, culturale e psicologico e rimanda al livello di maturità raggiunto.
Se volete, segna la transizione dalla posizione di figlio–studente a quella di adulto che da qui in poi sarà in grado di prendere la parola a nome suo, si sentirà autorizzato a fare scelte personali e a prendere decisioni autonome.

Dopo la navigazione turbolenta nel mare dell’adolescenza, questo esame cruciale, però può essere vissuto in modo anche drammatico.
Perché assomiglia al momento in cui hai capito che sai nuotare, ma devi buttare via il salvagente per verificare quanto riesci a restare a galla.

In apparenza quello che spaventa sembra essere la paura dell’esaminatore che ti giudica e il suo giudizio, ma quello che domina di più è l’angoscia di non farcela, di sprofondare, annegare e perdere il controllo della vita.
L’ansia è normale in tutti gli esami perché dobbiamo mostrare la preparazione raggiunta e confrontarci con le proprie responsabilità oltreché di quale è stato il nostro dell’impegno.

Ma anche quando la coscienza è a posto
, nell’esame di maturità c’è un livello psichico profondo che si attiva.
È connesso alla necessità di accettare la conclusione di un ciclo della vita e al compito, difficile, di lasciare l’infanzia, le sue relazioni per diventare individui autonomi e cominciare a volare.

Passaggio delicato per ogni generazione, ma che adesso è più complesso per voi che siete nel tempo del pensiero “iperconcreto”, caratterizzato da una competitività personale eccessiva e dal desiderio di perfezione che vi abbiamo trasmesso insieme alla paura che noi adulti abbiamo del vostro fallimento.

Così c’è meno spazio per la riflessione, l’ascolto e l’accettazione dei propri limiti e più paura di diventar grandi.
Prendetevi invece il tempo, questo tempo che precede l’esame, per sostare nelle emozioni, anche se faticose. Accettate che la maturità sia l’occasione per un confronto costruttivo con voi stessi e, a prescindere dal voto, spiccare il volo.

Non illudetevi di eliminare lo stress della prova, imponendovi lunghe ore di studio notturno. Evitate di farlo perché non serve.
Lo stress ha la sua funzione, “è il sale della vita” diceva il biologo Hans Selye. Come il sale dobbiamo solo regolarlo in quantità, non eliminarlo!

Non studiate ma ripassate! E date spazio allo svago, agli amici, alla musica che amate. Se conoscete tecniche per rilassarvi, usatele. 
Nei momenti di grande tensione, fate esercizi di respirazione lenta e profonda portando l’attenzione all’atto respiratorio. Può aiutare. Prima della prova orale può servire immaginare la scena dell’interrogazione, l’ambiente, il volto degli insegnanti.

E quando inizierà, non rispondete in fretta e d’impulso, ma fate un respiro profondo che vi può aiutare a calmarvi e a prendere il tempo per organizzare la risposta.
Se siete molto agitati ditelo all’esaminatore, perché anche manifestare apertamente ciò che si prova serve a creare un clima adeguato.

In bocca al lupo!

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.iovivobene.it  



Aggiungi commento:

Vedi anche
27/05/2009 00:10

Questi i commissari per il «Perlasca» Sono state rese note le composizioni delle commissioni per gli esami di Maturit. Ecco gli insegnanti che giudicheranno gli alunni del “Perlasca” di Idro e Vobarno.

20/06/2015 09:35

Tempo di esami Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

15/06/2021 10:38

Scuola finita, ora c'è la maturità Bilancio in chiaroscuro per gli alunni del “Perlasca” per l’anno scolastico appena trascorso segnato dalla didattica a distanza. Da mercoledì il via agli esami di Stato

13/07/2009 14:00

Centosedici neodiplomati al “Perlasca” Sono terminati la scorsa settimana gli esami di maturit all’istituto “Perlasca”: tutti promossi. Intanto nel mese di luglio si tengono i corsi di recupero in vista delle prove di accertamento.

23/06/2022 07:20

In 270 sotto esami al Perlasca Al termine della prima prova, quella scritta "ministeriale", i ragazzi del Perlasca (ne abbiamo incontrati alcuni a Vobarno) sono tutto sommato tranquilli




Altre da Genitori e Figli
17/06/2022

Tempo di esami e tempo dell'ansia

Con gli esami in arrivo l’aria che si respira in famiglia e tra i ragazzi, è carica di tensione

02/06/2022

Bocciatura a scuola? Elogio del fallimento.

La scuola sta finendo! È un incipit che mi ricorda la mitica canzone di Righeira: “L’estate sta finendo e un anno se ne va / Sto diventando grande lo sai che non mi va”

16/05/2022

Ancora un'adolescente suicida

Ancora una tragedia sconvolgente. Un’altra ragazza di 15 anni che qualche giorno fa, sul lago di Garda, si è tolta la vita

18/04/2022

Il tempo della solitudine in adolescenza

In questo periodo è in aumento la solitudine, come condizione di smarrimento e di sconfitta. Alcuni la ritengono la nuova pandemia visto il pericolo che si propaghi a dismisura nell’intera popolazione

10/04/2022

La stanchezza emotiva e il disagio psicologico degli adulti

Ci sono una quantità di studi che dimostrano le conseguenze sulla salute mentale delle persone esposte per lunghi periodi direttamente alla violenza della guerra.

02/04/2022

Gli adolescenti, la scuola e la guerra

“A scuola non parliamo di guerra perché ci hanno detto che non vogliono traumatizzarci”. “Non è il massimo parlare della sofferenza che vediamo, ma è impossibile star lontani dall’informazione”...

27/03/2022

La violenza della guerra e nei media

La guerra alla televisione non è fiction, ma spesso fai fatica a distinguerla dalla finzione, soprattutto se sei un bambino abituato a giocare con i videogame di guerra. Questo però non accade solo ai piccoli

22/03/2022

I conflitti e le guerre, aggressività e violenza

Ci sono parole con cui descriviamo e narriamo la realtà che in certi momenti ci appartengono di più. “Conflitto” e “guerra” adesso sono termini usuali perché il martirio della popolazione ucraina e la devastazione della sua terra in queste settimane sta prevalendo su tutto

19/03/2022

San Giuseppe. Festa del papà

San Giuseppe, festa del padre. Si ricorda il padre per antonomasia anche se “putativo” che le Scritture descrivono con tratti leggeri

16/03/2022

Il Covid e la guerra: paura dopo paura

Dalla paura alla paura. Dal timore di un nemico invisibile e sconosciuto nel giro di qualche giorno siamo passati a quella verso un nemico conosciuto che invade e distrugge.