10 Ottobre 2021, 09.48
Blog - Genitori e figli

Scuola. Stanno tutti bene?

di Giuseppe Maiolo

Non siamo ancora usciti dalla pandemia e la scuola appena iniziata, impegnata non poco con le misure di controllo, le sicurezze da garantire, i turni e gli innumerevoli problemi gestionali, sembra trascurare interrogativi del tipo “Ma come stanno i ragazzi?” e “Come stanno i docenti?”


L’urgenza di lasciare alle spalle quello che è accaduto, ci spinge a riprendere con gli stessi ritmi di prima del Covid o, forse, ancor più accelerati, perché sospinti dal bisogno di recuperare il tempo vuoto accumulato.

Non dovremmo dimenticare che, insieme a noi, i ragazzi hanno vissuto un lungo tempo di incertezza e di imprevedibilità e sono stati esposti a dosi massicce di stimoli emotivi e all’alterazione della consueta routine quotidiana. Esperienze forti, a volte destabilizzanti.

Eppure la scuola, per quanto riguarda gli studenti, sembra concentrarsi di più sulle mancanze cognitive, convinta che la didattica a singhiozzo e la deprecata DAD, abbiano prodotto vuoti incolmabili e future sciagure. Pensiero che sembra alimentare adesso la necessità di correre a gran velocità per riempire scarse conoscenze e perdita di competenze.

Ma per quanto giuste siano le attenzioni alle funzioni dell’istruzione scolastica, mi chiedo se ci sono altrettante preoccupazioni per aiutare alunni e studenti a elaborare quello che è accaduto. Se coltiviamo la fiducia che il vaccino e l’esaurirsi del contagio ci possano portar fuori dalla pandemia, non possiamo sperare di dimenticare in fretta ciò che abbiamo vissuto o pensare che non sia accaduto nulla. Gli effetti del trauma continueranno ad esserci anche oltre il Coronavirus perché il trauma ha tempi lunghi per essere risolto.

La salute mentale e psichica dei giovani rimarrà precaria se la scuola non andrà a preoccuparsi dello stress accumulato e cercherà solo di migliorare le performance cognitive. L’ansia è massicciamente presente nei vissuti dei ragazzi. Ha molti volti con cui si manifesta perché è paura dell’incerto o preoccupazione per quello che gli altri pensano di loro, oppure è timore di non farcela o paura della paura e degli attacchi di panico sempre più presenti nelle segnalazioni di sofferenza.

E poi insicurezza estesa, visione negativa del futuro, tendenza alla procrastinazione che blocca o fa sospendere il percorso di sviluppo, stato di tensione acuta e rabbia che sono tutte forme del disagio psichico che può rendere intollerabile il malessere.

Ne segnalano con forza l’aumento dei casi, i servizi per la salute mentale in età evolutiva che mettono in evidenza quanto l’adolescenza di oggi sia più a rischio del passato di scivolare nella sofferenza psichica grave. Manifestazioni di autolesionismo come i tagli sul corpo, i disturbi alimentari e le intenzioni suicidarie, possono restare nascoste ai più e non trovare ascolto perché l’attenzione all’apprendimento prevale sul piano emozionale.

Eppure dovremmo ricordarci che le emozioni guidano i processi di apprendimento. Prima viene la sfera emotiva e poi quella cognitiva. Ricordiamo tutti quanto l’ansia possa averci bloccato ad una interrogazione o a un esame. È la gestione della sfera emotiva che ora va attenzionata nella scuola.

È il dare spazio a ciò che si prova, l’insegnare a tollerare e trasformare le emozioni, ma anche l’educare alla narrazione di quello che si sente. In fondo sono le “parole per dirle” che mancano e che la scuola dovrebbe fornire.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.iovivobene.it



Aggiungi commento:

Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

07/05/2021 10:30

Adolescenti bloccati e genitori distanti Non è una novità che la crescita sia diventata più complessa e difficile in questo tempo di sospensione.

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.




Altre da Genitori e Figli
02/10/2021

Sorelle che uccidono. La banalità del male

L’ennesima cronaca efferata delle due sorelle che uccidono la madre lascia esterrefatti

20/09/2021

Dipendenze da internet e smartphone in aumento

Alcuni dati dicono che prima della pandemia un adolescente della scuola superiore passava mediamente 7 ore al giorno davanti al display dello smartphone

14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile

06/09/2021

Il vamping. Le notti abituali dei ragazzi

Chi non ricorda la canzone “Certe notti” di Luciano Ligabue, che è stata un grande successo della metà degli anni ‘90?

23/08/2021

Estate. Adolescenti tra eros e riti di passaggio

Dopo il lungo tempo dalla pandemia, l’adolescenza sospesa e a volte interrotta dai vari lockdown, con la stagione estiva sembra rivitalizzarsi più ancora che in passato

12/08/2021

Adolescenti. La generazione che non dorme e non sogna

Si dice che i "coronials", gli adolescenti della pandemia, siano una generazione che non dorme e non sogna. Credo sia così

04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell’educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese

19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C’è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L’estate è già iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libertà riconquistata data dall’allentamento delle restrizioni, c’è anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli