26 Marzo 2021, 10.45
Blog - Genitori e figli

La pornografia che non aiuta a crescere

di Giuseppe Maiolo

Tutto corre veloce. I bambini crescono in fretta e gli adolescenti fanno esperienze precoci soprattutto per quanto riguarda il sesso


Non conoscono il corpo ma lo esibiscono online con spavalderia e apparente sicurezza. Ti sembrano esperti ma, benché ipersessualizzati, ne sanno poco sul come approcciarsi perché vivono una sessualità distorta dalla pornografia virtuale.

Le prime esperienze reali possono essere precoci o tardive, ma per la maggior parte ora sono precedute da una quantità di video porno e da un’infinità di immagini che presentano il fare sesso come attività eccitatoria e come pluri-prestazione erotica a cui non serve una relazione.

Alcune ricerche dicono che già prima dei 13 anni il 67% dei maschi e il 36% delle femmine ha già una consistente frequentazione dei siti pornografici e ci passa da mezzora a un’ora più volte alla settimana, nella totale inconsapevolezza dei genitori. Anzi, la maggior parte di loro, che si ostina a vederli ancora bambini, non immagina la spinta eccitante che passa precocemente davanti agli occhi dei figli.

Inutile dire che il controllo dell’adulto è facilmente aggirato dai “pargoli” impegnati a fare i compiti a distanza e “doverosamente” immersi nello studio con PC e dispositivi sempre accesi.

Ma quello che colpisce quando parli di questo argomento con madri e padri è quanto ancora essi credano la pornografia fatta di nudità esposte. Il porno “hardcore” che ora circola ovunque nel web, di facilissimo accesso, è esibizione plurima di rapporti sessuali espliciti e violenti, dove manca il contesto relazionale e affettivo e abbonda di misoginia degradante che umilia. Non deve meravigliare che questo possa compromettere la salute emotiva, mentale e fisica dei giovani.

Più è anticipata l’esposizione all’Hard Sex e più la psiche può essere danneggiata. I danni sono spesso rilevanti perché ogni cosa va fatta a suo tempo e per il fatto che la maggior parte delle scene sessuali contiene aggressioni fisiche e abusi verbali e gli effetti più nocivi provengono dal definire modelli di riferimento che autorizzano una sessualità violenta nelle relazioni.

Molti sono gli studi che confermano una correlazione possibile tra esposizione alla pornografia e comportamenti abusanti e molesti.
Il grande problema allora è sul come contrastare tutto questo che, tra l’altro, mette in pericolo gli adolescenti nel periodo in cui essi formano la loro identità, e non solo sessuale. Come al solito non si risolve il problema unicamente con i filtri ai telefonini e le varie App protettive di cui oggi si dispone.

Se manca un’educazione alla sessualità, non serve a nulla sequestrare i dispositivi dei figli o pensare di correre ai ripari andando subito a interrogarli su dove vanno in rete, come mi è capitato di sentire da preoccupati genitori dopo una conferenza sull’argomento.

Serve ci sia piuttosto maggiore attenzione e consapevolezza educativa. Ricordiamo che fin da piccoli dai videogames e dai video musicali i bambini imparano che i maschi per diventare uomini hanno bisogno di indossare la maschera del bullo, esprimere aggressività senza tanta empatia e fare sesso come se si facesse un’azione di conquista, e che le femmine, per essere ragazze popolari e appetibili, devono essere sexy, seduttive e provocanti.


Giuseppe Maiolo
Psicologia delle età della vita
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
07/12/2018 07:27

Pornografia virtuale e dipendenza Le nuove tecnologie mettono a disposizione l’universo mondo con un solo click.

17/03/2018 17:24

Nuove dipendenze: la pornografia In adolescenza la sessualità esplode. È l’epoca della vita in cui prevale la scoperta del corpo, delle relazioni, dell’amore e dell’eros

24/02/2016 08:40

Adolescenti e pornografia Il "nostro" Giuseppe Maiolo su questo argomento è intervenuto anche l'altro giorno a Rai Uno Mattina in famiglia. I dati per certi versi sconcertanti di una ricerca condotta da Telefono Azzurro

29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

01/04/2010 12:00

L’educazione alla sessualità Si tenuto mercoled 24 marzo il quinto incontro del percorso “Genitori in cammino” che ha ricondotto a Gavardo la dott.ssa Lucia Pelamatti a parlare di “Come educare i figli alla sessualit”




Altre da Genitori e Figli
12/03/2021

Dalla parte delle bambine

“Il maschio spacca tutto è accettato, la femmina no.” Sono le parole che negli anni Settanta Elena Gianini Belotti, pedagogista e scrittrice, scriveva in un famoso saggio che si intitolava “Dalla parte delle bambine”

02/03/2021

Ragazzi che si tagliano. Il rumoroso silenzio dell'autolesionismo

Ci sono silenzi rumorosi, che gridano ma non hanno voce. Urla senza parole che nessuno sente o che pochi ascoltano

23/02/2021

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani

Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia

01/02/2021

Fatti gli affari tuoi

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

27/01/2021

L'importanza della memoria

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo… ” scriveva Primo Levi

24/01/2021

Fermiamo i «giochi» estremi e mortali degli adolescenti

Fermiamoli! Non c’è tempo da perdere. Facciamoli crescere e diventare autonomi questi ragazzini se non vogliamo vederli morire a 10 anni per un assurdo gioco di imitazione, come è accaduto a Palermo

18/01/2021

Solitudine e isolamento in adolescenza, come aiutare i giovani

La solitudine è per chiunque una compagnia difficile e faticosa, ma l’isolamento lo è ancora di più perché tra l’una e l’altro c’è la dimensione dell’esclusione e il sentimento pesante della perdita di contatto con il mondo

10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

28/12/2020

Un lungo anno di paura e la strada che cura

Un lungo anno di paura, verrebbe da dire. O meglio, un interminabile tempo di angoscia che non si è ancora concluso. Perché non si tratta solo di paura, che è reazione di difesa a qualcosa di conosciuto, ma di fare i conti con l’indeterminato e l’invisibile

22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa