26 Ottobre 2020, 08.00
Blog - Genitori e figli

Contenere l'ansia crescente dei giovani

di Giuseppe Maiolo

C’è un crescendo di ansia e di allarme che sta tornando a diffondersi. Riguarda un po’ tutti, ma in questo momento a soffrirne di più sembrano essere i giovani


Alcuni studi da tempo segnalano l’aumento dei disturbi ansiosi e dell’umore tra i bambini e gli adolescenti che sono la conseguenza del Disturbo da stress post traumatico collegato all’esperienza del lockdown.

Ma al di là delle situazioni cliniche specifiche, credo che oggi l’aumento dell’ansia tra i ragazzi possa avere altre motivazioni.

La prima è lo stato di tensione collettivo che sta generando la nuova ondata di contagi, la quale incrementa pensieri e prospettive angoscianti riguardanti il futuro, il lavoro, l’economia. In questo momento gli adulti, oltre ad essere naturalmente preoccupati, sono confusi e spesso hanno manifestazioni contraddittorie e incoerenti.

C’è chi critica le soluzioni adottate per far fronte alla diffusione del virus e chi nega la gravità della situazione, chi si ritira impaurito e chi si comporta come se nulla fosse. La contraddittorietà disorienta sempre e gli adolescenti, che peraltro vivono in maniera fisiologica lo spaesamento tipico di questa età , ne possono fare le spese maggiori.

Così li vedi più smarriti in preda a sentimenti di impotenza e di vuoto. Per la gran parte questi stati d’animo rispecchiano lo smarrimento e il disorientamento dell’intera società.

Per aiutarli a non gettare la spugna, non bastano le spiegazioni razionali o le rassicurazioni banali come quel tormentone del “ce la faremo!” in quanto paura e ansia hanno poco a che fare con la dimensione razionale.

Serve che gli adulti di riferimento sappiano gestire le loro personali preoccupazioni e, pur con tutte le difficoltà, siano essi stessi un supporto educativo capace di trasmettere fiducia e calma. Se ansia e sconforto dominano, forse è bene che essi chiedano aiuto a chi si occupa di salute psicologica e mentale.

La seconda cosa che possono fare i genitori è chiarire ai figli che nella situazione in cui ci troviamo è assolutamente normale provare agitazione e insicurezza. Se accettiamo che non c’è nulla di strano, loro stessi potranno accettare i loro sbalzi d’umore e il diffuso senso di precarietà.

Non serve preoccuparsi più di tanto se a volte sconfinano nella noia, perché un po’ di sano ozio può essere utile. Li potremmo spingere ad occupare una parte del tempo, oltre che nei videogiochi, anche nella lettura di libri. Attività oggi trascurata e invece importante e necessaria a sviluppare immaginazione e fantasia, ma soprattutto per portare l’attenzione al mondo delle emozioni.

La narrativa aiuta a cogliere il senso di ciò che si prova dentro e di quello che attraversa la mente, mette in sintonia con i sentimenti dei protagonisti della storia, fa empatizzare. E questo favorisce il riconoscimento delle proprie le emozioni, in particolare quelle più forti come tristezza e rabbia, e aiuta a non lasciarle esplodere senza controllo.  

Per contenere il disagio dell’isolamento sociale è possibile accettare che una parte del tempo i ragazzi la passino sui social. Nel corso del lockdown sappiamo che hanno svolto la funzione di compensare la socialità mancante. Ma oltre al mantenimento dei legami con i pari, i social possono essere spazi dove è possibile sviluppare creatività e talenti.

Ve ne sono molti che propongono giochi, prove di abilità sfide o challenge musicali che stimolano i ragazzi ad essere creativi.

Magari i genitori farebbero bene a contenere il tempo di frequenza e negoziare con i figli l’uso dei dispositivi, soprattutto nelle ore serali e notturne. Perché è fondamentale, ad esempio, far capire l’importanza di un sonno regolare, che in adolescenza non dovrebbe essere mai meno di 8 ore. E renderli consapevoli di queste cose stimola il loro senso di responsabilità che hanno già dimostrato di avere e li spinge a collaborare per la diffusione di buone prassi utili per combattere il contagio.  
 
Giuseppe Maiolo
Psicologo analista
Università di Trento



Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
19/10/2020

Quanto è difficile essere giovani

Sono sotto i riflettori in questo riemergere del contagio. Tutti ne parlano, li osservano, li giudicano e da incuranti delle regole sono diventati pericolosi...

04/10/2020

Una comunità più educante contro la violenza sui minori

Se vai a leggere “Restituire il futuro” che è un report recente sul maltrattamento minorile in Italia, ti vien da pensare che per i diritti dei bambini siamo ancora fermi al passato

28/09/2020

Perchè non insegnare l'empatia?

E se insegnassimo l’empatia? Se introducessimo questa materia scolastica per insegnare ai bambini a riconoscere i vissuti dell’altro?

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

14/09/2020

La malvagia crudeltà del branco non è patologia

“Sei ancora quello della pietra e della fionda uomo del mio tempo”. Scrive il poeta ed evoca solo in parte la malvagità umana che sembra immutata e inarrestabile. Non la descrive Quasimodo, e non nomina quali azioni bestiali sa compiere l’individuo da solo o nel branco. Ma forse non serve che ce la mostri

07/09/2020

La scuola che verrà, tra attese e speranze

Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

01/09/2020

Ritorno a scuola. Ma quale?

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020

25/08/2020

Dare pazienza al giorno. Ovvero l'arte di attendere

Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

17/08/2020

Giovani, discoteche e senso di responsabilità

L’estate del Covid è un tempo strano e pesante, non solo perché pieno di incertezze e dubbi ma perché abbonda di contraddizioni.

11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online