26 Gennaio 2023, 09.03
Valsabbia
Blog - Genitori e figli

Quando i legami sono una forza che unisce

di Giuseppe Maiolo

La parola «legame» è un termine particolarmente complesso, soprattutto se riferito alle relazioni umane, perché ci sono legami e legami


È un vocabolo che viene usato in chimica e riguarda la forza che lega le molecole e le tiene insieme. Anche gli affetti sono tenuti insieme dai legami, anzi proprio grazie ad essi i rapporti si “man-tengono” e si sviluppano a partire dal primo legame di attaccamento che è quello tra madre e bambino.

Ogni individuo, infatti,
sviluppa fiducia e autonomia, sicurezza in se stesso e negli altri perché quel legame di base è fondante. Molti studi di psicologia lo hanno confermato a partire dalle ricerche dello psicoanalista inglese John Bowlby, studioso che più di ogni altro ha messo in evidenza l’importanza dell’attaccamento umano (Attaccamento e perdita, Ed. Bollati Boringhieri).

Secondo questo autore
è proprio il legame tra la madre e il figlio che non solo dà protezione e sostegno al «cucciolo» umano e lo fa crescere da un punto di vista fisico, cognitivo, emotivo, ma soprattutto riconosce le sue emozioni. È questa relazione che genera l’attaccamento che ha un ruolo centrale in tutta l’esistenza.

Quel sentirsi riconosciuti e sicuri presiede allo sviluppo armonico della personalità. E allora quei bambini che da piccoli hanno goduto di una base solida a cui far riferimento, hanno la possibilità di diventare adolescenti e adulti a loro volta capaci di costruire relazioni affettive profonde e in grado di affrontare con minore angoscia la lontananza dagli affetti e anche le separazioni quando necessarie per la propria autonomia.

Ma i legami affettivi contano se sono solidi e allo stesso tempo flessibili invece che rigidi e immodificabili. Altrimenti tutto diventa complicato e difficile nelle relazioni, che spesso generano dipendenza e rischiano di essere tragiche o addirittura “mortifere”.

È in quel caso che la parola “legame”
da positiva diventa negativa, non dà energia e forza, ma la toglie, diventa un “cappio che stringe” e non dà scampo, imprigiona e soffoca.

Se il legame di attaccamento non poggia su basi emotivamente sicure, è difficile da adulti e da adolescenti costruire relazioni affettive stabili. Domina piuttosto la paura di lasciarsi andare ai sentimenti, viverli e condividerli. Il che porta a realizzare rapporti superficiali e senza particolare coinvolgimento in quanto prevale l’incapacità di risolvere i conflitti e il timore costante delle delusioni.

È la mancanza di sicurezza
e di fiducia in se stessi che spinge alla costruzione di legami «liquidi», come li definisce il sociologo Zygmunt Bauman (Amore liquido, Ed. Laterza). E da questo nascono rapporti ibridi e in cui si mescola l’amicizia con la sessualità e si confondono i codici affettivi.

Assicurare legami di base
sicuri serve a frenare le povertà relazionali, in quanto questi legami sono una forza che viene messa in circolo capace di promuovere la capacità di costruire e mantenere relazioni profonde e durature.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.iovivobene.it


Aggiungi commento:

Vedi anche
12/01/2015 10:00

I legami che non aiutano I legami tra genitori e figli sono fili sottili che alimentano i rapporti o che li rendono soffocanti

17/09/2008 00:00

Per rafforzare i legami di comunità Sono tante e variegate le attivit culturali promosse dall’assessorato alla cultura e dalla biblioteca comunale di Gavardo per la prossima stagione 2008-2009, con l’obiettivo di “rafforzare i legami di comunit”.

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

12/07/2020 08:07

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

26/04/2020 12:00

Il gioco come via d'uscita all'angoscia Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali




Altre da Genitori e Figli
09/01/2023

La fiducia, un ponte che unisce e dà sicurezza

C’è una base sulla quale ogni individuo può costruire se stesso e i suoi progetti di vita: si chiama fiducia. È la base sicura senza la quale, a questo mondo, nessuno potrebbe sopravvivere

02/01/2023

Fantasia o immaginazione? Servono entrambe

C’è la tendenza a pensare che fantasia e immaginazione siano sinonimi. In realtà non lo sono affatto, caso mai sono parole complementari.

10/12/2022

Tollerare vuol dire costruire rispetto e gentilezza

Tollerare è un verbo impegnativo che indica la capacità di contenere le reazioni avverse di alcuni alimenti che l’organismo non metabolizza e, per estensione, sopportare i pesi della vita, cioè resistere nelle situazioni difficili e gestire le emozioni spiacevoli, ma anche accettare le differenze altrui

29/11/2022

La responsabilità è capacità di dare risposte

L'urgenza di ridisegnare la mappa delle relazioni educative e la necessità di costruire responsabilità

29/11/2022

Umiliazione. Quel sentimento devastante che non educa

Ha sorpreso il ministro della Repubblica che esalta l’umiliazione come riscatto per i bulli e la definisce fattore fondamentale della crescita.

(1)
13/11/2022

Baby gang? I nostri figli arrabbiati!

C’è una paura crescente che circola tra di noi e non di rado diventa angoscia e terrore per la violenza giovanile...

01/11/2022

Le chat dell'orrore, quei tredicenni vittime e carnefici!

Quei settecento ragazzini, e forse anche più, che nei giorni scorsi abbiamo scoperto scambiarsi materiale pedopornografico e immagini di sevizie sui bambini, ci hanno scioccato

24/10/2022

Riconciliazione, la strada possibile per la pace

Riconciliazione è vocabolo fondamentale per uscire dall’umana ferocia. È la condizione senza la quale non può accadere alcun rinnovamento perché è l’avvicinamento degli opposti

17/10/2022

La risata che fa bene alla mente

“Di questi tempi non c’è proprio niente da ridere!” è una frase che capita di sentire sempre più associata sempre ai disagi della vita e alla carenza di prospettive. Invece...

10/10/2022

La speranza, quella possibile fiducia che sostiene

Fa rima con resilienza la parola “speranza” ma anche con resistenza e perseveranza, che sono dotazioni necessarie per superare le avversità e andare avanti