19 Febbraio 2024, 06.40
Blog - Genitori e Figli

San Valentino è ancora il giorno dell'amore?

di Giuseppe Maiolo

L’ultimo Report di Save the Children “Le ragazze stanno bene?” diffuso proprio nel giorno di San Valentino, ci invita a riflettere sulle relazioni amorose dei giovani e sul come vivono la sessualità al tempo dei social


Un’indagine realizzata con IPSOS, è una ricerca che in sostanza chiede a un campione di 800 ragazzi tra i 14 e i 18 come si cresce oggi “onlife” e, come viene detto, punta ad “esplorare gli stereotipi e la violenza di genere”.

Ne esce un quadro inatteso e sorprendente perché avevamo pensato che certi stereotipi di genere degli adulti si fossero modificati nelle nuove generazioni. Scopriamo invece che sono ancora presenti.

C’è un allarmante 52%
di adolescenti con una relazione affettiva stabile, che dice di aver sperimentato nella coppia situazioni di violenza, cioè schiaffi, pugni o spinte.
1 su 10 ammette anche di aver tenuto comportamenti violenti ma è pensabile che il numero sia maggiore.

Sorprende non poco che un terzo dei giovani
creda che il modo di vestire di una ragazza possa contribuire provocare la violenza sessuale e meraviglia scoprire che il 24% pensi di una ragazza che non dice un “no” deciso a un rapporto sessuale, possa essere invece disponibile.

Ma allarma quel 43%
degli intervistati che ritiene una ragazza sempre in grado di sottrarsi a un rapporto sessuale se davvero non lo vuole.

Infine sorprende che il 73%
degli intervistati dichiari di aver stretto amicizia con persone sconosciute e scambiato foto intime mentre un 30% di adolescenti ritiene la gelosia un segno d’amore e giusto il controllo del cellulare da parte del partner.

Il report, insomma, ci fa pensare che le campagne di sensibilizzazione sui comportamenti violenti non hanno funzionato e non hanno modificato un granché gli stereotipi di genere o ridimensionato la cultura della violenza.

Forse dovremmo ammettere che le ultime generazioni degli adulti di riferimento siano state piuttosto distratte e frettolose nell’affrontare questi temi fondamentali soprattutto in casa o, peggio ancora, che non abbiano ancora imparato a educare i figli a crescere e i bambini e gli adolescenti a diventare adulti capaci di gestire le relazioni affettive e sessuali e a vivere l’amore. 


Ci basta molto probabilmente la sensazione che oggi le nuove generazioni abbiano una maggiore libertà sessuale e che le relazioni possano sembrare più autentiche di un tempo, quando invece a livello profondo, la rappresentazione dell’amore di coppia rimane arcaica e si basa ancora su metafore come quelle della metà della mela o del lucchetto che alludono a rapporti simbiotici o chiusi ed esclusivi, quando la realtà è diversa, soprattutto meno poetica e contiene ancora l’idea del controllo e del possesso del maschio.

Questo ci richiede urgentemente di rivedere il progetto educativo degli adolescenti e formare genitori e insegnanti ad educare soprattutto alle relazioni e al rispetto, non solo alla sessualità e pretendere che la scuola pensi a programmi curricolari sul come stare nelle relazioni e non a interventi spot.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
Docente di psicologia delle età della vita
www.iovivobene.it  



Aggiungi commento:

Vedi anche
28/10/2019 10:15

La povertà educativa e i comportamenti a rischio dei giovani “Il tempo dei bambini” è il titolo del nuovo Atlante di Save the Children Italia presentato pochi giorni fa a Roma. Il report, corposo, fotografa la situazione italiana, dove negli ultimi dieci anni i minori in povertà assoluta sono oltre 1,2 milioni

17/03/2018 17:24

Nuove dipendenze: la pornografia In adolescenza la sessualità esplode. È l’epoca della vita in cui prevale la scoperta del corpo, delle relazioni, dell’amore e dell’eros

04/03/2019 09:06

Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri

05/02/2017 17:56

Contest letterario per San Valentino All'Osteria di San Giacomo vi invita a riscoprire lo scrittore romantico che è in voi, elaborando un piccolo scritto (massimo 1000 battute, spazi inclusi) ispirato alla giornata di San Valentino ed, in generale, all'amore

12/02/2016 15:50

A San Valentino si festeggia l'amore Questo è il periodo in cui si avvicina San Valentino, occasione in cui si festeggia l’amore con fiori, cioccolatini, piacevoli sorprese e dichiarazioni. Ma soffermiamoci per capire più profondamente cosa rappresenta questo sentimento




Altre da Genitori e Figli
06/02/2024

Safer Internet Day, per pensare alla prevenzione

La giornata mondiale per la sicurezza in Rete è un’occasione di riflessione per la diffusione della cultura della cyber sicurezza, della consapevolezza e sull’uso sicuro del digitale

27/01/2024

Narrare la memoria contro la banalità del male

La memoria è l’esistenza stessa e da sempre sappiamo che non è solamente il ricordare qualcosa. Senza la memoria non c’è storia, non esiste il tempo, tantomeno lo sviluppo e il cambiamento

15/01/2024

I social, demoni o strumenti per chi educa?

I social media, come dice la parola, sono strumenti per la socialità pensati per tutti. Ma spesso l’utilizzo che ne fanno le nuove generazioni, viene vissuto dagli adulti in maniera conflittuale.

09/01/2024

Le aspettative: utilità e limiti

All’inizio di un nuovo anno e in un tempo di poche certezze, di solito crescono le aspettative che, come dice la parola stessa, sono cose che ti aspetti.

31/12/2023

La cura. È pre-occuparsi dell'altro, ovvero esserci

Da analista la parola “cura” mi appartiene perché nella stanza delle parole sta sempre lì a fianco, vive della relazione con il paziente, anzi la “cura”, la riempie di significato. Che è quello necessario a costruire una nuova narrazione, il rinnovamento o il cambiamento, anche se non la guarigione

25/12/2023

Lo sguardo che fa crescere

C’era una volta lo sguardo, ovvero quell’incontrarsi con gli occhi che “parlavano” e dicevano un fiume di cose piene di emozioni, a volte indicibili o impensabili...

17/12/2023

Regole. Per far crescere senza violenza

Ci sono modi diversi per educare senza violenza, anche quella delle le parole punitive e di rimprovero o peggio ancora offensive. Uno dei più importanti è dato dalle regole. Cioè i limiti e i confini entro cui stare, le tracce precise dove è possibile muoversi senza rischiare, i margini di un percorso con indicazioni degli ostacoli o delle barriere oltre cui non è possibile andare

09/12/2023

Educare maschi. Farli crescere col senso del rispetto

Non si nasce educatori, ma si diventa. Ma poiché l’educare è diventato una operazione complessa, è necessario che gli adulti di riferimento (genitori e insegnanti) riflettano sul cosa vuol dire educare i maschi.

04/12/2023

Il maschile. Una questione plurale su cui riflettere

Il maschile non è solamente il genere che connota un maschio, è un universo di elementi in grado di regolare il mondo delle relazioni interiori, individuali, collettive e soprattutto quelle rivolte al femminile, “l’altra metà del cielo”

27/11/2023

Peccato che tu sia femmina

"Una volta, sorpreso dai risultati della mia pesca, invece di complimentarsi, mi disse: «Peccato che tu sia femmina, saresti stato proprio figlio mio se fossi nata maschio!»"...