01 Luglio 2021, 15.00
Calcio

Ottavi, finali anticipate e prime esclusioni eccellenti

di Luca Rota

Gli ottavi di finale di questo campionato d’Europa itinerante offrono grande calcio e tante emozioni. Molti i gol, diversi i colpi di scena che non avranno di certo annoiato gli spettatori


Tornano a casa tre importanti pretendenti alla vittoria finale, si chiudono dei cicli storici e probabilmente per qualcuno è stata l’ultima apparizione nella competizione continentale.

Ad Amsterdam, nell’arena che prende il nome dal grande Cruijff, la Danimarca ne rifila altri quattro al Galles, volando ai quarti dove incontrerà una Repubblica Ceca pragmatica quanto operaia. Vittima dei mitteleuropei è proprio l’Olanda, che in quel di Budapest, nello stadio che prende il nome da un altro grandissimo del passato, Ferenc Puskas, perisce per due reti a zero, complice anche l’espulsione di De Ligt ad inizio secondo tempo.
I danesi sembrano avere una marcia in più, e dopo aver steccato nella prime giornate, si candidano seriamente a dare fastidio a chiunque incontreranno d’ora in avanti.

Stesso discorso riguarda i cechi, solidi e quadrati, operanti un gioco che molto poco concede agli avversari, con uno Schick sugli scudi, vice-capocannoniere ed erede designato di Milan Baros.
Parentesi Italia. Vinciamo senza brillare, ma andiamo avanti ed è ciò che conta. Servirà però rispolverare il bel gioco visto nel girone. Mentre non sono ancora ben chiari i motivi per cui non si prende parte alla simbolica protesta antirazzista, a Wembley, giochiamo un primo tempo discreto, con un palo e qualche sortita offensiva degna di nota. Soffriamo per tutti i novanta minuti la fisicità e la corsa degli austriaci, andiamo vicini alla capitolazione, ma veniamo salvati dal var sul gol di Arnautovic, sbagliando spesso in ripartenza. Siamo poco lucidi nella finalizzazione e concediamo qualche spazio di troppo, cosa che porta l’Austria a crederci.

Nei supplementari però ci pensano due neo entrati, Chiesa e Pessina, a stendere con due lampi individuali la non irresistibile difesa austriaca. Andiamo ai quarti, non senza soffrire, perché gli avversari ci provano fino alla fine, interrompendo l’imbattibilità azzurra da record e mettendo alla prova la bravura di Donnarumma in più occasioni (da applausi la parata a mano aperta sul potente sinistro dalla distanza).  

Nei quarti sarà il Belgio a contenderci l’accesso alle semifinali. A Siviglia, i diavoli rossi eliminano il Portogallo, troppo timido nella prima ora di gioco, svolgendo un compitino assai modesto, coi lusitani che avrebbero meritato il pareggio. La decide il più giovane dei fratelli Hazard, mentre il maggiore, capitano e in grande spolvero, esce anzitempo insieme a De Bruyne per infortunio. Non si sa ancora se ce li ritroveremo contro venerdì. Per Ronaldo, attuale capocannoniere con cinque reti, in gara abulico e poco incisivo, si tratta dell’ennesima eliminazione agli ottavi, dopo quelle con la Juve ed al Mondiale russo.

A Copenaghen, tra Croazia e Spagna è sfida a suon di gol, tra errori grossolani, ribaltoni, belle giocate e assalti disperati dell’ultimo secondo che la protraggono fino ai supplementari. Nell’overtime entrambe rischiano di capitolare, col portiere spagnolo, colpevolissimo sul primo gol, che si riscatta ampiamente. Poi l’uno-due micidiale dell’undici di Luis Enrique apre le porte dei quarti, chiudendo sul 5a3, con otto gol, tra i quali un’autorete e sette marcatori diversi.

Nella parte alta del tabellone, quella dell’Italia, troviamo la prima sorpresa del torneo. Nell’ottavo francofono di Bucarest, i due tempi regolamentari sono serratissimi e terminano anch’essi con tre gol per parte, col pareggio svizzero all’ultimo minuto, dopo una girandola di emozioni pazzesca. Anche qui si va ai supplementari, però blandi e senza emozioni, coi rigori che vedono trionfare la Svizzera; l’errore decisivo è di Mbappe, rimasto a secco nel torneo.

Germania e Inghilterra si affrontano con moduli speculari; ne perde lo spettacolo e poche restano le azioni degne di nota nella prima ora di gioco. A Wembley, dove si assiste all’unico ottavo noioso di questo Europeo, la sblocca il solito Sterling a quindici dal termine, e la chiude Kane, tornato finalmente al gol. Per i tedeschi, all’ultima con Low in panchina, errore clamoroso di Muller sull’uno a zero.
I ragazzi di Southgate sfideranno nell’ultimo quarto l’indomita Ucraina di Shevchenko, che nel segno del maestro Lobanovsky batte di misura la Svezia e si candida anch’essa al ruolo di outsider.  

Si chiudono così gli ottavi, tra finali anticipate, prime esclusioni eccellenti e tanti gol. Italia-Belgio, Spagna-Svizzera, Inghilterra-Ucraina e Danimarca-Repubblica Ceca. Questi gli incroci dei quarti di finale che decreteranno le semifinaliste del torneo. Bisognerà stare molto attenti a chi non sperava di spingersi così oltre e invece si ritrova lì, in lizza per il titolo.

Il ruolo di outsider si sa, non dà pressioni né ha pretese. Ci auguriamo si possa assistere a sfide così interessanti, allo stesso modo di come è stato per gli ottavi.

Buona continuazione di Europeo a tutti gli appassionati.


Aggiungi commento:

Vedi anche
04/07/2018 08:56

Tempo di ottavi Tempo di ottavi, tempo di eliminazioni eccellenti. L'unica certezza è che a vincere, sarà solo una delle diciotto compagini nazionali presenti nella griglia degli accoppiamenti

29/09/2015 10:46

Ottavi conquistati Contro il Palazzolo la Pallavolo Villanuova conquista i tre punti in palio mantenendo il primato in classifica del girone di Coppa e aggiudicandosi matematicamente con due giornate di anticipo il passaggio agli ottavi di finale della competizione

15/10/2009 13:15

Il Vobarno approda agli ottavi Dopo il 2-1 del primo round il Vobarno di Girelli vince anche sul terreno del Paladina, ottenendo una meritata qualificazione agli ottavi della Coppa di Promozione.

20/01/2012 09:00

Nuova Bstz passa agli ottavi La Nuova Bstz Vobarno si riprende in coppa e accede agli ottavi di finale, vincendo per 3 a 1 nella partita “secca” contro la formazione mantovana del Davis Veman, militante nel campionato di serie D.

08/07/2021 11:20

Verso la finale: tra vendette, ultimi outsiders e vecchie conferme Chiusi i gironi e gli ottavi, ci si avvia verso la finale. Poche le sorprese riservate dai quarti di finale. Senza alcune big e con la presenza di qualche cenerentola, ha inizio il cammino che non ammette intoppi, lì dove sbagliare può essere fatale




Altre da Blog - Figurine di provincia
31/05/2021

Il punk

Con quello odierno si chiude un cerchio lungo cento episodi, un piccolo traguardo che porta questa rubrica in tripla cifra e che, per festeggiarla, sceglie una figurina diversa, anticonvenzionale, folle e oltre qualunque altro aggettivo si possa usare; ma in grado di impersonare il termine “leggenda” come poche

12/05/2021

Il poeta

Esistono molti modi di fare poesia, tra questi quello su carta, ma quella espressa da Ezio Vendrame non si è limitata alle pagine dei libri, riversandosi nei campi da calcio sotto forma di ala destra

20/04/2021

El Trinche

Se parliamo di “leggende”, non possiamo di certo ignorare quella del Trinche, alias Tomàs Felipe Carlovich, il cui mito si fonde a tratti col vero, conservando quel fascino insito solo in certe storie

04/04/2021

Il credente

La figura odierna “di provincia” non lo è propriamente, ma la ospitiamo comunque a pieno merito tra le pagine di questa rubrica, nella sottocategoria delle “leggende”

18/03/2021

B di Bomber

Oggi si chiude con i “cannonieri”, ultima categoria in questione per quel che riguarda i ruoli in campo

02/03/2021

Il girovago vincente

Uno dei miei ricordi sportivi d’infanzia preferiti portava i capelli neri ingellati, il pizzetto (molto in voga al tempo) e finiva spesso nel tabellino dei marcatori

16/02/2021

Lo zar

Passando in rassegna i “cannonieri” che tanto bella hanno reso la nostra serie A, non potevamo di certo ignorare Igor Kolyvanov

30/01/2021

From Panama with goal

Dopo aver percorso tutto il campo, passando dalla trequarti alla difesa, stazionato in porta e coperto in lungo e in largo la mediana...

30/12/2020

Il primo dei numeri uno

Ci si avvia alla conclusione di questo 2020 che definire "particolare" sarebbe riduttivo. Ragion per cui non lo definiremo, limitandoci a continuare il nostro giro per il rettangolo di gioco che da un po’ di tempo ci vede impegnati a difesa dei pali

16/12/2020

Il nonno

Quando si parla di portieri, che si tratti di “numeri uno, dodici o ventidue”, essi hanno in comune quasi sempre lo stesso destino: esordire da numeri uno, proseguire da tali (o finire in panchina) e concludere in età avanzata da dodicesimi o ventiduesimi