15 Febbraio 2021, 09.50
Blog - 21 grammi di psicologia

Dipendenza da caffè

di Sabina Moro

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?


La dipendenza da caffeina è una forma di dipendenza mantenuta dall’assunzione eccessiva di caffeina, contenuta sia nel caffè sia in molti alimenti e sostanze energizzanti.

La caffeina è una sostanza stimolante che attiva il soggetto attraverso il rilascio di ormoni quali l’adrenalina e la noradrenalina producendo nell’organismo benefici come aumento del battito cardiaco, maggiore concentrazione e attenzione, diminuzione della sensazione di stanchezza, aumento dei riflessi, ecc..

Tuttavia, più assumiamo caffeina più il nostro corpo diventa tollerante alla sostanza così, per ricevere gli stessi benefici, dovremo aumentarne il quantitativo assunto. Se la persona quindi non assumerà la sostanza inizierà a sperimentare sintomi come emicrania. insonnia, irritabilità, affaticamento, dolori muscolari, ecc.. e, per riuscire a gestire la presenza di questi sintomi, consumerà ancora più caffeina.

Quando, quindi, dal semplice consumo, si passa all’abuso, è possibile che si instauri un comportamento di dipendenza caratterizzato da sintomi fisici e psichici.

Come possiamo gestire l’eccessivo consumo di caffè?
-    Preparati mentalmente al percorso di riduzione di caffeina, analizzando i benefici che otterrai una volta raggiunto il consumo ottimale;
-    Arriva ad assumere, come consigliano gli esperti, al massimo 4 tazzine di caffè al giorno (che corrispondono circa a 400 mg di caffeina);
-    Non interrompere bruscamente il consumo eccessivo in quanto potrebbero presentarsi sintomi di astinenza come stanchezza, faticabilità, irritabilità, insonnia, ecc..
-    Riduci l’uso in modo graduale, diminuendo di un paio di caffè a settimana, affinché possa limitarsi la probabilità di sviluppare sintomi di astinenza;
-    Cerca di bere l’ultimo caffè almeno 6 ore prima di andare a dormire, questo migliorerà il riposo;
-    Sostituisci l’assunzione di caffeina con sostanze a base di orzo o tè verde. Il tè verde è una sostanza che protegge dall’invecchiamento precoce, rende più reattivi ed ha effetti sulla gestione dell’ansia;
-    Riconosci il momento precedente alla tua voglia di assumere caffè e cerca di gestirlo con comportamenti alternativi come mangiare una caramella, chiama un amico, fare un bagno caldo, ecc..
-    Bevi acqua affinché il tuo corpo possa disintossicasi dalla caffeina presente al suo interno e a mantenere il corpo idratato;
-    Riposati cercando di dormire almeno 8 ore a notte, in questo modo aiuterai l’organismo a ristabilirsi;

I benefici che otterrai successivamente alla riduzione di caffeina sono molteplici, tra questi troviamo la riduzione dell’ansia e del battito cardiaco, il minor rischio di sviluppare carie dentali, stabilizzazione del ritmo sonno veglia, rafforzamento delle ossa, aumento della libido, minor disidratazione corpo.

Dott.ssa Sabina Moro
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia


Vedi anche
15/07/2020 09:20

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

30/10/2020 11:10

Insonnia Uno dei sintomi che spesso ci porta a rivolgerci ad un professionista è la riduzione o l’aumento del sonno. Ma come possiamo favorire il nostro sonno e limitare episodi di insonnia?

15/10/2020 08:00

Comunicazione assertiva La comunicazione è un processo che permette la trasmissione di informazioni ad un’altra persona, attraverso l’utilizzo di un codice condiviso da entrambi.

30/09/2020 15:29

Ansia L’ansia è un’emozione secondaria attivata quando siamo a contatti con stimoli, o eventi, percepiti come minacciosi. Ma quando diventa disfunzionale?

02/12/2020 09:08

Fame emotiva Dopo aver compreso, in uno degli scorsi articoli, cos’è la fame emotiva, ora vediamo insieme alcune modalità utili per poterla affrontare



Altre da Blog-21grammi
31/01/2021

Ansia da malattia

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?

15/12/2020

Senso di colpa

Una delle emozioni secondarie che spesso viene nominata è il senso di colpa. Ma cos’è il senso di colpa e cosa comporta?

02/12/2020

Fame emotiva

Dopo aver compreso, in uno degli scorsi articoli, cos’è la fame emotiva, ora vediamo insieme alcune modalità utili per poterla affrontare

16/11/2020

Disturbo bipolare

Tra i disturbi dell’umore troviamo il disturbo bipolare, un disturbo cronico che richiede alcuni accorgimenti, sulla conduzione di vita, per limitare le fluttuazioni dell’umore

08/11/2020

«Due psicologhe nero su bianco»

Aforismi, frasi e riflessioni per un anno a giorni alterni: il libro delle psicologhe Sabina Moro ed Elisa Simeoni, nato durante il periodo del lockdown

30/10/2020

Insonnia

Uno dei sintomi che spesso ci porta a rivolgerci ad un professionista è la riduzione o l’aumento del sonno. Ma come possiamo favorire il nostro sonno e limitare episodi di insonnia?

15/10/2020

Comunicazione assertiva

La comunicazione è un processo che permette la trasmissione di informazioni ad un’altra persona, attraverso l’utilizzo di un codice condiviso da entrambi.

30/09/2020

Ansia

L’ansia è un’emozione secondaria attivata quando siamo a contatti con stimoli, o eventi, percepiti come minacciosi. Ma quando diventa disfunzionale?