10 Gennaio 2021, 17.15
Blog - Genitori e figli

Una scuola da ricostruire in fretta

di Giuseppe Maiolo

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla


È troppo importante questa istituzione per il processo di crescita. Ma purtroppo c’è tanta confusione a livello organizzativo e sul come fare. Si discute sulla didattica a distanza che non funziona e produce danni soprattutto psicologici.

In effetti sappiamo che “la scuola senza la scuola” manca di relazioni, annulla la presenza del corpo e da remoto, dietro PC o tablet (quando ci sono) si vedono visi distratti e sguardi assenti o poco partecipi.
Bambini e ragazzi hanno necessità di tornare a occupare in sicurezza gli spazi scolastici, perché la DAD (acronimo ormai noto per dire Didattica a Distanza) non potrà che servire alla scuola solo in via eccezionale.

Ma è bene vigilare perché,
come dice il maestro Caliceti nel suo libro “La scuola senza andare a scuola” potrebbe diventare una modalità parallela a quella tradizionale.
Il che sarebbe un guaio.

Non demonizziamo però la DAD che, bene o male, ha avuto la sua funzione.
Non agitiamo il fantasma dei vuoti cognitivi che si ripercuoteranno sui “Coronials”. Tantomeno usiamo lo spauracchio della mancanza di socialità e relazioni che questa “non-scuola” produce annullando la presenza fisica e i contatti reali.
Conosciamo questo aspetto mancante ma non ci aiuta la nostalgia della scuola pre-Covid, che ancor prima del coronavirus viveva nel malessere e nel malfunzionamento.

È noto che non ha mai svolto funzioni educative, nel senso pieno del termine. Ha fatto e fa istruzione.
Educare vuol dire “far venir fuori l’anima”, non tanto mettere dentro cognizioni e “saperi”. Il versante mancante, ora come prima, è l’educazione alle emozioni e ai sentimenti, che significa accompagnare i minori a diventare ciò che sono, aiutarli a gestire le loro pulsioni e condividere con gli altri emozioni e sentimenti.

È la povertà educativa che va affrontata dalla scuola.
Senza l’attenzione al piano affettivo, continuerà, ad esempio, ad essere incapace di arginare le varie forme di bullismo che si caratterizzano come comportamenti carenti di empatia.

La scuola educativa invece, deve poter contare su insegnanti attrezzati a dare risposte costruttive ai bulli, non solo punitive.
Sospenderli dalle lezioni non ha alcuna utilità in quanto essi hanno bisogno di un surplus di attività realmente educative. C’è necessità di adulti autorevoli e normativi, di insegnati in grado di cogliere precocemente i segnali del disagio e di consulenti scolastici più presenti, incaricati di dare risposte concrete al malessere giovanile magari con la gestione di laboratori di comunicazione in cui far prendere coscienza a vittime e persecutori di cosa si prova quando si è offesi o presi in giro.

Non basta più la scuola che punta allo sviluppo cognitivo, ma servono progetti educativi in grado di sviluppare nei bambini e negli adolescenti risonanza e partecipazione emotiva. Sentimenti che permettono di cogliere la differenza tra un gesto di cura e uno offensivo.

La scuola futura da costruire in fretta dovrà saper arginare i comportamenti violenti ed essere capace di utilizzare i linguaggi delle nuove generazioni per una comunicazione efficace.
Attività che possono trovare spazio anche nella scuola a distanza, ma che devono impegnare docenti e genitori in momenti di formazione comune. In particolare sarà necessario sviluppare progetti di educazione tra pari utili a coinvolgerli in una scuola pro-attiva e a trasmettere buone prassi.

Visto poi, che superata l’emergenza e contenuto il contagio, dovremo in futuro prevedere aule tradizionali e virtuali, lavoro in presenza e da remoto, si dovrà pensare a formare i docenti all’educazione col digitale e al digitale.
C’è necessità infatti per una DAD funzionante che gli operatori della scuola siano messi in grado di usare registri comunicativi differenti nelle lezioni in presenza e a distanza. Che sono modelli di comunicazione totalmente diversi.  

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
07/09/2020 09:30

La scuola che verrà, tra attese e speranze Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

09/09/2018 08:33

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo

01/06/2020 09:21

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

21/04/2020 09:09

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

01/09/2020 15:03

Ritorno a scuola. Ma quale? A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020



Altre da Pillole di Psicologia
20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare