Skin ADV
Lunedì 21 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Rosa di maggio

Rosa di maggio

di Maria Rosa Marchesi



19.05.2018 Prevalle

19.05.2018 Bagolino

20.05.2018 Gavardo

20.05.2018 Bagolino

20.05.2018 Villanuova s/C

20.05.2018 Roè Volciano

19.05.2018 Agnosine

19.05.2018 Mura

19.05.2018 Barghe

19.05.2018 Preseglie






14 Settembre 2017, 10.45
Vobarno Valsabbia
Poliambulatorio Santa Maria

Ecografia 3D/4D in gravidanza

di dott. Edoardo Barbolini
Da questo mese di settembre è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno

L’ecografia è una tecnica diagnostica
che consente di vedere gli organi del nostro corpo, è basata sull’utilizzo degli ultrasuoni (onde sonore ad alta frequenza) che attraversano i tessuti: quando esse arrivano al feto producono echi che sono trasformati in immagini sul monitor dell’ecografia.
Gli ultrasuoni sono utilizzati nella pratica ostetrica da oltre trent’anni e non sono stati riportati effetti dannosi, anche a lungo termine, sul feto. Per tale ragione, con le procedure oggi adottate, l’uso diagnostico dell’ecografia è ritenuto esente da rischi.

L'ecografia tradizionale viene eseguita con tecnica bidimensionale (2D) e l’ecografia di screening del II trimestre (effettuata tra la 19^ e 21^ settimana di gestazione) consente di individuare le anomalie fetali in percentuale variabile dal 20 al 50%. Quindi va sempre ricordato che l’ecografia “non vede TUTTO” ed è possibile che alcune anomalie fetali, anche importanti, purtroppo non vengano rilevate per i limiti intrinseci dello strumento.

Tuttavia, grazie al miglioramento della tecnologia e all'impiego di apparecchiature ad alta definizione, la metodica ecografica ha dato la possibilità di riconoscere un numero sempre crescente di anomalie fetali ed ha consentito ai genitori di cogliere immagini significative del profilo, degli arti o di altre parti del corpo del proprio bambino.

Gli ecografi dotati di una sonda particolare detta “volumetrica” sono in grado di acquisire decine di fotogrammi al secondo senza movimento della sonda stessa. In questo modo l’apparecchio memorizza un certo numero di sezioni ed effettua il cosiddetto "rendering", che consente di ottenere un'immagine tridimensionale statica o in movimento.

Nello specifico, la tecnica 3D permette di acquisire un volume e poi scomporlo nei tre piani dello spazio, mostrando sezioni che non sono visibili con l’ecografia tradizionale o che richiederebbero particolare tempo ed abilità da parte dell’operatore.

La tecnica 4D
permette di valutare in movimento (“real time”) le medesime strutture ricostruite in tridimensionale.

È importante sottolineare che allo stato attuale le metodiche 3D e 4D rappresentano solo un complemento all’esame standard: il loro utilizzo clinico è riservato ad alcune specifiche condizioni (per esempio studio del verme cerebellare, labiopalatoschisi, patologie di ossificazione della scatola cranica) ed, in particolare, quando si sia rilevata all’esame del II trimestre una malformazione fetale che necessita di approfondimento per confermare ipotesi diagnostiche o dirimere dubbi.

Ad oggi, capita spesso che alcune donne richiedano l’utilizzo del 3D/4D come aggiunta all’ecografia classica in bidimensionale per vedere la ricostruzione del volto del feto ed ottenere così una prima “fotografia”.
In una buona parte dei casi si possono ottenere immagini del viso con le sembianze "reali" del proprio bambino.
Per ottenere ciò è necessario che la posizione del feto sia favorevole, che non vi siano davanti ostacoli (arti, cordone, placenta) e che vi sia una buona falda di liquido amniotico. Questi fattori, limitanti l'ecografia in genere, influenzano notevolmente l'esito "spettacolare" dell'esame.

La procedura è identica ad una normale ecografia. Può essere eseguita con successo in qualsiasi epoca di gravidanza ma avrà un maggiore impatto estetico con un feto di medie dimensioni (dalla 28 settimana in poi).

Con l’introduzione della metodica 3D/4D in gravidanza abbiamo assistito per la prima volta all’utilizzo di uno strumento diagnostico medico con finalità non clinico-assistenziali. Tale deviazione dalle normali abitudini può generare false aspettative nelle mamme. Alla tipica domanda: “l’ecografia morfologica 3D è meglio?” è, a questo punto, scontato rispondere che la metodica 3D non aggiunge nulla alla tradizionale bidimensionale e che verrà pertanto utilizzata solo in specifici casi ed in sedi opportune.

D’atro canto, la ricostruzione tridimensionale del viso deve essere perciò considerata un momento ludico e uno strumento utile all’avvicinamento al proprio bambino poiché pernette, in buone condizioni, di riconoscere davvero la fisionomia del vostro nascituro.

Da settembre 2017 è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria.

dott. Edoardo Barbolini
Ginecologo-Ostetrico

U.O. Ostetricia e Ginecologia Fondazione Poliambulanza- Brescia
Poliambulatorio Santa Maria  Vobarno (Bs)



Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/07/2017 09:13:00
Cura la cataratta Torna a vedere i colori della vita! Ai tuoi occhi non sfuggira’ piu’ un dettaglio

24/01/2017 15:45:00
Dopo le grandi abbuffate… facciamo un controllo Il periodo natalizio da sempre rappresenta una vera e propria sfida alla nostra “linea” e più in generale al nostro desiderio di mantenere un buono stato di salute

05/02/2017 17:00:00
Psicogeriatria per la Valsabbia Un servizio rivolto all’adulto che invecchia: prevenzione, promozione e cura dell’invecchiamento patologico. Per il mede di febbraio, al Santa Maria, screeneng gratuiti

13/06/2017 10:00:00
Santa Maria Assunta di Vobarno Dopo aver visitato la nota Rocca di Sabbio Chiese, proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta della chiesa parrocchiale di Vobarno, dedicata a Santa Maria Assunta, ricca di arte e di storia.

16/01/2017 15:50:00
Speciale Inverno: i bambini e la febbre La febbre del bambino è il principale motivo di allarme per i genitori e ricorso a consulenza medica. Vediamo un po' come si manifesta e come bisogna comportarsi, tenendo conto che la febbre può essere un prezioso alleato



Altre da Valsabbia
18/05/2018

Funziona, grazie alla solidarietà di molti

A soli quattro giorni dall'inizio, grande successo per la raccolta di fondi a favore della ricostruzione della Casa delle Streghe di Casto
(3)

18/05/2018

Sorpresa: la Valle Sabbia non c'è più

Se questo è il risultato del nuovo corso lombardo, che ha affidato la promozione territoriale ad una “società istituzionale” c’è da spaventarsi (16)

18/05/2018

Alla scoperta dei sapori di Valle Trompia e Valle Sabbia

Un ricettario ricco di spunti tradizionali e rielaborazioni moderne proposte dallo chef Roberto Abbadati, dallo storico Marino Marini e dai ristoratori valligiani, frutto della prima edizione del laboratorio gastronomico delle Valli Resilienti (1)


16/05/2018

«Il passato è una terra straniera»

Il cineforum di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo promosso dalla Comunità montana di Valle Sabbia prosegue domani, giovedì 17 maggio, a Villanuova con una proiezione gratuita

15/05/2018

Arte e artigianato nei microcosmi montani

Giorgio Azzoni, direttore artistico del Distretto Culturale di Valle Camonica, nell’ambito del progetto Valli Resilieni, sarà ospite questo mercoledì a Casto per portare alcune esperienze significative di arte pubblica

15/05/2018

Dalla Valsabbia con 12 pullman per tifare Ducati

Valsir ha riservato una tribuna del “Circuito Enzo e Dino Ferrari” per collaboratori e famigliari in occasione della tappa di Imola del WorldSBK



14/05/2018

«La mia prima volta all'Adunata»

Un'emozione indescrivibile ed un immenso onore, poter partecipare all'Adunata Nazionale schierato nelle file della Fanfara Valchiese

14/05/2018

Autismo, testimonianze dirette

È in calendario per questo mercoledì, 16 maggio, la terza serata della rassegna “Nuvole”, il progetto che la Comunità montana, i Comuni e le associazioni del territorio hanno dedicato al delicato tema della salute mentale 

14/05/2018

Adunata a Trento, oltre l'impossibile

Anche il presidente Mattarella ieri al raduno delle Penne nere a Trento a omaggiare il centenario della fine della Grande Guerra e le attività e i valori di cui sono portatori gli Alpini (2)

14/05/2018

Un segnale concreto di solidarietà

Parte oggi un'iniziativa popolare per sostenere la ricostruzione della Casa delle Streghe. Già nelle "premesse", ha raccolto 5.250 euro, grazie anche alla Cassa Rurale disposta a versare un contributo pari al 50% di ogni donazione. Ecco l'IBAN ed ecco come funziona


Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia