05 Gennaio 2019, 06.03
Eppur si muove

Un pensiero invadente

di Leretico

C’è un pensiero che continua ad affiorare alla mia coscienza come gli occhi di una rana che spuntano a pel d’acqua prima di salire, cianciante e giuliva, su una larga foglia nello stagno.


È un pensiero legato al contingente, chiamiamo così l’affastellarsi di avvenimenti quotidiano che cerchiamo affannosamente di discernere fino all’ora in cui ci addormentiamo, e buonanotte.
D’altra parte, fino al momento di addormentarci questo pensiero affiorato in modo così naturale, ci pungola, ci tiene sulla corda, non ci molla un attimo vagolando come il Ghibli più tenace, nelle aride terre della Libia del sud.

E allora andiamo a scorgere tra i libri che ci hanno parlato di quell’argomento, quale mai possa essere una corroborante risposta al dubbio che quel pensiero ci ha insinuato. Ci rifugiamo nell’angolo in cui solitamente riceviamo dall’alto le soluzioni ai nostri più intricati problemi, passiamo in rassegna i pro e i contro di tutte le argomentazioni che abbiamo meticolosamente raccolto in elenco, e guardiamo sconsolati al tramonto assassino che al di la di quella siepe “il guardo esclude”.

Insomma, ogni volta che quel pensiero si presenta, non sappiamo che pesci pigliare, ci sentiamo ancora poco maturi per rispondere, ci vien voglia davvero di rinunciare, come ci accade con la fisica quantistica in cui perderemmo del tempo se volessimo contemporaneamente conoscere velocità e posizione della particella su cui stiamo indagando.

La particella ci sfugge, non ha rispetto alcuno per la nostra sofferenza inquisitoriale. Se conosci la posizione, la sua velocità rimane ignota.
Se ne misuri la velocità, non sai dove si è andata a cacciare: potrebbe essere ovunque.
Questo pensiero è dunque indeterminato?

No! Non entriamo nel difficile vi prego, cerchiamo di non elucubrare ragioni che stanno nell’astratto per non dire nel confuso. Sfidando le più acerrime critiche, vi vado ora a declinare cosa sia mai questo pensiero, che non sono fin qui riuscito a esplicitare. E vedete quanto sia difficile! Quante parole mi è toccato mettere nelle premesse per arrotondare, smorzare, ridurre, limitare, circostanziare, minimizzare l’effetto dirompente che avrà nel momento in cui esattamente leggerete di cosa si tratta.

Ebbene, cercherò di essere sincero, anche se non posso con parole incomparabili ridurre un pensiero così importante alla poca cosa che sarebbe scandendola e definendola, tradendo insomma il suo vero e complessissimo significato.

Bisognerebbe dirlo tutto, ma il Tutto, quello con la “T” maiuscola, è roba da filosofi e quindi degna della massima vituperazione. Ecco perché me ne sottraggo; mi nascondo perché massima è, tra le parole che intendono offendere, l’appellativo di “filosofo”, e Dio me ne scampi dall’essere così definito.
Io leggo e riporto il pensiero altrui, non faccio plagio né ammicco. Non voglio che mi si appelli con la parola “filosofo”, perché essa denota chi ama il sapere, d’accordo, tuttavia è parola offensiva, perché del sapere non importa più niente a nessuno.

Oggi conviene essere sacerdoti di un nuovo verbo
; non di quel “logos” così caro agli oscuri come Eraclito o Hegel, ma sacerdoti del “vuoto”. Ossia sacerdoti dell’assenza.
Ecco, l’assenza non è da prendere sottogamba: per esserci assenza è necessario che sia evidente la cosa che l’assenza indica, appunto, come non presente.

L’assenza, il vuoto, non è un nulla. I sacerdoti dell’assenza non predicano il nulla, ma qualcosa che adesso non c’è e che presto ci sarà. I sacerdoti del nuovo “pneuma”, un messia che verrà e che per adesso è in ritardo, è assente.
Ecco la nuova attitudine, quella di cui indicavamo la necessaria “adaequatio”, da praticare per le nostre menti satolle di miserevoli materialismi e altri decadenti pensieri.

Adeguarci al vuoto, superare il celeberrimo “horror vacui” con la consapevolezza dialettica che ove vuoto incombe (assenza), arriverà senza tema un qualcosa a riempimento, anti-democriteo evidentemente.
Come accade nelle teste vuote, in cui la vuotezza esperita è sempre accompagnata da tempeste di elucubrazioni insulse, che pur sono qualcosa. Anche gli imbecilli d’altra parte non sono un nulla.

Ho quasi finito, non lamentatevi.

Vorrete prima o poi sapere di cosa vorrei parlare, altrimenti perché seguire fino a qui?
Allora ci siamo, sedetevi, allacciate le cinture di sicurezza, mettetevi il casco se potete, non sarà esperienza di tutti i giorni, qualcosa potrebbe entrarvi senza consulto nella corteccia celebrale e lasciare un segno. Il pensiero che è emerso è il seguente: la terra è piatta!

Ovviamente dato che la terra è piatta,
allora anche le vaccinazioni sono perfettamente inutili.
E lo si può capire se si è letterati abbastanza da ricordare la enorme figura di don Ferrante, nel manzoniano “I promessi sposi”, che così ragionava sulla peste: “In rerum natura,” diceva “non ci son che due generi di cose: sostanze e accidenti; e se io provo che il contagio non può essere né l’uno né l’altro, avrò provato che non esiste, che è una chimera” (Cap. XXXVII).
E poiché il contagio non si vede né si tocca, allora non esiste! Fatale conclusione.

Ecco qui la grandezza del pensiero, tratto dal filosofo Aristotele, il più grande, tuttavia tradotto e semplificato per i palati meno fini. E io mi adeguo, come si adeguano al populismo tutti quelli che da esso intendono guadagnarci, se non denaro, almeno una posizione da cui possa derivarne in un futuro non troppo lontano.

La terra è dunque incontrovertibilmente piatta, gli allunaggi cinesi sono racconti senza vergogna, il crollo delle torri gemelle è un’invenzione del Potere, l’Olocausto è un’invenzione dei Savi di Sion, la bomba atomica è un’idea non ancora realizzata, ma che fa paura abbastanza.

E la tecnica? Quella che è destinata al dominio?
Quella che non avrà alcuna ideologia che possa ingabbiarla affinché possa garantire il futuro immortale dell’homo sapiens? Non scherziamo, dire corbellerie è un conto, crederci un altro, nonostante il giallo-verde sia diventato il colore preferito dal popolo or dobbiam risvegliarci. La Tecnica è una cosa seria, troppo seria per lasciarla ai sacerdoti del “vuoto”.

Buon anno

Leretico



Commenti:
ID79041 - 05/01/2019 11:16:30 - (Pseudosofos) - Credere e sapere

Carissimo Leretico, come sempre sei piacevolissimo da leggere e nient'affatto banale. I "sacerdoti del vuoto" di cui parli lusingano gli intelletti annunciando che alcuna distinzione esiste fra credere e sapere. Di conseguenza sia la fede (ordinata al credere) sia la ragione (ordinata al sapere) si guardano allo specchio vedendo l'una il volto oscuro e sbiadito dell'altra. Questo lascia spaesati in una terra che forse crediamo sia piatta sapendo che probabilmente non lo è, ma, infondo, non ce ne importa davvero nulla. Perché ahimè, il vuoto (di verità) di cui parli è amabile e rassicurante nell'universo delle indifferenti opinioni in cui vagano casualmente le nostre menti. Grazie.

ID79042 - 05/01/2019 13:10:49 - (Dru) - Oh, finalmente posso dir la mia

chi vuol aprire tutte le bottigli finisce di non ber alcun vino. Buon anno

Aggiungi commento:
Vedi anche
07/03/2014 07:55:00

La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

19/04/2014 07:53:00

Elezioni: votiamo per i nudi Se non fossimo nelle immediate vicinanze delle elezioni amministrative per alcuni importanti paesi in Vallesabbia, non mi sarebbe venuta in mente una piccola commedia scritta negli anni sessanta da Leonardo Sciascia intitolata “L’onorevole”

17/08/2016 09:32:00

Platone, Facebook e il mago Atlante Vi sarà capitato, di ritorno al reale da un vago e fuggevole pensiero, viaggiando in treno o in metropolitana, di notare quante persone sono intente ad armeggiare con il proprio telefonino o cellulare, oggi detto smartphone

01/06/2015 07:51:00

Il pensiero, di Emanuele Severino Quando si pensa al pensiero, e agli elementi che lo compongono, molti guardano alla loro testa e se della propria testa non ci si fida, allora ci si affida a quella di chi ha più popolarità in quello specifico campo, il pensiero ed il suo studio appunto

24/05/2020 08:30:00

Il cammino fino al tramonto La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.



Altre da Terza Pagina
03/07/2020

Marmo rosso per l'anfiteatro

Saranno inaugurati questo sabato i lavori di completamento della coperura in marmo rosso di Verona dell'anfiteatro del Vittoriale di Gardone Riviera, secondo il desiderio di d’Annunzio e il progetto originale degli anni Trenta

02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

29/06/2020

Alberto Folgheraiter, giornalista e scrittore

Alberto Folgheraiter, classe 1952, è un giornalista, già capostruttura della sede Rai di Trento. Ha pubblicato ventisei libri. La sua ultima fatica, appena editata: “La valle di Fiemme: l'autogoverno di un popolo fiero”

25/06/2020

Sotto le ali del Leone

Proseguono i video dedicate all’arte e cultura nel bresciano a cura di Giovanni Baronchelli stavolta dedicato all’antico legame fra Brescia e Venezia

25/06/2020

Il giudice Albertano riapre le degustazioni con l'autore

L'ultimo giallo della saga di Enrico Giustacchini sarà protagonista dell'appuntamento cultural-gastronomico di questo venerdì, 26 giugno, a Prevalle. La rassegna riprende nel rispetto delle norme anti Covid

25/06/2020

Consolare gli afflitti

Sono venuto a conoscenza di una storia di vita quotidiana che merita un racconto e una riflessione. È una storia riguardante l’importanza della consolazione nella sofferenza e coloro che hanno il desiderio, ma non il tatto, per esprimerla

24/06/2020

Porte chiuse al convento

A causa del coronavirus quest'estate al Ponte sul Guado, di Condino, niente soggiorni, corsi meditativi né pratica di yoga

24/06/2020

Riapre il MuSa «Sotto il segno dell'Arte»

Dopo sei mesi di chiusura, sabato 27 giugno, riapre al pubblico il MuSa, il moderno e interdisciplinare museo della Città di Salò

22/06/2020

Presentata la prima Bibbia per persone non udenti

Complesso e qualificato lavoro ad opera dei Testimoni di Geova. Ora in inglese, prossimamente disponibile in italiano

19/06/2020

L'opera delle Confraternite

In molte chiese della Valle Sabbia sono ancora oggi visibili dipinti, sculture, cappelle realizzate dalle Confraternite religiose. Gruppi di fedeli che hanno contrassegnato la storia delle nostre comunità