Skin ADV
Domenica 24 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Casto

22.02.2019 Bione

22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Villanuova s/C Roè Volciano

22.02.2019 Prevalle

23.02.2019 Valtenesi

23.02.2019 Bione

22.02.2019 Gavardo Prevalle Muscoline

23.02.2019 Treviso Bs






29 Luglio 2018, 08.27

Blog - Genitori e figli

Adolescenti e social

di Giuseppe Maiolo
I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente
 
Sono interrogativi che nascono dalla difficoltà degli adulti di capire come possano i ragazzi starsene per lunghe ore incatenati agli smartphone e chattare con gli amici, magari chiusi in una stanza o a poca distanza gli uni dagli altri.

Hanno sovente paura della dipendenza dai social e da internet, così insistono nel sostenere che l’unico modo per proteggerli, oltreché per farsi ubbidire, è quello di sottrarre loro i dispositivi e impedire che li usino.

È fuor di dubbio che sia necessario regolamentarne l’uso.
Tuttavia da sempre penso che non sia educativo esercitare la forza per far capire come bisogna rapportarsi con i nuovi strumenti della comunicazione, soprattutto ora che appartengono alla vita comune di tutti.

Di certo i “pollicini” o nativi digitali, che con i cellulari di nuova generazione hanno grande familiarità, sono quelli che fanno maggior uso della tecnologie di comunicazione e, per dirla tutta, ne sono talmente immersi che per loro rappresentano quasi l’unica modalità di interazione.
Togliere loro il PC e più ancora lo smartphone, anche se per un tempo limitato, è un’azione molto simile a quella che facciamo quando, per cambiarla, togliamo l’acqua dalla boccia dei pesci rossi!

Questo non vuol dire negare il fatto che vi siano adolescenti che hanno una relazione malata con la tecnologia. Ci sono eccome!
Significa però che dobbiamo comprendere cosa vuol dire per i ragazzi e le ragazze del terzo millennio comunicare e interagire.

In un tempo in cui gli spazi pubblici per gli adolescenti si sono notevolmente ridotti ed è mutato in modo significativo l’utilizzo dei luoghi di incontro, i social rappresentano il posto previlegiato dove i giovani possono incontrarsi e conoscersi, familiarizzare e confrontarsi.

Per gli adolescenti incontrarsi di persona è diventato difficile, i tempi per farlo sono ridotti, gli impegni scolastici e extrascolastici sempre maggiori e non di rado i genitori faticano a concedere loro spazi liberi da gestire autonomamente.

Molte volte ho sentito dire da ragazzi e ragazze della fatica che fanno a frequentare i loro amici durante il fine settimana e che l’unico modo che hanno per restare in contatto tra di loro è quello di chattare e comunicare sui social.
Perché in questa fase della vita è vitale soddisfare il bisogno di amicizia ed è importante allargare la cerchia ampliando i contatti e sviluppando nuove relazioni.

Si imparano i rapporti vivendoli e si cresce confrontando il proprio modo di essere con quello degli altri.
Ancora una volta è il grande valore del gruppo e la partecipazione ad esso che conta. 

La transizione, oggi difficile e lunga, dall’infanzia all’età adulta, è caratterizzata proprio dalla costruzione dell’identità che avviene attraverso lo sviluppo di rapporti amicali tra pari. Servono per capire come ci si inserisce nel mondo più ampio delle relazioni e avere un’idea di come funzionano gli affetti. Ovviamente è fondamentale che le relazioni si sviluppino nel mondo reale, ma in questo nostro tempo sono utili anche quelle virtuali che si coltivano sui social media.

Non demonizzarli può aiutare gli adolescenti a sviluppare con equilibrio la vita relazionale.
Solo se la frequentazione dei social sarà complementare e non sostituiva di altri rapporti, servirà a questa fase dello sviluppo.
In fondo gli stessi adolescenti sono i primi a sostenere che di gran lunga preferirebbero vedersi e conoscersi di persona.
Se dall’amicizia virtuale si passa, pur con le dovute attenzioni e precauzioni, a quella reale possiamo dire di aver contribuito alla loro crescita.  

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/10/2015 16:17:00
Comunicare in famiglia, come si fa? Venerdi 16 ottobre 2015 alle ore 20,45 presso l’Auditorium comunale di Roè Volciano, per il ciclo Genitori in FormAzione. interverrà Paola Scalari, psicosocioanalista di Venezia grande esperta di famiglia e di adolescenti. Pino Maiolo l'ha intervistata per noi


24/02/2016 08:40:00
Adolescenti e pornografia Il "nostro" Giuseppe Maiolo su questo argomento è intervenuto anche l'altro giorno a Rai Uno Mattina in famiglia. I dati per certi versi sconcertanti di una ricerca condotta da Telefono Azzurro


18/03/2014 10:01:00
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura

29/03/2016 10:09:00
Adolescenti. Fragili supereroi Gli adolescenti vivono la fase della vita in cui avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni...

06/10/2014 11:45:00
Uno sconosciuto per casa Prenderanno il via questo giovedì 9 ottobre a Prevalle, nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte", tre serate rivolte ai genitori sui temi dell’adolescenza



Altre da Genitori e Figli
11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

16/12/2018

Nell'educazione parlare non basta

“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

07/12/2018

Pornografia virtuale e dipendenza

Le nuove tecnologie mettono a disposizione l’universo mondo con un solo click.

24/11/2018

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne

Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza  (1)

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/11/2018

Le parole dell'odio

Le parole dell’odio circolano realmente attorno a noi, oggi  più che mai in rete, e attraversano le relazioni, le contaminano e le feriscono

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia