Skin ADV
Sabato 21 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Golfo di Salò

Golfo di Salò

by Luigi



19.04.2018 Barghe

19.04.2018 Bagolino Salò

20.04.2018 Valsabbia

19.04.2018 Roè Volciano

19.04.2018 Pertica Bassa

20.04.2018

20.04.2018 Valtenesi

19.04.2018 Valsabbia Provincia

19.04.2018 Vobarno Valsabbia

20.04.2018 Valsabbia






14 Ottobre 2016, 09.06

Pillole di psicologia

Senza studio e senza lavoro: neet generation?

di Annalisa Croci
Come si orientano i giovani oggi, quali obiettivi hanno? Per alcuni è indeterminatezza 
 
Approfondisco un termine che oggi viene utilizzato per indicare una fascia di giovani, che non ha obiettivi e che rappresenta da alcuni anni un nuovo fenomeno sociale: la neet generation.
Letteralmente significa Not in Education, Employment, Training, ossia giovani che non studiano, non lavorano e non stanno partecipando a corsi di formazione; essi hanno un età compresa tra i 15 e 29 anni.

In particolare non trovano un’occupazione, né precaria, poiché non tentano più di cercarla e non partecipano a nessun processo né di formazione, né di inclusione sociale. 
Secondo il Rapporto “Economie regionali” della Banca d’Italia, nel nostro Paese sono in questa situazione due milioni e duecentomila under 30: il 3,4% in più rispetto a due anni fa; oggi hanno raggiunto quota 27%, oltre tre  milioni e mezzo.

Pensare al futuro per alcuni giovani è diventato impossibile, fra le motivazioni vi è la convinzione che terminano il liceo l’università non influirà in modo fondamentale sul lavoro futuro.
Pertanto ne fanno una questione di difficoltà ma di volontà; non vogliono proseguire gli studi, perché affermano che “tanto non lavorano neppure quelli con la laurea, figuriamoci allora senza.“ 

Altri faticano ad entrare nel mondo del lavoro poiché gli stage quasi non sono retribuiti, i lavori sono malpagati.
Con la crisi economica anche chi non è proprio alla prima esperienza e svolge la stessa professione da dieci anni ha visto diminuire il proprio livello retributivo. 

Fra essi però sono state suddivise alcune categorie: fiduciosi, disimpegnati, sfiduciati, esigenti, agiati, sognatori
Vi sono altri giovani definiti anch’essi Neet che nonostante siano iper- informati e iper-connessi, sono isolati dalla società reale. Inoltre, sembrano avere solo la famiglia come punto fisso importante, ma non hanno ideologie o altre agenzie educative o formative al di fuori di essa.
 
Si può trattare di disagio emotivo o depressione diffusa? 
La riposta al fenomeno della neet generation è complessa, resta importante il fatto che i genitori debbano spronare i figli a raggiungere degli obiettivi, dare fiducia piena ai giovani ed alle loro capacità; ma allo stesso tempo lasciare autonomia perché trovino un’identità personale stabile. 

Forse questa fotografia della realtà oggi dovrebbe portare ad agire, ad essere speranzosi nella ripresa e incoraggiare i ragazzi a trovare motivazioni per collocarsi nella società. 
 
Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa e psicoterapeuta
cell. 334/2357696
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/03/2012 10:00:00
Il lavoro di squadra Se al lavoro si lavora bene in team la fatica si attenua e l’impegno collettivo diventa fonte di armonia e creatività senza mortificare le doti di ciascuno

22/08/2016 14:51:00
«Neet», ovvero i giovani che non studiano né lavorano Si stima che in Italia i Neet siano oltre due milioni. Si tratta di un numero di giovani in aumento che sono inattivi, prima di tutto a livello lavorativo, seppure per motivazioni spesso anche molto diverse tra loro. Il rischio della disoccupazione "strutturale"


15/06/2012 11:00:00
Lo sconosciuto che abita in noi Ci sono delle domande che ci terranno impegnati per un po' di tempo: cosa ci porta a prendere una strada piuttosto che un'altra? Cosa ci sostiene nella scelta? Quali sono le nostre radici?

23/10/2015 15:28:00
Stalking, quali sono i confini dell’amore e del rispetto ? Nelle relazioni la maggior parte delle persone è in grado di amare a tenere il confine, senza soffocare l’altro: l’amore è reciprocità e rispetto, ma nel caso dello stalking perde i confini.

30/07/2014 12:00:00
Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare




Altre da RagazziNews
19/04/2018

Un'esperienza indimenticabile

La visita a Pertica Bassa dei “piccoli gemelli francesi” di Saint Andrè de Chalencon, la scorsa settimana, ha regalato tante emozioni ai bambini, ma anche agli insegnanti e ai membri del Comitato di gemellaggio. Ce lo racconta Elia Zambelli (1)

19/04/2018

Educazione ambientale con «Facciamo Eco»

La settimana ecologica messa in campo dall'amministrazione comunale di Villanuova quest’anno ha coinvolto gli alunni delle scuole per raggiungere le famiglie con le buone pratiche di raccolta differenziata

18/04/2018

Dietro le quinte della scuola: studiare

 “Va beh la scuola... Vai solo la mattina quelle 5/6 ore e nel pomeriggio del tempo per lo studio lo trovi” 

18/04/2018

Discorsi diretti, genitori in ascolto

Questo mercoledì sera a Gavardo il terzo incontro della serie “Discorsi diretti. Genitori e figli in cammino” con protagonisti una trentina di adolescenti gavardesi


17/04/2018

Ragazzi che Banda!

Questo mercoledì sera a Serle il concerto che vede uniti banda, mini banda e tutti gli alunni della scuola secondaria di primo grado a conclusione di un progetto didattico

13/04/2018

Primavera in biblioteca

La Biblioteca comunale di Vobarno organizza nel mese di aprile due momenti di letture e attività primaverili per bambini. L’iniziativa si terrà nelle giornate di domani, 14 aprile, e di sabato 28

11/04/2018

Bimbi «grandi» a teatro

Una bella esperienza quella vissuta dai bambini di 5 anni delle scuole dell’infanzia di Gavardo, accompagnati al Salone Pio XI per assistere allo spettacolo teatrale “Amico Albero” del “Teatrodaccapo” 

10/04/2018

Tempo di Cresime

Un centinaio i ragazzi di terza media che domenica scorsa a Storo, Condino e Pieve di Bono hanno ricevuto la Cresima da Mons. Marco Saiani, vicario generale della Diocesi

10/04/2018

Scuola aperta per una società aperta

Grande sinergia tra Valsir S.p.A e l’istituto comprensivo di Vestone, unico per regione Lombardia, a far parte di un Progetto di respiro europeo sui temi del recupero delle materie prime

08/04/2018

Un grande successo per gli «Alpini nella scuola»

Una giornata densa di emozioni quella vissuta dalle scolaresche della valle del Chiese e dagli Alpini lo scorso venerdì a Condino

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia