17 Giugno 2018, 10.35
Blog - Genitori e figli

Esami in vista, ansia in arrivo!

di Giuseppe Maiolo

È ormai tempo di esami. Ma anche di ansia e stress. Perché si sa, le prove scolastiche ma in particolare quelle della maturità, in fondo rappresentano la “verifica” di un percorso e insieme l’autorizzazione della società ad andare oltre l’adolescenza.

 
Per questo gli esami conclusivi delle superiori sono fonte di tensione e di preoccupazione.
Nonostante non si chiami più Esame di maturità ma di Stato, esso mantiene un’intensa carica simbolica perché rappresenta uno di quei riti di passaggio fondamentali nel corso dell’intera esistenza. 

C’è da sempre la paura di fallire
e l’acuta preoccupazione di rendere insoddisfatto quel “genitore interno” che di solito è sentito severo e giudicante, ma che nella nostra realtà odierna è più permissivo che punitivo.
E forse proprio per la prevalenza di quegli adulti, o meglio adultescenti, che non chiedono e non danno in termini di attenzione e ascolto o di regole e limiti, o per la quasi totale mancanza di autorevolezza che regna nella dimensione della genitorialità, molti ragazzi di fronte a questo tipo di prove si bloccano paralizzati dall’ansia oppure, all’opposto, fuggono dai loro compiti e, terrorizzati, cercano di sottrarsi con qualsiasi giustificazione a ogni passaggio importante dell’esistenza.

Si rifugiano come tanti Peter Pan nell’Isola che Non C’è
e rimangono intrappolati in una specie di infantilismo che mai si conclude. Complice di tutto questo è anche una società che, come dice Erich Neumann, ha abolito o dimenticato i “rituali collettivi…e la problematica di ogni cambiamento ricade quindi esclusivamente sul singolo”.

Così i tempi di trasformazione, che una volta erano momenti fondamentali per lo sviluppo e la crescita, sono divenuti momenti di ansia o vero e proprio panico che genera sofferenza acuta e angoscia.
Inappetenza, insonnia, mal di testa, nausea o vomito, sono solo alcune delle reazioni più frequenti che segnalano uno stato di stress, perché sono molti gli studenti che vivono male le prove scolastiche e tutto quel periodo che accompagna le verifiche.

Di certo un’angoscia che, almeno in teoria rischia di compromettere i risultati delle prove, va contenuta.
Ma è inutile, se non controproducente, immergersi in lunghe ore di studio e riempire la mente di nozioni.
E gli adulti dovrebbero saperlo e indicarlo agli studenti.

Nei giorni che precedono gli esami, è più salutare pianificare lo studio, darsi tempi per le pause che sono assolutamente necessarie e aprire la mente ad altro, oltre che al pensiero dell’esame. Bisognerebbe dare spazio allo svago, uscire, chiacchierare con gli amici, ascoltare musica, anche se serve ripassare (non studiare!) le materie.

E in ogni caso serve dormire adeguatamente
evitando di fare levatacce al mattino.
Alcune di queste cose, in particolare i diversivi e le distrazioni, sono però attività che gli adulti, genitori e insegnanti, paradossalmente non ritengono utili e tendono a scoraggiare, con l’idea che non favoriscono un’adeguata concentrazione. Nulla di più sbagliato. 

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it




Aggiungi commento:
Vedi anche
20/06/2015 09:35:00

Tempo di esami Tempo di bilanci per gli studenti, ovvero tempo di esami. E con questi ansia e stress. Perché gli esami, si sa, sono una messa alla prova, una verifica per poter passare da un livello ad un altro

09/09/2019 09:40:00

Lo stress a scuola “Che stress la scuola!”; “Non ce la faccio più. Mi sento sempre sotto pressione e spesso mi vien da piangere e da gridare”. Sono frasi che ho sentito di frequente dagli adolescenti che incontro, e non sempre si tratta di esagerazioni

15/09/2019 10:30:00

Insegnanti: attenti al burnout! La parola "burnout" ci è diventata familiare. Ormai. Collegato allo stress, sappiamo che si tratta di una risposta individuale alla pressione lavorativa che ti fa sentire  come “bollito” 

13/03/2011 12:00:00

Genitori stressati, figli ammalati La relazione fra stress dei genitori e indebolimento del sistema immunitario dei figli è dimostrata: i turbamenti influenzano la loro salute.

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento