Skin ADV
Lunedì 19 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


Il carciofo

Il carciofo

by Matteo



17.08.2019 Vobarno

18.08.2019 Vobarno

17.08.2019

17.08.2019 Sabbio Chiese

17.08.2019 Vestone

18.08.2019 Bagolino

18.08.2019 Vestone Valsabbia

18.08.2019

17.08.2019 Preseglie

17.08.2019 Pertica Alta






22 Dicembre 2018, 08.00

Narrativa per l'infanzia

Fantastorie e filastrocche

di Redazione
Parliamo con Giuliana Franchini e Giuseppe Maiolo, psicologi e psicoterapeuti, del significato delle pubblicazioni di narrativa per bambini uscite negli ultimi mesi da “Erickson” e “La meridiana” 

“Ciripò e i suoi amici coraggiosi”, “Ciripò in un mare di emozioni”, “Ciripò bulli e bulle”, “Filastrocche sul cuscino”: le pubblicazioni di narrativa dedicate ai bambini uscite negli ultimi mesi da “Erickson” e “La meridiana” sono pensate per parlare di emozioni e di crescita, aiutando i bambini ad identificarsi nei protagonisti mentre acquisiscono fiducia in sé stessi, guardando il mondo e imparando a leggerlo e ad interpretarlo.
 
Perché le fiabe? “Le fiabe, i racconti fantastici e le storie di magia hanno da sempre svolto la funzione di parlare ai bambini, ma anche agli adulti, della vita e dei suoi travagli, delle difficoltà e dei problemi che di solito evocano paura e inquietudine, ansia oppure vera e propria angoscia. lieto fine, come ogni fiaba che si rispetti, conclude tutte le storie. Dice Maria Luise von Franz: «Le fiabe mirano a descrivere un solo evento psichico, sempre identico, ma di tale complessità, di così vasta portata e così difficilmente riconoscibile in tutti i suoi diversi aspetti, che occorrono centinaia di versioni, paragonabili alle variazioni di un tema musicale, perché questo evento penetri nella coscienza (e neppure così il tema è esaurito)»”.
 
Le storie fantastiche di Ciripò. “Le storie di Ciripò coniugano la dimensione fantastica e magica con gli aspetti pedagogici. A queste favole abbiamo dato il nome di fiabola, che è il risultato della fusione di «fiaba» e «favola». Le nostre fantastorie si rifanno alla fiabe classiche che hanno la particolarità del lieto fine. Sono pensate per accompagnare i bambini nella crescita e aiutarli a superare i disagi frequenti dell’infanzia e avere fiducia nella vita”. 
 
Come mai le fiabe raccontano fatti paurosi? “Le fiabe che si rispettano sono sempre fiabe di paura, a volte anche di terrore. Le paure sono un tema comune a tutti i bambini perché la crescita è fatta di scoperte e di tante cose nuove da affrontare. È inevitabile provare paura, così come è impossibile sentirsi sicuri quando si è piccoli e indifesi. Così le paure le emozioni e le prove da superare sono la trama di un po’ tutte le narrazioni del ciclo di Ciripò”. 
 
Perché gli animali come personaggi nelle Fiabole di Ciripò? “A partire da Ciripò, che è un gattino tutto nero, i piccoli animali che vivono a Gattopoli, si incontrano ovunque in queste storie e tutti hanno comportamenti umani, gli stessi possibili che ogni bambino vive nella vita quotidiana. Vivono gli interrogativi, le ansie e le incertezze ma, grazie alle prove di coraggio e all’aiuto di amici che li sostengono e soccorrono, riescono a risolvere i loro problemi e a superare tutte le incertezze. Ciò consente ai bambini di identificarsi con loro e credere che le difficoltà si possono superare”.
 
Cosa devono fare gli adulti? “Compito dell’adulto è accompagnarli, sostenerli e aiutarli a diventare più autonomi e indipendenti. I piccoli hanno bisogno della presenza autorevole e rassicurante dei genitori, ma anche della mediazione tra il loro mondo fantastico e la realtà. Per dare, però, un senso a quello che accade attorno a loro e superare le insicurezze evolutive più che le spiegazioni razionali. ai bambini serve la fantasia e l’immaginazione”.
 
Perché le filastrocche? “Le filastrocche sono una specie di canzoni che aiutano i piccoli a guardare il mondo e leggerlo. Servono ad ascoltare con leggerezza quello che provi e fanno giocare bambino e adulto con il ritmo delle cantilene facili da memorizzare”. 
 
Come mai le “Filastrocche sul cuscino”? “E’ un libro che parla delle emozioni più frequenti che possono provare i bambini. Ne parla mettendo in scena un altro animaletto dolce e delizioso come può essere un piccolo bruco. Ogni filastrocca è una piccola storia che con la musicalità della rima baciata e con parole semplici racconta i sentimenti e gli stati d’animo che può vivere un bambino. Si tratta di piccole narrazioni preziosamente illustrate da Andrea Cagol che si possono usare alla sera prima di metterlo a nanna. Ognuna di essere può essere cantata o mimata e le carte che illustrano ogni emozione possono servire per farei insieme piccoli giochi e aiutare a riconoscere i propri sentimenti e quelli degli altri”. 
 
Giuliana Franchini e Giuseppe Maiolo sono psicologi e psicoterapeuti che si occupano da anni di infanzia e adolescenza. Oltre all’attività clinica sono scrittori di libri per l’infanzia e formatori di educativa familiare e di operatori socio-sanitari. 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/07/2018 17:45:00
Happy book con «Filastrocche e Fantastorie» Appuntamento all'Officina del Benessere di Puegnago, questo sabato 23 agosto alle 18 e 30, per la presentazione degli ultimi libri di Giuliana Franchini e Giuseppe Maiolo

01/06/2018 10:00:00
Il contributo della psicanalisi alla pedagogia La prima conferenza del ciclo “Psicanalisi e infanzia”, organizzato a Gardone Riviera dalla Scuola di Psicanalisi Freudiana e dall’Associazione Genitori, ha riscosso molto interesse. Domani, 2 giugno, il secondo incontro 

22/04/2016 12:02:00
Il linguaggio popolare nella narrativa della Resistenza Sarà data la possibilità di ottenere dei crediti scolastici agli studenti delle superiori che parteciperanno all’incontro con la dott.ssa Miria Dal Zovo in programma questo sabato pomeriggio alla biblioteca di Muscoline

05/10/2017 17:00:00
«Tecnologia, usi e abusi» Incontro interessante quello che si terrà domani, venerdì 6 ottobre, presso la Biblioteca di Barghe. La dott.ssa Mirna Zambelli parlerà dell’uso della tecnologia nell’infanzia e dei bisogni reali del bambino

10/04/2018 10:10:00
Genitori a scuola Si terrà questo giovedì, 12 aprile, la seconda delle tre serate pedagogiche gratuite organizzate dalla Scuola dell’Infanzia “Don Pietro Boifava” di Serle e condotte dalla Dott.ssa Mirna Zambelli 



Altre da RagazziNews
09/08/2019

Giochi e giocattoli del passato

Fa tappa questo sabato 10 agosto a Livemmo di Pertica Alta la rassegna Famiglie al Museo organizzata dal Sistema Museale della Valle Sabbia

30/07/2019

Oggetti antichi, laboratori d'arte

Fa tappa questo giovedì 1° agosto a Bagolino la rassegna Famiglie al Museo organizzata dal Sistema Museale della Valle Sabbia

28/06/2019

Giornata Blu

Un centinaio di persone hanno preso parte a Vobarno alla camminata blu, pensata per portare un piccolo contributo alla consapevolezza per l’integrazione di ragazzi, ragazze, bambini e bambine che soffrono di disturbi dello spettro autistico

22/06/2019

Polisportiva Caffarese e SSD Bagolino, presente e futuro insieme

Si è concluso sabato 25 maggio a Bagolino il sesto anno del Progetto di avvicinamento allo sport “La Cultura dello Sport per i Nostri giovani” proposto da ASD Polisportiva Caffarese e SSD Bagolino agli alunni dei rispettivi plessi scolastici 

21/06/2019

Al rifugio di Campei il Campo Scuola di Protezione Civile

Per il quarto anno gli alpini della sezione “Monte Suello” di Salò accolgono presso il loro rifugio sull’Alto Garda una trentina di ragazzi e ragazze per una settimana all’insegna della cittadinanza attiva

20/06/2019

La lampada dei desideri

Nello spettacolo di fine anno de LaltraDanza, andato in scena in due serata a Botticino, anche la partecipazione di cinque ballerini di Sportmid Asd

17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


13/06/2019

Ragionieri sempre

Si sono diplomati 49 anni fa e per il “cinquantesimo” vorrebbero poter incontrare gli studenti delle Quinte del Battisti di Salò. E da buoni ragionieri hanno già fissato la data

07/06/2019

Teatro a scuola, un'esperienza da ripetere

Dopo l'esperienza biennale a Vallio Terme, Versilla Salvadori porta il teatro anche nella scuola primaria di Bagolino con lo spettacolo “Töcc i màcc i fa i so àcc,” in cui gli alunni vengono coinvolti nella rappresentazione umoristica delle fissazioni, tic, allucinazioni varie che affliggono i pazienti di un noto psichiatra locale


06/06/2019

Il bosco delle idee

Primo premio assoluto in un concorso nazionale. Il progetto è stato poi presentato dai ragazzini agli amministratori e a settembre verrà realizzato (1)

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia