Skin ADV
Giovedì 21 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




19.06.2018 Idro

19.06.2018 Val del Chiese Storo

20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

19.06.2018 Gavardo

19.06.2018 Vallio Terme

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Val del Chiese





10 Dicembre 2012, 07.03

Pillole di psicologia

I segnali del disagio. Parte prima

di Gianpiero Rossi
Spesso i genitori si rivolgono al terapeuta per affrontare le problematiche dei figli. Non sempre però è possibile motivare il figlio a fare un percorso psicologico su di sé.
 
In questo caso non si può che aiutare il genitore a risolvere direttamente la situazione.
In alcuni casi è anche la soluzione migliore per ridare fiducia al genitore nelle sue capacità di educazione dei figli.

Vediamo in questi due articoli alcuni dei problemi tipici in cui il disagio si manifesta e come gestirlo.

L’IRREQUIETEZZA¬†¬†¬†

E’ chiamata anche iperattivit√†. E’ agitato, non solo di giorno ma anche di notte. Instancabile, sempre in movimento ed incapace di soffermare il proprio interesse ed attenzione nel tempo. Si distrae quindi rapidamente, cambiando gioco o attivit√†.
A scuola non riesce a stare nel banco. La difficoltà a concentrarsi lo limita nel rendimento e apprendimento.
Anche nel rapporto con gli altri può essere disturbante, nervoso nei suoi interventi, interrompendo i discorsi degli altri e ponendo domande a volte fuori luogo.
 
Chi gli sta intorno s’innervosisce a sua volta.
Le punizioni non ottengono nulla: si calma per un po’ e poi riprende da capo anche pi√Ļ di prima.
I genitori, a fronte di questo problema d’ansia rischiano di peggiorare la situazione irritandosi e portando altra tensione fino a farlo sentire travolto dalle sue paure ed incompreso.
Il  bambino nel suo disagio in continuo movimento comunica la sua angoscia e cerca così di placarla scaricando la tensione, come fanno anche molti adulti agitati.

Come aiutarlo? Comprendere questo bisogno sottostante al comportamento di disturbo, facendolo esprimere all’interno di un dialogo fatto d’attenzione, sostegno e ascolto attivo.
Ha bisogno di un appoggio stabile nei genitori che trasmetta quella calma e sicurezza che ancora non ha. Cos√¨ come ha bisogno di qualcuno che nell’attesa di questa evoluzione sia in grado di tollerare la sua ansia ed offrire un modello di riferimento a cui ispirarsi.
 
Purtroppo nella assurda frenesia che ci circonda √® difficile non ricadere noi stessi in un continuo e veloce susseguirsi di attivit√† dove pi√Ļ corriamo, pi√Ļ siamo perennemente insoddisfatti, stressati e angosciati da altri impegni che ancora vorremmo fare.
Diamo noi prima l’esempio di fermarci quando √® necessario e soffermarci con la giusta qualit√† e ritmo che meriterebbe il nostro stile di vita.


LA TIMIDEZZA

Può costituire un vero e proprio disturbo psicologico se compromette il normale rapporto con la realtà e se altera il rapporto con gli altri. Può risolversi acquisendo sicurezza e fiducia in sé e negli altri.
E’ normale che dopo i tre anni, quando si apre alla relazione, sia impacciato ed insicuro. E’ un disagio quando la preoccupazione e l’ansia per ci√≤ che pensano gli altri sono tali da bloccare il suo comportamento fino a rinchiudersi in s√© ed isolarsi.
 
Riconosciamo i segnali di un silenzio eccessivo, se si isola dal gruppo, non partecipando al gioco collettivo o rifiutando di interagire con i compagni. Evita di fare domande nel timore di risposte negative e preferisce ritirarsi.
A volte ha problemi di linguaggio, fino alla balbuzie. In altri casi evita tutte quelle situazioni difficoltose dichiarandosi subito incapace.

Come aiutarlo? Evitare un rapporto eccessivamente protettivo spesso caratteristico delle madri, che non lo aiuta di certo ad acquisire autonomia ed indipendenza . I padri dovrebbero lasciare andare l’autoritariet√† ed esigenza sui tempi di espressione o su abilit√† eccessive.
Di fronte agli inevitabili sbagli o insuccessi risparmiare rimproveri, giudizi negativi e critiche persistenti, in modo da contenere gli effetti par lui dannosi delle frustrazioni.
Devono essere rassicurati, confermati, gratificati da conferme positive.


LA RABBIA

Pu√≤ esplodere o essere repressa: in quest’ultimo caso si trasforma in frustrazione ed insoddisfazione, oppure senso di colpa e paura della propria aggressivit√†.
La funzione della rabbia √® un meccanismo di protezione dalle minacce, dall’ingiustizia, sopraffazione, violenza. Consente al piccolo di difendere i propri diritti.
Ma la rabbia √® difficile da accettare, specie se espressa male. Ci spaventa e la reprimiamo sul nascere; la liquidiamo dicendole che sono capricci. Mentre dentro di s√© pu√≤ pensare: “perch√© non stai con me e non mi ascolti”? “Perch√© non mi domandi cosa √® successo prima di punirmi?” “Perch√© te la prendi sempre con me per il solo fatto si essere pi√Ļ grande di mio fratello?

Come aiutarlo? Permettendogli di esprimere i suoi sentimenti, anche quelli pi√Ļ imbarazzanti, invece di reprimerli. Contenere la rabbia in forme adeguate di espressione ma non reprimerla. La rabbia repressa pu√≤ trasformarsi in risentimento e aggressivit√† distruttiva.
Rispettare le emozioni in atto significa aiutare a gestirle e permettere opportunità accettabili di comunicazione.

Nei prossimi giorni, con la seconda parte di questo articolo, verranno descritti i disagi che si nascondono dietro le bugie, i furti, i disturbi alimentari…

Gianpiero Rossi
gprossi@intelligenza.it
c/o Body Mind Center, Salò 0365.21318
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/09/2015 11:12:00
L'arte di negoziare con i figli Riprende il percorso per GENITORI IN FORMAzione con un altro ciclo di incontri che si terranno nei vari comuni della Valle Sabbia nei prossimi mesi. Questo mercoledì l'appuntamento è a Sabbio Chiese con Giuseppe Maiolo. L'abbiamo intervistato


09/03/2016 12:13:00
Come incoraggiare i figli? Anche nei bambini si forma l’autostima, nei primi anni di vita e anche negli anni dell’adolescenza √® fortemente influenzata dai genitori e dalle principali figure che li accudiscono

15/11/2014 08:00:00
Separazione: come ragiscono i figli? La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

16/10/2012 10:00:00
Se i figli hanno qualcosa da dire Quando due genitori si separano per i figli inizia un periodo critico, difficile che crea insicurezza, fragilità. Una condizione alla quale si può trovare rimedio, basta sapere come fare

30/07/2014 12:00:00
Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare




Altre da Pillole di Psicologia
08/06/2018

Apertura estiva per San Bartolomeo

La chiesa e il complesso dell’ex monastero di San Pietro in Monte Orsino a Serle riapre domenica a visite guidate e iniziative culturali che si protrarranno per tutta l’estate

11/04/2018

Limbo virtuale

Un film dai mille messaggi profondi che sfortunatamente accomunano la nostra società, un opera cinematografica che è in grado di farci riflettere su tutto quello che al giorno d'oggi molte persone sono costrette a vivere

23/01/2018

Terza sconfitta consecutiva al tie break

In uno scontro diretto per la zona salvezza il Tecnoace non riesce a completare la rimonta e si arrende dopo due ore e cinque minuti di gioco al Bruzzano

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novit√† della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, √® il progetto del liceo quadriennale

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio √® il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’√® un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

04/03/2017

Paura della diversità e routine del pensiero

L’antropologo Ernesto De Martino diceva che “la routine √® noiosa ma d√† sicurezza, questa nostalgia dell’identico √® molto difficile da modificare”. Insomma la tendenza √® quella di "andare in cerca del simile", perch√® ogni novit√† fa paura

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia