18 Agosto 2011, 09.00
Pillole di psicologia

Con la testa fra le nuvole

di red.

La mente avverte ogni tanto il bisogno di assentarsi per prendere fiato: questo status benefico fa bene al cervello, a patto di non allontanarci dal presente

 
Soprappensiero? Nulla di male...
«Mi sembri via con la testa»; «Vedo che hai la mente altrove»; «Ti sento lontano, come assente»; «Pronto, ci sei? Torna tra noi».
Sono espressioni che ben descrivono la sensazione che trasmette una persona quando è soprappensiero, cioè quando, pur essendo presente in quel contesto, una parte della sua mente "non è lì".
 
Ma dov'è?
Può essere ovunque: su una preoccupazione, su un sogno a occhi aperti, su quel che dovrà fare dopo o che ha lasciato in sospeso. Oppure può non essere da nessuna parte: si incanta per qualche secondo, rapita da un che di indefinito.
 
...Ma talvolta può far male
Se questo soprappensiero è sporadico e se è un vero "incanto" senza pensieri, è una funzione molto utile che alleggerisce e rigenera l'attività del cervello.
In alcuni casi tuttavia essa può farsi così frequente da diventare una sorta di "stile mentale" quotidiano.
È un segnale che va notato e osservato.
 
La persona cioè, mentre sta svolgendo le sue attività (sia al lavoro, sia a casa e spesso anche in vacanza), porta con sé la sensazione di non essere tutta lì, calata in ciò che sta facendo e nell'ambiente in cui si trova, come ci fosse qualcos'altro a cui pensare, un "altrove" che la sta aspettando.
E questo accade sia quando l'altrove è reale e concreto (ad esempio un altro lavoro, un appuntamento, un amante, un acquisto, un fatto creativo) sia quando si tratta di un semplice pensiero (in forma di timore o di desiderio), sia quando non si sa cosa sia, se non un indefinito richiamo appunto "altrove", comunque "non qui".
 
Effetti deleteri
Alla radice di tutto ciò c'è una strategia mentale che ricade in uno o più dei seguenti schemi:
1)  si cercano le soluzioni "all'esterno";
2)  si continua a rimandare le cose da fare;
3)  si compensano le frustrazioni del presente con continue immaginazioni di "situazioni ideali";
4)  si prendono troppi impegni rispetto al tempo e alle energie disponibili.
 
Se lo schema si protrae nel tempo, la mente si abitua a questa "bilocazione" tra il qui e l'altrove, tra l'adesso e il poi, e non riesce più a essere tutta "qui e ora" anche quando le condizioni sono ideali, anche quando dovesse raggiungere questo fatidico altrove.
In questo caso è meglio intervenire.
 
Prendi in mano la tua vita
 
Se sogni troppo a occhi aperti la tua realtà presente manca di alcuni aspetti per te fondamentali, per questo ti "sposti altrove", almeno mentalmente.
Ma la soluzione non può essere solo immaginaria.
Osserva meglio la tua situazione: necessita di un arricchimento concreto.
 
Se ti senti in ritardo con tutto ci sono trascuratezza e pigrizia mentale.
Comincia a non rimandare ciò che devi fare, evitando che si creino accumuli di doveri che intasano il cervello in un senso di sospensione e di incombenza.
 
Se sei sovraccarico di impegni stai tenendo un ritmo troppo alto e la mente cerca di controllare tutto.
Seleziona meglio gli appuntamenti, così che la tua attenzione possa rilassarsi su ogni singolo evento.
 
Se ti tormentano dubbi e paure, forse vivere una situazione ambigua (in campo sentimentale, ma non esclusivamente) sta alterando il tuo equilibrio psichico.
Se ci sono dubbi, ripensamenti, paure o scelte da prendere, è meglio fare subito chiarezza, almeno dentro di te.
 
Fonte: riza.it


Aggiungi commento:
Vedi anche
11/12/2013 07:59:00

Contempla, la tua mente ringrazierà Un esercizio che si può fare in ogni momento della giornata e consente di giungere a uno stato in cui il cervello trova spontaneamente le soluzioni più felici

05/05/2011 07:00:00

Diventare essenziale fa bene al cervello Quando ci sentiamo liberi la vita ci sembra più leggera, respiriamo meglio, siamo attenti e ricettivi a ciò che ci circonda. Soprattutto, il cervello funziona meglio.

02/12/2012 10:47:00

Meditare ad ogni boccone - 2 I dieci passi per far pace col cibo e smettere di eccedere. Abbiamo visto nel precedente articolo che con uno stato di calma e meditazione acquisiamo consapevolezza e centratura nel presente.

27/07/2011 07:00:00

Se la pulizia diventa un'ossessione Il bisogno di lavarsi può scatenare un’ansia che prende in ogni momento e in ogni luogo e spinge a lavare tutto e a lavarsi di continuo. Come prevenire

15/06/2012 11:00:00

Lo sconosciuto che abita in noi Ci sono delle domande che ci terranno impegnati per un po' di tempo: cosa ci porta a prendere una strada piuttosto che un'altra? Cosa ci sostiene nella scelta? Quali sono le nostre radici?



Altre da Pillole di Psicologia
27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

03/12/2018

Perché dopo i 30 anni si hanno meno amici?

Chi nota di avere molti meno amici rispetto a quando era giovane può evitare di andare in crisi: dopo i 30 anni, infatti, è normale avere meno connessioni sociali rispetto al passato

28/11/2018

Il «Grande Fratello» arriva fin da piccoli

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, con 57 voti favorevoli e 16 contrari, un progetto di legge che vuol favorire l'installazione di telecamere negli asili nido. C'è chi dice no

(11)