Skin ADV
Sabato 15 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


In collaborazione con:

 


MAGAZINE


LANDSCAPE



31 Gennaio 2018, 10.26

Eco del Perlasca

Fotografia: arte e mestiere

di Chiara
Fotografare e farlo bene non è semplice: chi afferma il contrario o non sa cosa dice… oppure sta confezionando una fake news

Un giorno girando per Instagram mi sono imbattuta in un video postato da una pagina abbastanza famosa di un ragazzo conosciuto che chiameremo Paolo per questioni di privacy, esponeva i motivi per il quale fare il fotografo non dovrebbe essere un vero lavoro, ma soltanto un hobby e che non potesse diventare una professione seria.

Questo è sempre stato un argomento che ha portato discussioni e perplessità anche da parte di chi non sa molto della fotografia, si crede che “fare il fotografo non richieda competenze particolari” come afferma Paolo.
Secondo il suo ragionamento basterebbe “avere una macchina potente e schiacciare un pulsante” quando in realtà dietro c’è molto lavoro prima, durante e dopo lo scatto.

Studiando io stessa fotografia a scuola, sono consapevole del fatto che non è una passeggiata fare una fotografia in modo professionale, adoperando anche gli appositi programmi per la postproduzione, ed ottenere un risultato originale o per così dire “fresco”: bisogna essere creativi e avere occhio.

Non tutti riescono a riconoscere queste abilità come talento o come arte.
In fotografia bisogna avere conoscenze tecniche, ma anche creative, esattamente come nell’arte. Se non si conosce come reagisce un colore di un determinato materiale sul supporto dove disegnare non si può ottenere una vera opera d’arte e senza la creatività non si può creare qualcosa che colpisca le persone.

Come l’arte, la fotografia sfrutta tecnica e creatività per realizzare un’opera, solo che utilizza altri supporti.
Volendo vedere, in antichità, alcuni artisti per disegnare utilizzavano una camera oscura che funzionava esattamente come una moderna reflex. Insomma: arte e fotografia non sono poi così diverse.
Essendo dunque l’arte una passione, ma per alcuni anche un lavoro, la fotografia può benissimo essere un lavoro dato che è anche un servizio spesso richiesto.

Bisogna comunque stare attenti a non confondere i fotografi professionisti dagli appassionati che stanno ancora imparando.
Spesso e soprattutto tra i giovani d’oggi, si è diffusa questa moda del “fotografo” e avendo una macchina fotografica potente molti si credono professionisti.
Anche tenendo in mano un moderno telefono con una fotocamera molto efficace si sentono fotografi in un attimo.

Purtroppo c’è anche chi
pretende di essere pagato per dei “servizi fotografici” senza che abbia esperienza o che abbia mai appreso le tecniche necessarie per fare una fotografia seria.
Bisogna seguire delle regole e non basta soltanto la fantasia, tecnica e creatività devono coesistere per ottenere un buon lavoro che trasmetta emozioni.

Far coesistere questi due elementi così diversi vuol dire avere talento,
basta essere umili per riconoscere il merito dell’arte di qualcuno, riconoscere la sua unicità e che quindi non tutti possono ottenere gli stessi risultati.

Per arrivare a queste conclusioni ho fatto ricerche, ho letto cosa ne pensavano gli iscritti alla pagina dove era stato postato il video.
I miei studi a scuola sull’argomento mi hanno aiutato a fare determinate affermazioni e ho chiesto pareri a professori e amici su cosa ne pensassero di questa discussione.

Finché, sempre facendo le mie ricerche, ho inserito il nome di Paolo nella barra di Google, un po’ per curiosità e un po’ per capire con che genere di persona avessi a che fare.
Aprendo uno dei primi link sono venuta a conoscenza di qualcosa che nemmeno immaginavo: questo personaggio, in realtà, è famoso per spargere voci non vere su internet e i social, le cosidette “fake news” o “bufale”.

Paolo lavora all’immagine delle aziende sul web, l’obbiettivo è quello di renderle visibili e popolari le aziende sul web. Praticamente il suo lavoro consiste nel creare strategie di marketing appositamente studiate per aziende che richiedono questo servizio .

Il video postato sulla famosa pagina Instagram
da cui sono partita inizialmente, era stato postato sul profilo pubblico di Paolo, sicuramente quest’ultimo non pensa realmente ciò che ha detto nel video o almeno non tutto, alcune cose erano davvero assurde che non possono essere comparate con la realtà.

Da queste ricerche ho dedotto che tutto ciò è stato solo un modo per dare visibilità forse alla pagina di Instagram, forse a se stesso. Non ne sono certa ma ne sono abbastanza sicura.
Spesso nel marketing si utilizzano queste strategie per ottenere visibilità e non aumento del target: la pagina infatti ha perso degli utenti follower proprio a causa di questo video, ma in compenso ha ricevuto moltissime visualizzazioni e commenti di persone, perlopiù indignate dall’argomentazione.

Alle persone piace stare dalla parte giusta (nella maggior parte dei casi) e difendere la giusta causa e con questo scopo fanno polemica, piace dire la loro e discutere per far capire che sono persone migliori rispetto alle altre con un’opinione diversa.

L’uomo vuole prevalere sugli altri ed avere ragione, il mercato si basa sulle debolezze delle persone, sulle loro emozioni e le sfrutta per farle reagire e dare una risposta ad un determinato stimolo. In questo caso si è parlato di commenti sotto un video, in altri casi si tratta di far comprare qualche prodotto inutile.

La pubblicità funziona così e gli “influencer”, come Paolo, lo sanno bene e ne approfittano.

Chiara - Itis Vobarno


Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
16/09/2015 07:54:00
Taglio del nastro all'Itis Sei nuove aule su tre piani. La nuova ala della sede vobarnese dell’Itis Perlasca ha cominciato ad accogliere alunni proprio in questi giorni.

24/04/2016 09:58:00
Progetti didattici per acquisire competenze Gli studenti delle classi 4AG e 5AG dell’indirizzo Grafica e Comunicazione dell’Itis “Perlasca” di Vobarno sono stati coinvolti in quattro interessanti progetti didattici fra storia e territorio

05/12/2018 11:26:00
Fa freddo, in classe non ci si può stare Centinaia di studenti sono rimasti fuori dalle aule all’Itis Perlasca di Vobarno, dove da giorni molti caloriferi sono inesorabilmente freddi

29/11/2007 00:00:00
Premio «hi-tech» all'Itis di Vobarno L’Itis del «Perlasca» di Valle Sabbia conquista la piazza d’onore al Concorso nazionale Adm per le scuole secondarie, con una simulazione animata al computer che fa rivivere l’antico maglio del Museo «Sonzogni» di Sarezzo.

17/03/2008 00:00:00
Le aziende sponsor delle borse di studio A Vobarno sono state istituite quattro borse di studio da 500 euro ciascuna per i ragazzi dell’Itis «G. Perlasca». A proporle è stata la scuola stessa e a finanziarle alcune aziende valsabbine oltre il Comune di Vobarno



Altre da Eco del Perlasca
15/12/2018

Come cambia il mondo del lavoro

È sotto l’occhio di tutti che il mondo del lavoro stia profondamente cambiando


15/12/2018

Pigiama «frozen»

Sedici gradi in aula, diciassette gradi al massimo in corridoio, queste le temperature registrate nei giorni scorsi all’Istituto Perlasca di Idro. E gli studenti hanno scelto lo sciopero (8)

02/12/2018

Inaugurazione macchinario prova per pompe

Grazie alla sinergia fra la scuola e un’importante azienda valsabbina, l’IIS G.Perlasca ha dotato il proprio laboratorio di energia di un importante strumento

30/11/2018

L'impresa di Barbara

Circa due mesi fa si parlava di un quarto posto nel mondiale di ciclismo juniores, raggiunto da una ragazza del nostro Istituto...

28/11/2018

Don Milani

Qualche giorno fa, gli studenti delle classi 1ª 2ª e 3ª dell’Istituto Perlasca di Idro hanno avuto occasione di assistere allo spettacolo teatrale ‘Cammelli a Barbiana’ di Francesco Niccolini e Luigi d’Elia

15/11/2018

Controtendenza

Riflessioni di fine agosto: il cielo è limpido, c’è solo qualche nuvola bianca e il vento caldo che muove le foglie verdi sugli alberi


24/10/2018

Dentro me, in un attimo

Quante emozioni possono essere riportate alla memoria da uno scatto fotografico. L’esperienza di due studentesse del Perlasca

20/10/2018

Con la testa e con il cuore si va ovunque

Trecentocinquanta studenti del Perlasca hanno incontrato in aula magna Giusy Versace, per capire che nulla può fermare i loro sogni, se li perseguono con la giusta determinazione. Un incontro organizzato da Raffmetal (1)

30/06/2018

Alla maturità col go-kart

Curiosa la “tesina” proposta da uno studente dello Scientifico al Perlasca: un kart fuoristrada che si è costruito tutto da solo utilizzando materiali di recupero (5)

10/06/2018

L'amicizia come antidoto

L’adolescenza è quel tratto dell’età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello dell’individuo adulto

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia