01 Giugno 2020, 09.30
Blog - 21 grammi di psicologia

Fame emotiva

di Sabina Moro

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?


Il legame che l’uomo ha con il cibo è un legame da sempre esistito in quanto necessario alla sopravvivenza e allo sviluppo dell’organismo.

Il problema può insorgere quando il cibo viene utilizzato per gestire le emozioni. Alcuni alimenti infatti contengono sostanze in grado di aumentare nel corpo i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore in grado di generare uno stato di benessere e felicità.

Usando il cibo per stare meglio potremmo però, a lungo andare, avere un effetto contrario. Le emozioni negative (ex. senso di colpa), successive all’assunzione incontrollata di cibo, aumenteranno e, ci sarà la tendenza a ricercare ancora cibo per gestire queste nuove emozioni, come in un circolo vizioso.

La fame emotiva è la voglia di mangiare che nasce, non successivamente ad un bisogno reale di nutrimento ma, come conseguenza alla sperimentazione di emozioni negative come tristezza, rabbia, noia, ecc..

Alcune caratteristiche dalla fame emotiva sono:
-    Insorge improvvisamente e spesso, poco dopo aver effettuato un pasto;
-    Richiede un’immediata soddisfazione attraverso cibi zuccherini o grassi;
-    Difficilmente permette di sperimentare un senso di sazietà;
-    Il bisogno si percepisce a livello mentale;
-    Si tende spesso a mangiare più rapidamente e a nascondersi per vergogna;
-    Può esserci la sensazione di perdita di controllo, durante l’assunzione di cibo;
-    Successivamente al consumo di cibo vengono sperimentate emozioni come il senso di colpa, imbarazzo o vergogna;

Come facciamo a capire se è fame emotiva?
-    Proviamo a chiederci se stiamo sperimentando emozioni negative;
-    Chiediamoci se siamo annoiati. La noia è una modificazione della percezione temporale e, quando si è annoiati il cibo permette o di colmare un vuoto o di dilatare il tempo diminuendo la pressione che, la vita frenetica, esercita su di noi;
-    Valutiamo se abbiamo bisogno di cibi specifici come quelli zuccherini che aumentano lo stato di benessere o, se abbiamo bisogno di cibi che ci rimandano a momenti piacevoli dell’infanzia;
-    Proviamo a vedere se riusciamo a coprire il nostro senso di fame con acqua. A volte c’è soltanto la necessità del corpo di essere idratato, dovremmo bere circa 2 litri di acqua al giorno;
-    Analizziamo se stiamo seguendo una dieta. Diete molto restrittive, nella quale è necessario pianificare i pasti, pesare gli alimenti, evitare numerosi cibi, ecc..sono molto stressanti. Questo stress può alzare la probabilità di sgarrare e di aver voglia di assumere cibi grassi o zuccherini.

Dott.ssa Sabina Moro
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia


Vedi anche
26/02/2013 16:15:00

Perché ho ancora fame dopo aver mangiato? Nel post di questa settimana lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi va alla radice di quella fama insaziabile che spesso ci assale, identificata come "fame emotiva": sintomo che il bisogno del corpo non è più il cibo ma un'altra forma di arricchimento

22/12/2013 18:37:00

Perché non possiamo controllare la fame emotiva Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi evidenzia alcune idee sbagliate che circondano spesso l'argomento del mangiare sotto la spinta di emozioni: l'effetto della dieta, l'insistere con più forza di volontà, la lotta con il cibo

20/04/2012 11:00:00

Fame nervosa Gli spuntini fuori pasto sono spesso uno strumento di consolazione per chi soffre di fame emotiva. La fame nervosa subentra in situazioni di stress, ansia, insicurezza, rabbia e frustrazione ed è nemica della linea

16/04/2019 10:34:00

A Salò la «Corsa contro la Fame» Questo mercoledì 17 aprile l'ITS Battisti rappresenterà Salò alla "Corsa contro la Fame" evento solidale mondiale che si svolge in 30 paesi

17/10/2007 00:00:00

Dalle «Coccole» a «Pio XII» La Cooperativa AREA insieme al consultorio familiare del Progetto Nodi ha organizzato degli incontri gratuiti rivolti ai genitori della scuola materna il cui tema è “La comunicazione emotiva”.



Altre da Pillole di Psicologia
27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

03/12/2018

Perché dopo i 30 anni si hanno meno amici?

Chi nota di avere molti meno amici rispetto a quando era giovane può evitare di andare in crisi: dopo i 30 anni, infatti, è normale avere meno connessioni sociali rispetto al passato

28/11/2018

Il «Grande Fratello» arriva fin da piccoli

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, con 57 voti favorevoli e 16 contrari, un progetto di legge che vuol favorire l'installazione di telecamere negli asili nido. C'è chi dice no

(11)
11/11/2018

Le parole dell'odio

Le parole dell’odio circolano realmente attorno a noi, oggi  più che mai in rete, e attraversano le relazioni, le contaminano e le feriscono