12 Luglio 2018, 09.00
Blog - Glocal

Il ritorno dei boschi

di Valerio Corradi

Negli ultimi anni, anche nelle valli bresciane, si è registrata una forte crescita dei boschi naturali. E’ un fenomeno positivo o negativo? 


Mentre su scala globale si sta registrando una continua riduzione dei territori coperti da boschi e foreste, in molti paesi occidentali è in atto una tendenza opposta. L’Istituto per la Protezione dell’Ambiente (Ispra) ha calcolato che in Italia, negli ultimi 100 anni, la superficie forestale nazionale è raddoppiata, raggiungendo 11 milioni di ettari corrispondenti a un terzo del territorio nazionale.
 
La provincia di Brescia, con gli attuali 170.502 ettari, è il territorio con la maggiore estensione forestale della Lombardia. Subito dopo si collocano le province di Sondrio e di Bergamo. Insieme, queste tre aree, comprendono circa i due terzi dei boschi regionali
La crescita dei boschi è un fenomeno costante degli ultimi anni. Attualmente i boschi, in prevalenza di origine naturale, sono arrivati a ricoprire circa il 35% del territorio bresciano.
 
Da una parte l’incremento della superficie boscata può essere inteso come un segnale positivo della diminuzione della pressione antropica sull’ambiente e quindi della “riconquista” del territorio da parte della natura. 
Dall’altra parte, paradossalmente, solleva una serie di interrogativi in merito a potenziali rischi ambientali. 
 
L’espansione delle “foreste” avviene ai danni delle aree abbandonate dall’agricoltura e dalla pastorizia e in alcuni contesti ciò è conseguenza di una minore cura del territorio e di una minore attenzione verso i suoi aspetti critici.
 
Inoltre, quando all’aumento quantitativo dei boschi si associa l’aumento della loro densità i pericoli si moltiplicano. Un bosco fitto, inaccessibile e lasciato a sé stesso è più vulnerabile e meno difendibile in caso di eventi critici come incendi, moria di alberi, calamità naturali, ecc. 
Infine, l’espansione del bosco non è sempre sinonimo di incremento della sua biodiversità interna, come testimoniato dagli esiti critici dell’introduzione di specie non autoctone e “mono-colturali” nei progetti di rimboschimento promossi nei decenni scorsi.
 
In questo quadro, potrebbe essere utile richiamare alla memoria collettiva il ricordo di alcune pratiche del passato di coltivazione dei boschi che erano orientate prima di tutto al loro rispetto e poi a una loro equa gestione. 
 
  


Commenti:
ID76884 - 12/07/2018 14:01:24 - (Giacomino) - L'articolista

ben evidenzia i lati negativi di una forestazione lasciata a se stessa.

ID76887 - 12/07/2018 21:27:20 - (Tc) - ...

Sarei curioso di sapere le fonti che dicono che l'espansione di un bosco non incrementa la sua biodiversita' e quali sono le specie alloctone introdotte...e per quelle intendo quelle che si sono introdotte non accindentalmente ma appositamente,se si parla di specie animali...ma anche vegetali se vogliamo...

ID76893 - 13/07/2018 07:33:31 - (piedemerda) -

calcolando che le pratiche di una volta non possono essere più svolte perchè una volta si raccoglieva il fogliame per fare falet ora si rischia una multa salata , si facevano fascini ora non si può più si rischia la multa e cosi tante pratiche boschive che fanno perdere la voglia di curare il bosco.

Aggiungi commento:
Vedi anche
11/07/2017 08:10:00

Camminare con gli altri nella natura Tra Garda e Valle Sabbia sono molti i gruppi che nei mesi estivi organizzano camminate collettive in zone rurali o montane per stare insieme nella natura. Vediamone alcuni

16/06/2016 16:45:00

L'espansione dei boschi Aumentano le superfici boscate in Lombardia. E non è sempre un segnale positivo

22/05/2018 10:40:00

«Bat Night» sull'Altopiano C’è tempo fino a domani, mercoledì 23 maggio, per iscriversi alla passeggiata nei boschi dedicata alla scoperta dei pipistrelli nell’ambito del progetto Sativa 2.0

22/12/2017 08:00:00

Mangiare insetti Uno dei segnali più evidenti della globalizzazione che segna il nostro tempo è la diffusione di abitudini alimentari proprie di culture “altre” che vengono riscoperte in aree diverse del pianeta

28/11/2019 10:00:00

I viaggiatori del lusso In Italia e anche sul Garda sono in aumento i turisti del lusso. È un fenomeno sempre più consistente che presenta anche elementi di novità



Altre da Glocal
19/06/2020

L'opera delle Confraternite

In molte chiese della Valle Sabbia sono ancora oggi visibili dipinti, sculture, cappelle realizzate dalle Confraternite religiose. Gruppi di fedeli che hanno contrassegnato la storia delle nostre comunità

14/05/2020

Il turismo ciclistico per andare oltre la crisi

Per risollevare il settore turistico molti guardano con interesse alle vacanze in bicicletta. Perché non rilanciare l’idea di una Green Way tra Valle Sabbia e Garda?

09/05/2020

Se la società del rischio dipende da noi

Nella Fase 2 siamo costretti a convivere col rischio sanitario e ciò sta cambiando le aziende, la scuola, il mondo del commercio, i servizi pubblici, le attività del tempo libero. Ogni contesto di vita è chiamato a ripensarsi

06/03/2020

Coronavirus e gli errori di comunicazione

Il Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’Italia. Quali errori sono stati commessi nella comunicazione dell’emergenza? E perché oggi il nostro Paese è all’angolo e a rischio recessione?

12/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

03/01/2020

Famiglie di una sola persona

Istat conferma i profondi cambiamenti della famiglia registrati negli ultimi decenni. In Italia una famiglia su tre è composta da una sola persona

27/12/2019

A bordo di un gioiello

Perché per molti è emozionante spostarsi su una Rolls Royce dorata o su una Limousine nero splendente? È solo ostentazione o anche psicologia?

20/12/2019

Il bello dell'Oro

L’Oro è simbolo di potere, prosperità, bellezza e di sicurezza. Perché oggi c’è una nuova corsa all’Oro? A quanto ammontano le riserve auree dell’Italia?

17/12/2019

Personal Shopper per clienti del lusso

L’aumento dei super-ricchi genera ricadute economiche per il turismo e fa nascere nuove professioni come il consulente per gli acquisti per turisti luxury

28/11/2019

I viaggiatori del lusso

In Italia e anche sul Garda sono in aumento i turisti del lusso. È un fenomeno sempre più consistente che presenta anche elementi di novità