Skin ADV
Lunedì 22 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Valerio Corradi, sociologo territorialista, nell'ambito di progetti europei, nazionali e locali si occupa di modelli di sviluppo locale; innovazione organizzativa e formazione al lavoro; buone pratiche di qualità della vita e bilanci di sostenibilità sociale.  

Tra le sue pubblicazioni:
Per uno sviluppo locale sostenibile (Milano, 2009);
Le incerte vie della sostenibilità (Milano 2011);
Nuove società urbane (Milano, 2013);
Solo chi sogna può volare (Mantova, 2016)
Il blog si propone di riflettere su alcuni temi emergenti che rendono evidente l’intreccio tra spazio dei flussi e spazio dei luoghi ovvero tra globalismo e localismo.
In un quadro segnato da crescenti squilibri sociali, effetti ecologici negativi, crisi di sviluppo, ma anche da nuove opportunità di “crescita” e da forme sociali emergenti diventa fondamentale saper coniugare l’azione locale con un modo di pensare globale.

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



09 Maggio 2018, 09.20

Blog - Glocal

Coltivare tartufi

di Valerio Corradi
La coltivazione di tartufi può essere un fattore di sviluppo delle aree interne? La Valle Sabbia è un territorio favorevole alla tartuficoltura? 

La presenza di tartufi nella zona di Garda e Valle Sabbia è attestata fin dall’epoca medioevale in molte testimonianze bibliografiche. Tuttavia, i pregiati tuberi di questi territori solo di recente sono stati riscoperti, anche con l’obiettivo di valorizzare gli ecotipi locali.
 
Oggi, in Valle Sabbia la coltivazione del tartufo è oggetto di un crescente interesse per la promozione di forme innovative di attività agricola o per realizzare investimenti che potranno generare reddito nel medio e lungo periodo.

All’interno di politiche di sviluppo locale in aree montane sono molti che guardano alla tartuficoltura come a un possibile fattore di crescita. Tuttavia non è facile riconoscere le zone adatte a questa coltivazione e salvaguardarle nel tempo. E’ noto che per realizzare una tartufaia con buone possibilità di successo si devono conoscere nel dettaglio l’assetto del terreno, le sue caratteristiche fisico-chimiche, le specie arboree che lo contornano, la percentuale di sabbia-limo-argilla, il Ph, la presenza di calcare totale ed attivo, di azoto, fosforo, potassio e, non da ultimo il livello di esposizione al sole. 
 
Il tartufo ha infatti bisogno di condizioni favorevoli per crescere altrimenti il rischio è di perdere l’investimento iniziale. Non sono infatti rari i casi di fallimenti dovuti a leggerezza nella selezione dei terreni. Il terreno richiede poi accorgimenti particolari in fase di preparazione pre-impianto.
Uno dei tartufi più diffusi tra quelli che crescono spontaneamente in Valle Sabbia è il Tuber aestivum uncinatum che si sviluppo soprattutto a contatto con i nocciali ma molti sono gli ecotipi locali.
 
Accanto ai motivi economici si ritiene che i tartufi e la tartuficoltura in genere possano essere messi al centro di un ecosistema che concorre al mantenimento della diversità biologica e di un ambiente sostenibile di cui contribuiscono alla tutela e alla manutenzione soprattutto quando avanza lo stato di abbandono.
 
Approfondire gli aspetti ecologici di un prodotto naturale come il tartufo, consente poi di fornire alcune coordinate per riscoprire le stesse aree fragili interne come luoghi adatti alla conservazione e alla generazione di biodiversità. Infatti i prodotti naturali, anche quelli spesso trascurati quali funghi, erbe aromatiche e medicinali, frutti del bosco ecc. presentano un notevole interesse per uno sviluppo dei territori basato sul mantenimento e sul potenziamento della diversità biologica. 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/05/2018 07:00:00
Come si vive in montagna? Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree 

24/09/2018 09:05:00
Imparare a essere cittadini E’ in corso la raccolta firma di ANCI per reintrodurre l’Educazione alla cittadinanza a scuola. Tra Valle Sabbia e Garda alcuni Comuni hanno già aderito 

21/03/2007 00:00:00
Il prezioso tubero è coltivato in Valle Sabbia Nel Comune di Vobarno, nel Comune di Pertica Alta e in quello di Roè Volciano esistono impianti sperimentali per la coltivazione del Tuber melasporum, il tartufo nero, grazie alla presenza di terreni porosi.

23/03/2018 14:00:00
Autismo, un piccolo gesto di grande valore È in corso una raccolta fondi per sostenere Spazio A, servizio per bambini con autismo. Ogni aiuto concreto fa la differenza

12/07/2018 09:00:00
Il ritorno dei boschi Negli ultimi anni, anche nelle valli bresciane, si è registrata una forte crescita dei boschi naturali. E’ un fenomeno positivo o negativo? 



Altre da Glocal
24/09/2018

Imparare a essere cittadini

E’ in corso la raccolta firma di ANCI per reintrodurre l’Educazione alla cittadinanza a scuola. Tra Valle Sabbia e Garda alcuni Comuni hanno già aderito  (1)

12/07/2018

Il ritorno dei boschi

Negli ultimi anni, anche nelle valli bresciane, si è registrata una forte crescita dei boschi naturali. E’ un fenomeno positivo o negativo?  (3)

14/05/2018

Come si vive in montagna?

Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree  (3)

23/03/2018

Autismo, un piccolo gesto di grande valore

È in corso una raccolta fondi per sostenere Spazio A, servizio per bambini con autismo. Ogni aiuto concreto fa la differenza

18/02/2018

Mense scolastiche e spreco di cibo

Quanto cibo viene sprecato nelle mense scolastiche? E in famiglia? Uno studio ha cercato risposte 

12/02/2018

Ritornare al servizio militare obbligatorio?

Alpini, Bersaglieri e Fanti lanciano un appello alle forze politiche per ritornare al servizio di leva obbligatorio (8)

10/01/2018

Cronache di ordinarie paure... e di speranze

Periodo di Natale, sto visitando un bellissimo borgo in Trentino. Nella affollata via principale un giovane italiano incrocia un coetaneo di colore, ben vestito, forse uno studente, e si lascia sfuggire: "vattene al tuo paese negro"... (5)

22/12/2017

Mangiare insetti

Uno dei segnali più evidenti della globalizzazione che segna il nostro tempo è la diffusione di abitudini alimentari proprie di culture “altre” che vengono riscoperte in aree diverse del pianeta (11)

02/12/2017

La Val Sabbia e la nuova agricoltura di montagna

“Montanaro”, “campagnolo”, “provinciale” sono solo alcune delle espressioni che in un tempo non molto lontano venivano utilizzate dall’uomo urbano per apostrofare e stigmatizzare coloro che provenivano da aree periferiche e rurali o che erano impegnati nel settore primario. Ora invece...

01/11/2017

Buona e cattiva accoglienza

L’articolato progetto Sprar illustrato il 19 ottobre a Serle, promosso dal Comune e da attori della cooperazione sociale, fornisce l’occasione per riflettere su come fare “buona accoglienza” (3)

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia