Skin ADV
Lunedì 22 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.04.2019

20.04.2019 Idro Vallio Terme

20.04.2019

21.04.2019 Bagolino

22.04.2019 Bione

20.04.2019 Garda

20.04.2019 Val del Chiese Storo

21.04.2019

20.04.2019 Anfo

21.04.2019 Vobarno






20 Gennaio 2019, 08.00

Blog - Genitori e figli

Se le maestre picchiano i bambini

di Giuseppe Maiolo
Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini in una scuola dell’infanzia, in rete diventano subito virali. Si diffondono rapidamente e, una volta di più, mettono in evidenza come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale. Allora oltre all’indignazione si riaccende il dibattito sul come fermare questi comportamenti e ritorna l’idea delle telecamere a scuola.
Personalmente non la condivido anche se concordo sul fatto che possa servire come deterrente.

Credo invece che rappresenti il segnale di un problema grave tra i tanti da affrontare a scuola, ma che anche sia il modo per ammettere una sorta di fallimento del sistema formativo. Le telecamere in classe se ci permettono di controllare come si comportano gli insegnanti, implicitamente ci dicono che nelle scuole vi sono persone disturbate, violente e pericolose per i bambini, da individuare e sospendere dall’attività, quando però hanno già combinato guai.

Inoltre indicano il fallimento di chi fa la difficile professione dell’insegnante, in quanto mestiere che richiede soprattutto equilibrio psichico e non solo competenze didattiche. Ritenere necessario l’uso delle telecamere in classe vuol dire ammettere che come educatore io ho bisogno di strumenti di controllo esterno perché sono carenti i freni interiori per i miei impulsi aggressivi.

Se guardiamo alcuni dati statistici, possiamo capire che il maltrattamento a scuola è fenomeno ancora troppo frequente e colpisce un numero elevato di minori. Un’indagine dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza svolta su un campione di 8 mila adolescenti tra i 14 e i 19 nell’anno scolastico 2016/17, ha messo in evidenza un dato drammatico: il 20% di loro ricorda maltrattamenti e insulti subiti nei primi anni di scuola da parte degli insegnanti. Il 7% dice di essere stato picchiato o strattonato oltreché offeso pubblicamente e il 10% ricorda di aver dovuto cambiare scuola per fuggire dalla violenza di alcuni educatori. 

Ci viene così da pensare che i docenti che hanno queste condotte, siano insegnanti incapaci di fare il difficile mestiere dei formatori. Li giudichiamo impreparati da un punto di vista professionale perché non sono in grado di occuparsi dei loro allievi con amore e rispetto. Questo può essere vero, ma solo in parte, perché una cosa è la preparazione didattica e un’altra la capacità di gestire la relazione, governare se stessi e il proprio universo affettivo ed emotivo. Per la didattica si viene preparati frequentando, oggi, cinque anni di università, ma per la conoscenza di se stessi e la gestione delle personali dinamiche interne, non vi sono percorsi formativi pensati per gli educatori.

Eppure diceva Jung “I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi”. Intendeva dire che la relazione insegnante-bambino non si gestisce solo con la testa né con le competenze cognitive acquisite, ma dipende esclusivamente dalla elaborazione che l’adulto è riuscito a fare della sua storia e delle personali esperienze infantili.

A giudicare dalla frequenza con cui le condotte violente si registrano tra i banchi scolastici, è opportuno pensare alla formazione emotiva dei docenti ed è urgente immaginare di formarli alla conoscenza di se stessi e alla gestione delle proprie emozioni. Dare spazio a questi aspetti formativi da inserire nei percorsi universitari di chi andrà ad insegnare, consente di prevenire il dilagare dei comportamenti violenti.

Ma il problema non si risolve ancora se non ci si preoccupa di verificare qual è il loro quotidiano carico emotivo, soprattutto quando si trovano a gestire classi numerose e sempre più complesse. Non li aiutiamo se non diamo loro strumenti utili alla gestione dello stress che alimenta difficoltà di autocontrollo e produce burnout e depressione.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79253 - 20/01/2019 14:23:30 (Giacomino) Negli anni in cui frequentavo la scuola elementare
se ci fossero state le fotocamere in classe avrebbero sì registrati episodi in cui l'insegnante usava una robusta bacchetta di nocciolo con certi alunni che da incalliti "ripetenti" ripetevano tranquillamente l'anno scolastico due o anche tre volte. Avrebbero anche registrato il motivo per cui questi soggetti facevano il possibile per meritarsele le bacchettate che il più delle volte ottenevano solo l'effetto di fare uscire la polvere delle giubbe. L'insegnante era una giovane signora che io ricordo con affetto ma che i miei compagni mandavano letteralmente fuori dai gangheri, poi i tempi sono cambiati, mi dicono


ID79257 - 20/01/2019 17:21:00 (Tc) ...
c'e' da dire che molti docenti,chissa' come lo sono diventati docenti,chissa' che aiutino han avuto per aver certi posti,chissa' che passione ci ha messo per mettersi al cul@ un posto di lavoro statale...c'e' poco da dire,la professione del maestro,come del prete,come del medico devono partire da dentro,una sorta di vocazione,esulando dal bel posticino sicuro e soldini a fine nmese,si lavora per il denaro,vero,ma lo si deve fare meritandolo in base alle proprie competenze,queste maestre sono solo delle isteriche che chissa' che figli a loro volta isterici avran tirato su,per certe professioni bisognerebbe fare un corso psicologico che possa individuare in tempo un possibile disastro,perche' un operaio sbaglia il pezzo lo rifa' ma se una maestra sbaglia ci vuol molto tempo per riparare ai suoi sbagli e chissa' se sarà sufficiente...questi qui meglio toglierli dal lavoro e mandarli in fonderia,che chissa' perche' cercan sempre personale,forse ga' pasa l'isterismo...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/09/2014 07:30:00
Bambini a scuola, aiutiamoli a star bene I bambini, specialmente quelli che vanno in prima elementare, a guardarli al mattino quando entrano a scuola sembrano già preoccupati, emozionati, talvolta spaventati

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

09/09/2018 08:33:00
Scuola e famiglia ai blocchi di partenza Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo


04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.



Altre da Genitori e Figli
21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente 

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

31/03/2019

La famiglia adultescente

Al di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare, soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società 

26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia