01 Giugno 2020, 09.21
Blog - Genitori e figli

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

di Giuseppe Maiolo

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole


L’idea di salutare i compagni per l’ultimo giorno dell’anno, come qualcuno ha detto, è gesto simbolico che serve. È vero, anche se in realtà servirebbe di più un tempo per concludere la sospensione forzata dell’attività scolastica e dare modo a bambini e ragazzi di trasformare le emozioni vissute.

I piccoli hanno bisogno di raccontare le loro storie, elaborare la paura che ha allagato la mente dei genitori e la loro, l’angoscia della morte, la distanza sociale e l’isolamento forzato. Ai bambini che nonostante tutto hanno più risorse degli adulti e maggiore resilienza dei grandi, serve però un tempo adeguato per “ricucire” il passato al presente e ritrovare il mondo e le sue relazioni interrotte.

Sarebbe stato utile, prima di chiudere i cancelli, aiutarli a riprendere la narrazione della vita con il gioco e la fantasia e, con la forza dell’immaginazione, inventare un futuro tutto nuovo.

Colpisce invece non poco il fatto che per rimettere in moto il paese durante le fasi 2 e 3, il ritorno alla “normalità” sembra essere unicamente il lavoro, la libertà di movimento e quel ritrovato happy hour con gli amici.

Cose senza dubbio importanti ma che stanno trascurando ancora una volta la funzione della scuola e i suoi compiti che, dopo il Coronavirus, hanno bisogno di essere ripensati. Perché andranno riprogettati gli spazi fisici ma anche quelli mentali, che adesso o a settembre possano consentire agli operatori della scuola di sostenere la crescita dei bambini e degli adolescenti.

A differenza di altre nazioni, che hanno mostrato di saper coniugare sicurezza e bisogni educativi aprendo in maniera creativa spazi controllati e funzionali al riavvio del percorso scolastico, la scuola italiana è ancora ferma. Come al solito vive una marginalità inaccettabile che è quella in cui da sempre è stata confinata dalla quasi totale trascuratezza dei programmi governativi. 

In questo tempo difficile, invece, serve ancora di più che la ricostruzione del paese parta dalla scuola e dalle sue funzioni, dagli insegnanti che hanno necessità di essere attrezzati per ripartire in presenza dopo un tempo sconfinato di emozioni traumatiche mai vissute prima da nessuno.

E poi tenere conto della scuola
e dei suoi compiti significa non trascurare la famiglia e in particolare lo sforzo fatto dalle madri che, come dice una ricerca diffusa in questi ultimi giorni da Save the Children, sono costrette a fare le “equilibriste” dovendo tenere insieme fatiche domestiche, smartworking ed educazione dei figli.

Riprendere l’attività scolastica, soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia e della primaria, non può essere una “gentile concessione” limitata al saluto dei compagni. Avrebbe già dovuto contenere una prospettiva educativa da potenziare in quanto, più che mai ora, la scuola ha il compito del “prendersi cura di” che coincide col prevenire, cioè con l’agire prima che possa emergere un disagio.

Con questo obiettivo si dovevano già mettere a punto interventi capaci di aiutare i bambini a dare significato alle cose accadute e far ritrovare loro fiducia, magari ottimismo e sicurezza al di là delle protettive pareti domestiche.

I più piccoli hanno bisogno di questo, ma quelli grandi hanno la necessità di riannodare i fili dei rapporti interrotti, rimettere insieme storie e corpi, relazioni e presenze reali prima di considerare conclusa l’esperienza di un anno scolastico spezzato, tenuto insieme dal surrogato di una scuola virtuale.

L’importanza dell’esperienza fatta con il “Coronavirus” è che molti adolescenti sembrano aver intuito quanto, oltre al messaggiarsi continuo, sia importante incontrarsi fisicamente. L’ho sentito dire in questi mesi da molti dei ragazzi che seguo, i quali mi hanno confermato la sofferenza provata per la mancanza di contatti reali.

Così sono convinto che avrebbe avuto significato per tutti, piccoli e grandi, tornare a scuola per più di un giorno e riflettere insieme, con la guida degli insegnanti, sulle ragioni della sicurezza e sulle libertà collettive.

Sarebbe servito ad aumentare la consapevolezza sui comportamenti pericolosi e avrebbe contribuito a far “ri-nascere” la coscienza, ovvero a farla riemergere dalla nebbia e dal caos dei sentimenti contrastanti che abbiamo provato tutti e, con tutte le cautele del caso, riprendere in mano la vita, ma in maniera diversa. 

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it


Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.