Skin ADV
Giovedì 14 Novembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Melograni

Melograni

by Kaiser



12.11.2019 Preseglie

12.11.2019 Vobarno

12.11.2019 Val del Chiese

13.11.2019

12.11.2019 Gavardo Salò Valsabbia Garda

12.11.2019 Garda

12.11.2019 Sabbio Chiese Valsabbia Val del Chiese Storo

13.11.2019 Valsabbia

13.11.2019

12.11.2019 Gavardo Valsabbia Garda






20 Maggio 2018, 10.30

Blog - Genitori e figli

Regolare e proteggere i minori

di Giuseppe Maiolo
I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive.

La realtà sociale
in cui sono inseriti, come tutti noi, è liquida, senza margini e senza confini, fluida e in rapida trasformazione. Cresciuti con la mediazione del cellulare, i Millennials hanno l’esigenza costante di stare sempre connessi e in continuo contatto.  La tecnologia avanzata di questo tempo assolve però in maniera nuova uno dei compiti più importanti che vi sono in adolescenza: la necessità di separarsi dall’infanzia e tagliare i legami con la famiglia per diventare autonomi e indipendenti.

Legami giovanili e vicinanza amicale del resto sono sempre appartenute all’adolescenza. In ogni passaggio generazionale, il gruppo è stato importante, e più ancora necessario per crescere. Viceversa la mancanza di relazioni con i pari è sempre stata un possibile segnale di disagio. Vi è quindi un significato particolare da leggere dietro il fenomeno dell’utilizzo precoce e intenso che fanno i minori della moderna tecnologia.

Non ci deve meravigliare quanto emerge da una ricerca inerente al corso di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi dell’Università Cattolica di Milano la quale indica come già a 9-10 anni il 75% dei minori accede almeno una volta al giorno ai social e ai servizi di messaggeria istantanea come WhatsApp.

E nemmeno deve sorprenderci quando Terre des hommes, un’organizzazione che si occupa con attenzione dei problemi dei minori, ci dice che più del 60% dei ragazzi oggi passa il tempo libero sui Social e che a 13 anni si rimane connessi da un minimo di tre ore al giorno ad un tempo elevato che comprende anche le ore notturne. Il problema, caso mai, è che nei processi educativi tutto avviene precocemente, perché si entra nell’adolescenza in modo anticipato.

Per quanto i bambini di oggi sappiano prestissimo usare con una certa abilità il cellulare perché utilizzano quello di mamma o di papà, deve prevalere tra gli adulti la consapevolezza che lo smartphone è uno strumento potente il cui uso va controllato e insegnato con molta attenzione da parte degli adulti. Nessuno si sognerebbe mai di far guidare una Ferrari a un minore che non ha la patente. Accade invece che non sia così con i nuovi strumenti di comunicazione che nessuno insegna. Perché sembrano oggi mancare genitori attrezzati, capaci di educare alla digitalità e poche famiglie in grado di riconoscere le potenzialità dei vari dispositivi e i veri pericoli della rete. A scuola ancor meno sono gli insegnanti che hanno conoscenze di media education e dedicano attenzione alla formazione degli allievi.

Educare ai media, prima di tutto vuol dire essere adulti competenti in questi nuovi “saperi”. Poi significa non tanto e non solo far usare bene gli strumenti di comunicazione digitale, quanto dare regole di comportamento on line, promuovere e sviluppare reputazione e cittadinanza digitale promuovere con un costante controllo educativo. In fondo la pericolosità non deriva unicamente dalla quantità di tempo passato a chattare con gli amici virtuali quanto farlo in modo assoluto o prevalente. È quando un’attività diventa sostitutiva di altre o compensa dei bisogni che invece dovrebbero essere adeguatamente soddisfatti, come l’attività fisica o il coltivare relazioni e rapporti reali, che possono svilupparsi problemi e disagi.

Giuseppe Maiolo                                                                                                                                     
Docente di Psicologia delle Età della vita                                                                                       
Università di Trento                                                                                                                  
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76121 - 22/05/2018 08:45:20 (Pseudosofos) Quantità di tempo e significato
Gentilissimo professore, grazie per lo stimolo al pensiero. Sono sia un genitore sia un insegnante. Rispetto a quanto scrive, sono portato a credere che il tempo da noi dedicato a ciò che compiamo non sia così relativo come si possa immaginare. A. De S Exupery fa notare che è il tempo che le dedichiamo che fa essere importante per noi qualcosa (una rosa per un principe, lui scrive). Mi pare che i new media e i social networks pongono un’esigenza educativa: la comprensione del valore esistenziale del tempo. A quest’esigenza, dice bene, sono deputati a rispondere genitori e insegnanti anzitutto. Ma temo sia difficile farvi fronte solo attraverso un controllo educativo nell’uso dei media. Quali altre alternative di senso sono possibili e visibili oggi anche per noi adulti rispetto al passare del tempo?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/08/2019 09:15:00
Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura

16/04/2018 10:30:00
A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

23/11/2011 10:00:00
L'amore di coppia e l'educazione dei figli La relazione di coppia e l’educazione dei figli sono stati gli argomenti affrontati nel terzo incontro di Genitori in cammino dalla psicologa Antonella Mininni e dal marito Enrico Caputo.

23/02/2019 08:00:00
Genitori in formazione, focus sull'educazione Tornano a Villanuova sul Clisi a partire da mercoledì 27 febbraio gli incontri sui temi dell’educazione e del rapporto genitori-figli con noti esperti di livello nazionale



Altre da Genitori e Figli
02/11/2019

Hallowen, una festa da capire

Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento

28/10/2019

La povertà educativa e i comportamenti a rischio dei giovani

“Il tempo dei bambini” è il titolo del nuovo Atlante di Save the Children Italia presentato pochi giorni fa a Roma. Il report, corposo, fotografa la situazione italiana, dove negli ultimi dieci anni i minori in povertà assoluta sono oltre 1,2 milioni


21/10/2019

Come si cresce oggi tra like e follower?

“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato

18/10/2019

Hikikomori. Quei ragazzi ritirati in casa

“A casa mia sto bene, ho la mia camera, il mio pc, il mio mondo!”. Così dicono quelli che piano piano se ne vanno da scuola e dalla vita di tutti i giorni richiudendosi in casa. Via da tutto


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

29/09/2019

Adolescenti, suicidio e social

Qualche mese fa una ragazza di 16 anni della Malaysia si lancia dal terzo piano della sua abitazione dopo aver postato su Instagram una domanda “Aiutatemi a scegliere D o L”

23/09/2019

Dimenticare un bambino in auto. Perché?

Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


15/09/2019

Insegnanti: attenti al burnout!

La parola "burnout" ci è diventata familiare. Ormai. Collegato allo stress, sappiamo che si tratta di una risposta individuale alla pressione lavorativa che ti fa sentire  come “bollito”  (29)

09/09/2019

Lo stress a scuola

“Che stress la scuola!”; “Non ce la faccio più. Mi sento sempre sotto pressione e spesso mi vien da piangere e da gridare”. Sono frasi che ho sentito di frequente dagli adolescenti che incontro, e non sempre si tratta di esagerazioni (2)

03/09/2019

La scuola riparte

Ecco ci risiamo. Tra pochi giorni si riparte con la scuola e con il suo carico di aspettative e di ansie per tutti 

Eventi

<<Novembre 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia