20 Maggio 2018, 10.30
Blog - Genitori e figli

Regolare e proteggere i minori

di Giuseppe Maiolo

I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive.


La realtà sociale
in cui sono inseriti, come tutti noi, è liquida, senza margini e senza confini, fluida e in rapida trasformazione. Cresciuti con la mediazione del cellulare, i Millennials hanno l’esigenza costante di stare sempre connessi e in continuo contatto.  La tecnologia avanzata di questo tempo assolve però in maniera nuova uno dei compiti più importanti che vi sono in adolescenza: la necessità di separarsi dall’infanzia e tagliare i legami con la famiglia per diventare autonomi e indipendenti.

Legami giovanili e vicinanza amicale del resto sono sempre appartenute all’adolescenza. In ogni passaggio generazionale, il gruppo è stato importante, e più ancora necessario per crescere. Viceversa la mancanza di relazioni con i pari è sempre stata un possibile segnale di disagio. Vi è quindi un significato particolare da leggere dietro il fenomeno dell’utilizzo precoce e intenso che fanno i minori della moderna tecnologia.

Non ci deve meravigliare quanto emerge da una ricerca inerente al corso di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi dell’Università Cattolica di Milano la quale indica come già a 9-10 anni il 75% dei minori accede almeno una volta al giorno ai social e ai servizi di messaggeria istantanea come WhatsApp.

E nemmeno deve sorprenderci quando Terre des hommes, un’organizzazione che si occupa con attenzione dei problemi dei minori, ci dice che più del 60% dei ragazzi oggi passa il tempo libero sui Social e che a 13 anni si rimane connessi da un minimo di tre ore al giorno ad un tempo elevato che comprende anche le ore notturne. Il problema, caso mai, è che nei processi educativi tutto avviene precocemente, perché si entra nell’adolescenza in modo anticipato.

Per quanto i bambini di oggi sappiano prestissimo usare con una certa abilità il cellulare perché utilizzano quello di mamma o di papà, deve prevalere tra gli adulti la consapevolezza che lo smartphone è uno strumento potente il cui uso va controllato e insegnato con molta attenzione da parte degli adulti. Nessuno si sognerebbe mai di far guidare una Ferrari a un minore che non ha la patente. Accade invece che non sia così con i nuovi strumenti di comunicazione che nessuno insegna. Perché sembrano oggi mancare genitori attrezzati, capaci di educare alla digitalità e poche famiglie in grado di riconoscere le potenzialità dei vari dispositivi e i veri pericoli della rete. A scuola ancor meno sono gli insegnanti che hanno conoscenze di media education e dedicano attenzione alla formazione degli allievi.

Educare ai media, prima di tutto vuol dire essere adulti competenti in questi nuovi “saperi”. Poi significa non tanto e non solo far usare bene gli strumenti di comunicazione digitale, quanto dare regole di comportamento on line, promuovere e sviluppare reputazione e cittadinanza digitale promuovere con un costante controllo educativo. In fondo la pericolosità non deriva unicamente dalla quantità di tempo passato a chattare con gli amici virtuali quanto farlo in modo assoluto o prevalente. È quando un’attività diventa sostitutiva di altre o compensa dei bisogni che invece dovrebbero essere adeguatamente soddisfatti, come l’attività fisica o il coltivare relazioni e rapporti reali, che possono svilupparsi problemi e disagi.

Giuseppe Maiolo                                                                                                                                     
Docente di Psicologia delle Età della vita                                                                                       
Università di Trento                                                                                                                  
www.officina-benessere.it



Commenti:
ID76121 - 22/05/2018 08:45:20 - (Pseudosofos) - Quantità di tempo e significato

Gentilissimo professore, grazie per lo stimolo al pensiero. Sono sia un genitore sia un insegnante. Rispetto a quanto scrive, sono portato a credere che il tempo da noi dedicato a ciò che compiamo non sia così relativo come si possa immaginare. A. De S Exupery fa notare che è il tempo che le dedichiamo che fa essere importante per noi qualcosa (una rosa per un principe, lui scrive). Mi pare che i new media e i social networks pongono un’esigenza educativa: la comprensione del valore esistenziale del tempo. A quest’esigenza, dice bene, sono deputati a rispondere genitori e insegnanti anzitutto. Ma temo sia difficile farvi fronte solo attraverso un controllo educativo nell’uso dei media. Quali altre alternative di senso sono possibili e visibili oggi anche per noi adulti rispetto al passare del tempo?

Aggiungi commento:
Vedi anche
22/08/2019 09:15

Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura

16/04/2018 10:30

A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

15/07/2018 08:00

Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

23/11/2011 10:00

L'amore di coppia e l'educazione dei figli La relazione di coppia e l’educazione dei figli sono stati gli argomenti affrontati nel terzo incontro di Genitori in cammino dalla psicologa Antonella Mininni e dal marito Enrico Caputo.

23/02/2019 08:00

Genitori in formazione, focus sull'educazione Tornano a Villanuova sul Clisi a partire da mercoledì 27 febbraio gli incontri sui temi dell’educazione e del rapporto genitori-figli con noti esperti di livello nazionale



Altre da Genitori e Figli
04/08/2020

La scuola del dopo Covid -19

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa

27/07/2020

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani

Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato

21/07/2020

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti

La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?