Skin ADV
Martedì 18 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
E' passato un fulmine

E' passato un fulmine

di Gianfranco Fenoli





03 Giugno 2018, 08.30

Blog - Genitori e Figli

Perdere la vita per un selfie

di Giuseppe Maiolo
Sfidare il rischio per un selfie, correre un pericolo per aumentare i like sul proprio profilo o tentare una performance acrobatica per documentare le personali capacità sembra appartenere ogni giorno di più ai Millennials

E quando, come è accaduto
qualche giorno fa, un giovane acrobata circense finisce per perdere la vita in un’impresa eccessiva veniamo invasi da una serie di interrogativi: perché questi giovani sono incuranti del pericolo? Perché rischiano la vita davanti a un obiettivo?

Un tempo la risposta era il bisogno di trasgressione. Cioè la voglia, tutta evolutiva, di sfidare l’adulto e di mettersi alla prova. Si chiamava anche “disobbedienza” al mondo delle regole che famiglia e scuola ponevano alla crescita. Però questa “ribellione”, che generalmente veniva sanzionata, era un passaggio obbligato verso l’autonomia e l’indipendenza: bisognava trasgredire e superare il limite per mostrare agli adulti che si era diventati grandi.

Bisognava rischiare per sapere fin dove era possibile arrivare con le proprie forze. Quello che contava, un tempo, era la sfida tra due generazioni: portava gli adolescenti a misurarsi con l’adulto e imponeva ai grandi di scendere in campo per fare a braccio di ferro con quel “non più bambino”.

Adesso invece le trasgressioni, quando le vediamo, le chiamiamo “bravate” e non le sanzioniamo più. Spesso le consideriamo modalità originali del comportamento e ne sottovalutiamo il significato. E' cambiata così la percezione della trasgressività come azione specificatamente evolutiva. Tra i due fronti, tra padri e figli ad esempio, c’è un armistizio infinito e agli scontri rumorosi si è sostituito un assordante silenzio. Al posto dei “padri guerrieri” ci sono tanti “amici” che condividono, approvano e ti fano sentire importante perché ti vedono, ti seguono e appoggiano quello che fai.

Non conta tanto il confronto reale, quanto il mostrarsi. Per i nativi digitali l’essere è farsi vedere, è trovare visibilità in un mondo fatto di immagini, è diventare popolari nella piazza virtuale. Lì, sui social, esisti se come icona virale appartieni alla comunità e a quell’universo magico dove un pubblico di followers ti fa sentire importante perché ti duplica in cento, mille, un milione di click e di condivisioni. In questo modo i giovani di oggi, che in gran parte finiscono per costruire la loro identità nel mondo digitale, hanno la sensazione di uscire dell’anonimato e dalla monotonia dell’esistenza quotidiana. Ma perché questa magia gratificante si ripeta, i nostri adolescenti “supereroi mediatici” hanno il bisogno crescente di catturare l’attenzione con azioni sempre più eroiche e sempre più spericolate. Sovente impossibili e non di rado mortifere.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia delle età della vita – Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

11/06/2018 09:46:00
Il piacere di una magrezza estrema Tutto, ormai, comincia dalla rete. Anche quella voglia matta delle adolescenti, soprattutto ragazze, di essere in forma, ora che l’estate è in arrivo. Spesso però è solo un pretesto, perché il problema vero è il rapporto negativo con il proprio corpo 

22/07/2018 09:30:00
Sempre connessi ma fuggiaschi Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali



Altre da Genitori e Figli
16/12/2018

Nell'educazione parlare non basta

“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

07/12/2018

Pornografia virtuale e dipendenza

Le nuove tecnologie mettono a disposizione l’universo mondo con un solo click.

24/11/2018

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne

Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza  (1)

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/11/2018

Le parole dell'odio

Le parole dell’odio circolano realmente attorno a noi, oggi  più che mai in rete, e attraversano le relazioni, le contaminano e le feriscono

04/11/2018

Minori che picchiano i prof

Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

28/10/2018

Morire ancora di eroina

La storia agghiacciante di Desirée Mariottini è la narrazione drammatica della disperazione giovanile e del degrado urbano, ma soprattutto umano
(1)

21/10/2018

La pedofilia on line

Tutto cambia, nel bene e nel male. Ora la pedofilia si è trasferita in Internet e i pedofili on line sono la nuova frontiera della depravazione sessuale

14/10/2018

Castrazione chimica per la pedofilia? Inutile

Ogni qualvolta accadono violenze sessuali sui bambini o di stupri sui minori come il recente caso della studentessa asiatica violentata a Firenze qualche settimana fa, torna fuori da parte di personaggi pubblici o politici l’idea della castrazione chimica come soluzione

07/10/2018

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia