Skin ADV
Domenica 23 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Al lago di Braies

Al lago di Braies

di Eliana Lombardi



21.09.2018 Gavardo Valsabbia

22.09.2018 Vestone Valsabbia

21.09.2018 Gavardo

22.09.2018

21.09.2018 Pertica Bassa Valsabbia

21.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Val del Chiese

22.09.2018 Roè Volciano

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Villanuova s/C






03 Giugno 2018, 08.30

Blog - Genitori e Figli

Perdere la vita per un selfie

di Giuseppe Maiolo
Sfidare il rischio per un selfie, correre un pericolo per aumentare i like sul proprio profilo o tentare una performance acrobatica per documentare le personali capacità sembra appartenere ogni giorno di più ai Millennials

E quando, come è accaduto
qualche giorno fa, un giovane acrobata circense finisce per perdere la vita in un’impresa eccessiva veniamo invasi da una serie di interrogativi: perché questi giovani sono incuranti del pericolo? Perché rischiano la vita davanti a un obiettivo?

Un tempo la risposta era il bisogno di trasgressione. Cioè la voglia, tutta evolutiva, di sfidare l’adulto e di mettersi alla prova. Si chiamava anche “disobbedienza” al mondo delle regole che famiglia e scuola ponevano alla crescita. Però questa “ribellione”, che generalmente veniva sanzionata, era un passaggio obbligato verso l’autonomia e l’indipendenza: bisognava trasgredire e superare il limite per mostrare agli adulti che si era diventati grandi.

Bisognava rischiare per sapere fin dove era possibile arrivare con le proprie forze. Quello che contava, un tempo, era la sfida tra due generazioni: portava gli adolescenti a misurarsi con l’adulto e imponeva ai grandi di scendere in campo per fare a braccio di ferro con quel “non più bambino”.

Adesso invece le trasgressioni, quando le vediamo, le chiamiamo “bravate” e non le sanzioniamo più. Spesso le consideriamo modalità originali del comportamento e ne sottovalutiamo il significato. E' cambiata così la percezione della trasgressività come azione specificatamente evolutiva. Tra i due fronti, tra padri e figli ad esempio, c’è un armistizio infinito e agli scontri rumorosi si è sostituito un assordante silenzio. Al posto dei “padri guerrieri” ci sono tanti “amici” che condividono, approvano e ti fano sentire importante perché ti vedono, ti seguono e appoggiano quello che fai.

Non conta tanto il confronto reale, quanto il mostrarsi. Per i nativi digitali l’essere è farsi vedere, è trovare visibilità in un mondo fatto di immagini, è diventare popolari nella piazza virtuale. Lì, sui social, esisti se come icona virale appartieni alla comunità e a quell’universo magico dove un pubblico di followers ti fa sentire importante perché ti duplica in cento, mille, un milione di click e di condivisioni. In questo modo i giovani di oggi, che in gran parte finiscono per costruire la loro identità nel mondo digitale, hanno la sensazione di uscire dell’anonimato e dalla monotonia dell’esistenza quotidiana. Ma perché questa magia gratificante si ripeta, i nostri adolescenti “supereroi mediatici” hanno il bisogno crescente di catturare l’attenzione con azioni sempre più eroiche e sempre più spericolate. Sovente impossibili e non di rado mortifere.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia delle età della vita – Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

11/06/2018 09:46:00
Il piacere di una magrezza estrema Tutto, ormai, comincia dalla rete. Anche quella voglia matta delle adolescenti, soprattutto ragazze, di essere in forma, ora che l’estate è in arrivo. Spesso però è solo un pretesto, perché il problema vero è il rapporto negativo con il proprio corpo 

22/07/2018 09:30:00
Sempre connessi ma fuggiaschi Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

23/09/2018 08:00:00
Giovani e senso del limite Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio



Altre da Genitori e Figli
23/09/2018

Giovani e senso del limite

Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio (1)

14/09/2018

Blackout. Il gioco mortale dei teenager

Un’ennesima tragedia si compie tra i giovani e sconvolge perché scopri che si muore per “gioco”. È una pratica occulta e già conosciuta tra i giovani, inebriante ed eccitante, per qualche verso erotica, che ora la rete sta diffondendo e che negli Stati Uniti ha già fatto numerose vittime 

09/09/2018

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza

Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo


02/09/2018

La famiglia liquida

La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione (1)

26/08/2018

Bullismo e disimpegno morale

Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia