Skin ADV
Martedì 26 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Celeste primavera

Celeste primavera

di Gianfranco Fenoli



25.03.2019 Bagolino

25.03.2019 Prevalle Provincia

25.03.2019 Capovalle Valsabbia

24.03.2019

25.03.2019 Gavardo

25.03.2019 Salò

24.03.2019 Bione

25.03.2019 Sabbio Chiese

26.03.2019 Bione

25.03.2019 Vallio Terme






16 Dicembre 2018, 09.41

Blog - Genitori e figli

Nell'educazione parlare non basta

di Giuseppe Maiolo
“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

Le ricerche dei neuroscienziati ora ci confermano che in certi momenti alcune aree del cervello è come se si spegnessero. Soprattutto nell’adolescenza.
 
Gli studi congiunti di ricercatori americani delle Università di Harvard e Berkeley sembrano dimostrare che l’attività cerebrale nelle regioni deputate al controllo emotivo si riduce in modo considerevole, quando i figli vengono fatti oggetto di critiche insistenti. 
 
Ciò significa che ragazzi e ragazze chiudono realmente la comunicazione, e dunque l’ascolto, se vengono sommersi da un fiume di parole e da frasi critiche e negative che passano in uno scontro verbale.
 
Questo ci deve far riflettere sul valore dei richiami insistenti e su quella tipica modalità logorroica di alcuni genitori ed educatori che insistono col sottolineare sempre la stessa cosa. La reazione di chiusura “uditiva” che hanno i figli, sottolineata anche fisicamente dal richiudersi nella propria camera o infilarsi gli auricolari, deve far comprendere che in quel momento la comunicazione non c’è più e che le richieste, qualsiasi esse siano, non saranno accolte perché non percepite. Meglio, dunque, tacere. Fermarsi. Fare silenzio.
 
Conta di più farsi ascoltare che parlare senza sosta e ripetere all’infinito cose dette e ridette. Di solito anche nelle situazioni di acceso conflitto verbale serve di più interrompere il flusso delle parole, sostare in silenzio per qualche istante che continuare ad urlarsi addosso, con l’illusione di essere ascoltati. Sicuramente fa effetto un silenzio deciso. 
 
Capita ovunque, ma in modo particolare in famiglia e a scuola, che oggi la comunicazione sia quanto meno sovrabbondante e confusiva. Si danno troppe indicazioni, infinite prescrizioni poco chiare, quando invece servirebbero poche regole, ma precise. 
 
Non si tratta di ritornare ad atteggiamenti autoritari, ma di saper essere efficaci nella comunicazione, ricordando che noi comunichiamo verbalmente, cioè con le parole, solo il 7% di quello che vogliamo far arrivare all’altro. Il resto è comunicazione non verbale, gesti, espressioni del viso, atteggiamenti del corpo. 
 
Significa che la chiarezza delle indicazioni educative passa di più attraverso il modo di essere e l’esempio. Non vi è dubbio che oggi sia ancora più difficile la comunicazionecon i figli adolescenti che si isolano con i loro dispositivi. Tuttavia non serve insistere a sottolineare la negatività di tali comportamenti con frasi critiche tipo “Sei sempre il solito” o “Con te non si può parlare” “Stai sempre col cellulare in mano”. 
 
Dopo un po’ i figli non sentono e innalzano una barriera invalicabile nella comunicazione. Ma soprattutto capita che le accuse dell’adulto non siano efficaci perché solo verbali, in quanto altri sono i comportamenti che utilizza e contraddittorio il suo modo di agire. 
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

04/03/2019 09:06:00
Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri

29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

20/05/2018 10:30:00
Regolare e proteggere i minori I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive.



Altre da Genitori e Figli
26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia