Skin ADV
Sabato 20 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Madonna di Armo

Madonna di Armo

di Antonio Bonomi



18.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

18.04.2019 Idro Valsabbia

19.04.2019 Vestone

19.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

19.04.2019 Vobarno Treviso Bs

18.04.2019 Vestone Valsabbia

19.04.2019 Casto

19.04.2019 Vestone

19.04.2019 Bagolino

19.04.2019 Valtenesi






04 Novembre 2018, 08.00

Blog - Genitori e figli

Minori che picchiano i prof

di Giuseppe Maiolo
Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

Quando poi negli stessi giorni leggi che un bambino di 7 anni a Firenze, va in classe con un coltello e dà una testata alla maestra mandandola all’ospedale con la frattura del naso, ti chiedi che nome si può dare a tali comportamenti e come si spiegano.

Per definirla prendiamo a prestito la parola “bullismo”, ormai tristemente di moda, ma non è la definizione corretta perché indica comportamenti di prepotenza e di offesa fisica o psicologica tra i pari. A prescindere da questo, ciò che conta è il significato che sta dietro la violenza verso gli adulti.

Vien da dire subito che bambini e adolescenti la respirano ovunque e la ripropongono dopo averla ampiamente metabolizzata. Una violenza che narra quanto le relazioni interpersonali oggi siano divenute problematiche e i conflitti emergano sovente da un sottosuolo di rapporti familiari critici.
In particolare però la violenza dei minori sugli adulti ci dice che l’educazione ha fallito il suo compito.

Hanno fallito gli adulti di riferimento incapaci di essere modelli positivi. Ha fallito la famiglia permissiva quando chiama “bravate” le prepotenze e i comportamenti offensivi dei figli e giustifica oltre misura ogni loro azione. Ma ha fallito anche la scuola che non è stata capace di riconoscere precocemente gli atteggiamenti violenti degli allievi e proteggere le vittime.

E poi fallisce in continuazione quando non sanziona con severità tutte le aggressioni che si manifestano negli spazi scolatici o quando non inserisce nel progetto formativo l’educazione al rispetto e alla legalità e la necessaria consapevolezza digitale, che adesso veicola la gran parte delle forme aggressive.

I bambini e gli adolescenti di oggi non sanno governare i loro stati d’animo e sono quasi analfabeti sul piano delle conoscenze emotive, ma spesso hanno a fianco adulti mancanti in quanto educatori. Mancano purtroppo i genitori normativi, capaci di mettere regole e confini e in grado di farli rispettare. Mancano, a casa come a scuola, adulti autorevoli capaci di usare le punizioni come strumento formativo utile e far comprendere la relazione tra un’azione e le sue conseguenze.

Dalla permissività della famiglia alla debolezza formativa della scuola il passo è breve e questa esplosione di violenza mostra una comunità educante distratta e inefficiente che collude con quei figli-allievi piuttosto che esserne guida. Se i modelli di riferimento sono genitori che insultano, offendono o minacciano gli insegnanti, forse non possiamo aspettarci altro. Ma accade altrettanto se a scuola non si costruiscono autentiche alleanze con la famiglia e si sviluppi la coscienza comune che i ruoli paritari non fanno crescere, ma al contrario confondono.

A guardar bene questa violenza
sugli adulti sembra essere la risposta disorientata di tutti quei minori che non sanno più distinguere né rispettare i ruoli che ci dovrebbero essere in famiglia e a scuola, che non riconoscono l’autorità di chi ha funzioni educative in quanto sono gli adulti per primi ad aver abdicato a questo ruolo e aver azzerato da tempo il valore simbolico di questa parola.

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/04/2018 08:10:00
La violenza «assistita» Oggi parliamo della violenza di chi vive violenza. E del disagio di una generazione di bambini che crescono lasciati a loro stessi


09/09/2014 07:18:00
Scuola e famiglia Tutto è pronto. La scuola riparte con il suo “esercito” di allievi e di insegnanti. Ma in questa annuale avventura scendono in campo anche le famiglie e i genitori

29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

24/11/2018 15:00:00
Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 

04/03/2019 09:06:00
Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri



Altre da Genitori e Figli
15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente 

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

31/03/2019

La famiglia adultescente

Al di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare, soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società 

26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia