Skin ADV
Martedì 26 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Celeste primavera

Celeste primavera

di Gianfranco Fenoli



25.03.2019 Bagolino

25.03.2019 Prevalle Provincia

26.03.2019 Bagolino

25.03.2019 Capovalle Valsabbia

26.03.2019 Bione

24.03.2019

25.03.2019 Gavardo

25.03.2019 Salò

25.03.2019 Sabbio Chiese

24.03.2019 Bione






01 Luglio 2018, 08.20

Blog - Genitori e figli

Il bullismo a scuola

di Giuseppe Maiolo
La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo

Secondo alcune indagini il fenomeno coinvolge 5 minori su 10 e  l’ISTAT nel corso del 2017 ha evidenziato che  l’età più a rischio è quella tra  gli 11 e i 13 anni. Ma altri, come Telefono azzurro, segnalano che già alla primaria 1 su 4 sono i bambini che subiscono atti di prevaricazione e sopruso, minacce e offese. Inoltre negli ultimi tempi c’è stata un’esplosione di aggressività nei confronti degli insegnanti. Non è vero e proprio bullismo ma è comunque l’espressione di quanto i comportamenti violenti si stiano diffondendo e gli argini di contenimento educativo siano sempre più deboli.

Per molte di queste aggressioni, sia reali che virtuali, oggi si parla di “baby gang”. Può sembrare eccessivo ma in realtà spesso le prevaricazioni sono compiute non tanto da un singolo, quanto da un gruppetto di minori che se la prende con la vittima designata, magari il compagno più timido o quello con qualche problema fisico, oppure terrorizza un’intera classe.

Si tratta di una sorta di combriccola guidata da un capo, il cosiddetto leader, capace di aggregare altri bambini o ragazzini e farli esercitare in atti trasgressivi e offensivi. In psicologia sociale il fenomeno di queste aggregazioni è stato studiato a lungo e ha messo in evidenza il fatto significativo che il bullo-leader, rappresenta un modello positivo. Viene ammirato per la capacità di sapersela cavare nelle diverse situazioni e perché sa sfidare l’autorità. In adolescenza poi, la partecipazione al gruppo risponde ai compiti evolutivi che spingono verso la separazione dal mondo degli adulti e consentono a ciascuno dei partecipanti di condividere le esperienze di trasgressione.

Nelle azioni aggressive e socialmente inaccettabili, il far parte della banda sostiene il singolo, gli consente di “diluire” con i compagni le responsabilità e contenere o annullare il senso di colpa.
Parallelamente  la vittima tace perché ha vergogna di dire quello che gli accade e ha paura di essere ulteriormente ferito. Poi, ancor più grave, vi è il silenzio di chi vede e non dice, di chi osserva e fa finta di non sapere. 

Chi assiste non parla in quanto teme ritorsioni che spesso non sono di natura fisica ma che comportano isolamento e esclusione. Far parte della “gang” in effetti vuol dire accettare un codice di comportamento che, pena l’espulsione dal gruppo,  in sostanza vieta il ricorso all’adulto.

Così a scuola insieme al bullismo regna l’ omertà. Contrastarli vuol dire prima di tutto rompere  la cultura del silenzio e del “mi faccio gli affari miei” che gli operatori scolastici, con urgenza, dovrebbero inserire nel progetto educativo ed essere attrezzati a riconoscere precocemente i segnali inquietanti del fenomeno violenza tra pari.

Giuseppe Maiolo     
Docente di Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76732 - 01/07/2018 21:10:00 (Iva) Bravissimo Dott. Maiolo
Complimenti a lei che analizza così bene il fenomeno del bullismo che imperversa in tutte le scuole , dalle periferie alla citta', e sempre l'invidia o il fatto che uno sia solo diverso scatenano i Bulli che però non vengono mai puniti perchè sanno fingere molto bene e negano ci aver fatto qualcosa difesi anche da genitori ed insegnanti purtroppo e cosi' inveiscono sempre contro gli altri che o sono troppo grassi o troppo magri, o stupidi e secchioni ed i motivi sono tamti.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/08/2018 09:23:00
Bullismo e disimpegno morale
Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


08/12/2015 08:58:00
Bullismo, la violenza del silenzio Colpisce l’orrore delle sevizie contro un minore di 13 anni che viene legato ad un cancello e trattato come un urinale...

15/03/2018 09:16:00
Bullismo, i segnali per i genitori Cosa può fare un genitore per aiutare un figlio preso di mira e vessato dai bulli? Come capire che il ragazzo è vittima di soprusi?

20/04/2018 10:40:00
Minori violenti con gli adulti Non è bullismo quello che si vede nel video diffuso sul web dove un ragazzo minaccia, umilia e deride un prof

19/08/2018 08:33:00
Le bulle Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...



Altre da Genitori e Figli
26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia