Skin ADV
Domenica 19 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


17.08.2018 Vestone

17.08.2018 Bagolino

17.08.2018 Idro Bagolino Anfo

18.08.2018 Val del Chiese

19.08.2018

19.08.2018 Prevalle

18.08.2018 Villanuova s/C

17.08.2018 Vestone

17.08.2018

19.08.2018 Valtenesi



01 Luglio 2018, 08.20

Blog - Genitori e figli

Il bullismo a scuola

di Giuseppe Maiolo
La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo

Secondo alcune indagini il fenomeno coinvolge 5 minori su 10 e  l’ISTAT nel corso del 2017 ha evidenziato che  l’età più a rischio è quella tra  gli 11 e i 13 anni. Ma altri, come Telefono azzurro, segnalano che già alla primaria 1 su 4 sono i bambini che subiscono atti di prevaricazione e sopruso, minacce e offese. Inoltre negli ultimi tempi c’è stata un’esplosione di aggressività nei confronti degli insegnanti. Non è vero e proprio bullismo ma è comunque l’espressione di quanto i comportamenti violenti si stiano diffondendo e gli argini di contenimento educativo siano sempre più deboli.

Per molte di queste aggressioni, sia reali che virtuali, oggi si parla di “baby gang”. Può sembrare eccessivo ma in realtà spesso le prevaricazioni sono compiute non tanto da un singolo, quanto da un gruppetto di minori che se la prende con la vittima designata, magari il compagno più timido o quello con qualche problema fisico, oppure terrorizza un’intera classe.

Si tratta di una sorta di combriccola guidata da un capo, il cosiddetto leader, capace di aggregare altri bambini o ragazzini e farli esercitare in atti trasgressivi e offensivi. In psicologia sociale il fenomeno di queste aggregazioni è stato studiato a lungo e ha messo in evidenza il fatto significativo che il bullo-leader, rappresenta un modello positivo. Viene ammirato per la capacità di sapersela cavare nelle diverse situazioni e perché sa sfidare l’autorità. In adolescenza poi, la partecipazione al gruppo risponde ai compiti evolutivi che spingono verso la separazione dal mondo degli adulti e consentono a ciascuno dei partecipanti di condividere le esperienze di trasgressione.

Nelle azioni aggressive e socialmente inaccettabili, il far parte della banda sostiene il singolo, gli consente di “diluire” con i compagni le responsabilità e contenere o annullare il senso di colpa.
Parallelamente  la vittima tace perché ha vergogna di dire quello che gli accade e ha paura di essere ulteriormente ferito. Poi, ancor più grave, vi è il silenzio di chi vede e non dice, di chi osserva e fa finta di non sapere. 

Chi assiste non parla in quanto teme ritorsioni che spesso non sono di natura fisica ma che comportano isolamento e esclusione. Far parte della “gang” in effetti vuol dire accettare un codice di comportamento che, pena l’espulsione dal gruppo,  in sostanza vieta il ricorso all’adulto.

Così a scuola insieme al bullismo regna l’ omertà. Contrastarli vuol dire prima di tutto rompere  la cultura del silenzio e del “mi faccio gli affari miei” che gli operatori scolastici, con urgenza, dovrebbero inserire nel progetto educativo ed essere attrezzati a riconoscere precocemente i segnali inquietanti del fenomeno violenza tra pari.

Giuseppe Maiolo     
Docente di Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76732 - 01/07/2018 21:10:00 (Iva) Bravissimo Dott. Maiolo
Complimenti a lei che analizza così bene il fenomeno del bullismo che imperversa in tutte le scuole , dalle periferie alla citta', e sempre l'invidia o il fatto che uno sia solo diverso scatenano i Bulli che però non vengono mai puniti perchè sanno fingere molto bene e negano ci aver fatto qualcosa difesi anche da genitori ed insegnanti purtroppo e cosi' inveiscono sempre contro gli altri che o sono troppo grassi o troppo magri, o stupidi e secchioni ed i motivi sono tamti.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/12/2015 08:58:00
Bullismo, la violenza del silenzio Colpisce l’orrore delle sevizie contro un minore di 13 anni che viene legato ad un cancello e trattato come un urinale...

15/03/2018 09:16:00
Bullismo, i segnali per i genitori Cosa può fare un genitore per aiutare un figlio preso di mira e vessato dai bulli? Come capire che il ragazzo è vittima di soprusi?

20/04/2018 10:40:00
Minori violenti con gli adulti Non è bullismo quello che si vede nel video diffuso sul web dove un ragazzo minaccia, umilia e deride un prof

19/08/2018 08:33:00
Le bulle Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

04/06/2015 06:47:00
Intervista a Teresa Manes Il tema della conferenza di stasera per il ciclo di "GENITORI IN FORMAzione" è quello del bullismo e del cyberbullismo.  A parlarne alle  20,45 presso la Biblioteca comunale di Vobarno, ci sarà Teresa  Manes, madre di Andrea



Altre da Genitori e Figli
19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

15/07/2018

Mancanza di educazione?

Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo  (1)

09/07/2018

Ludopatia

Il termine ludopatia è ormai diventato familiare. Se ne parla sempre di più e si insiste, meno male, sugli aspetti gravi, anzi gravissimi. La parola indica gioco che produce patologia!

23/06/2018

Prevenire le molestie e l'abuso

Non è per nulla facile scovare gli “orchi” che molestano i minori. Non lo è mai stato.  È storia consueta che la violenza sessuale e psicologica rimanga nascosta per un certo tempo 

17/06/2018

Esami in vista, ansia in arrivo!

È ormai tempo di esami. Ma anche di ansia e stress. Perché si sa, le prove scolastiche ma in particolare quelle della maturità, in fondo rappresentano la “verifica” di un percorso e insieme l’autorizzazione della società ad andare oltre l’adolescenza.

11/06/2018

Il piacere di una magrezza estrema

Tutto, ormai, comincia dalla rete. Anche quella voglia matta delle adolescenti, soprattutto ragazze, di essere in forma, ora che l’estate è in arrivo. Spesso però è solo un pretesto, perché il problema vero è il rapporto negativo con il proprio corpo 

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia