Skin ADV
Lunedì 22 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.04.2019

20.04.2019 Idro Vallio Terme

20.04.2019

21.04.2019 Bagolino

22.04.2019 Bione

20.04.2019 Garda

20.04.2019 Val del Chiese Storo

21.04.2019

20.04.2019 Anfo

21.04.2019 Vobarno






27 Febbraio 2019, 07.00

Blog - Genitori e figli

Costruire l'umano per combattere il bullismo

di Giuseppe Maiolo
Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

In un passato poco distante, quando imperversava la banda dei ragazzi del cavalcavia che lanciava sassi dal ponte sull’autostrada e uccideva chi casualmente si ritrovava di sotto, un procuratore dopo aver interrogato a lungo i giovani protagonisti di questi “massacri” disse alla stampa: “Teste vuote. Ho trovato dentro il vuoto, il nulla”.
 
Colpisce sempre allora quello che è accaduto a Bolzano alcuni giorni fa, dove una ragazza è stata pestata a sangue durante la pausa da un’altra compagna senza lo straccio di un motivo. Ma colpisce ancora di più l'omertà delle ragazze che hanno visto tutto e sono rimaste a guardare. E allo stesso tempo meravigliano anche quegli adulti che dicono di non aver potuto immaginare in precedenza dietro quale volto si nascondesse l’aggressore.

Significa che ci sono educatori e genitori che si aspettano gesti premonitori, quando dovremmo saperlo bene che il violento e l’abusante così come il bullo o la bulla non annunciano le loro azioni ma nemmeno impazziscono da un momento all’altro in preda ad un raptus devastante. Il “male non possiede né profondità, né una dimensione demoniaca” diceva Hannah Arendt. È banale il male. 
 
Ma questo “male” bisogna conoscerlo e gli adulti, in particolare quelli che hanno funzioni educative, hanno il dovere di sapere come nasce e da dove origina la violenza dei comportamenti bulli che si sviluppano nei cortili o tra le aule scolastiche deserte.Perché non è detto che i pestaggi e le offese, le umiliazioni e le derisioni avvengano solo quando gli insegnanti sono fisicamente lontani dai minori.

Capitano anche quando chi ha il dovere di ascoltare e osservare non presta l’attenzione necessaria o ha scarsa dimestichezza e competenza dei segnali indicatori del disagio.
 
Nel corso dei tanti incontri nelle scuole con gli allievi e i docenti o conversando con i genitori sulle nuove forme del "male" tra i bambini e gli adolescenti, mi capita troppo spesso di ritrovare questa dimensione che coniuga ancora una povera competenza educativa sulle emergenti sofferenze della crescita e una tendenza ancora eccessiva degli adulti di riferimento alla sottovalutazione del fenomeno bullismo.

Nonostante gli obblighi imposti dalla recente legge, la formazione degli operatori così come l’attenzione delle famiglie alla violenza orizzontale espressa dalle varie forme di bullismo e di cyberbullismo, si riduce spesso ad un sorprendente interesse operativo e di azione, quando si registrano fatti gravi.
 
In realtà famiglia e scuola hanno insieme il dovere di sviluppare competenze educative capaci di prevenire precocemente e scoraggiare la diffusa tendenza dei minori ad offendere e ferire per divertimento o per uno scarso rispetto dell’altro. Se gli adulti di riferimento non si attrezzano sul versante della prevenzione risulta sempre più problematico l’aiuto alle vittime, in genere paralizzate in lunghi silenzi e inchiodate alla solitudine dall’assenza empatica dei pari e dalla non-curanza degli adulti. Ma sarà altrettanto difficile scoraggiare la prepotenza e lo sviluppo di relazioni attraversate dall’odio.
 
Credo che oggi educare venga prima di  istruire e formare, perché nulla è possibile senza la costruzione dell’umano. Il che vuol dire formare il piano emotivo e promuovere attenzione e rispetto degli altri, ascolto e narrazioni di solidarietà. Ma questo è un grosso discorso che, purtroppo, una gran parte adulti drammaticamente ignora. Altrimenti non si vedrebbe circolare, come circola in questi giorni, la video-ripresa a Carrara dell’agghiacciante aggressione di un adulto su un clochard che, gettato a terra, non trova l’aiuto di nessuno e mostra l’indifferenza di chi vede e tira dritto.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/08/2018 09:23:00
Bullismo e disimpegno morale
Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

15/03/2018 09:16:00
Bullismo, i segnali per i genitori Cosa può fare un genitore per aiutare un figlio preso di mira e vessato dai bulli? Come capire che il ragazzo è vittima di soprusi?

01/07/2018 08:20:00
Il bullismo a scuola La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo

19/08/2018 08:33:00
Le bulle Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...



Altre da Genitori e Figli
21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente 

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

31/03/2019

La famiglia adultescente

Al di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare, soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società 

26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia