Skin ADV
Mercoledì 26 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Gallipoli

Gallipoli

di Beatrice Folini



24.06.2019 Valsabbia Provincia

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

26.06.2019 Gavardo

25.06.2019 Gavardo

24.06.2019 Val del Chiese

24.06.2019 Roè Volciano

24.06.2019

24.06.2019 Gavardo Valtenesi

25.06.2019 Salò Garda



15 Aprile 2019, 08.43

Blog - Genitori e figli

Comunicazione digitale e mondo capovolto

di Giuseppe Maiolo
Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

Per contro però le interazioni comunicative
non sembrano migliorate e quell’esistenza “liquida” ci rende instabili e incerti.

È in aumento il senso di precarietà come pure l’insicurezza delle nostre competenze. Gli adulti sembrano meno adulti e i giovani meno bisognosi di loro per crescere. Una recente ricerca ha messo in evidenza che fino a 9-10 anni i bambini chiedono informazioni ai genitori, poi hanno Google a cui attingere e non domandano più nulla a loro, perché hanno capito che non sanno e si arrangiano.

In casa, allora, si parla sempre di meno e la famiglia sembra avvolta in uno spaventoso silenzio che è assenza di parola ma anche di regole e autorevolezza. La comunicazione digitale è stata normalizzata e percepita come modalità di reale interazione tra gli individui, senza pensare che questa assolve solo una parte del compito comunicativo, in quanto è parola senza corpo, senza gesti né sguardi. Connessi continuamente e legati gli uni agli altri come da un infinito cordone ombelicale giovani e adulti, stanno uno a fianco all’altro, vicini vicini, collegati con il mondo intero, ma non si vedono, né si ascoltano. Spesso non si capiscono.

È in atto una nuova forma di trascuratezza collettiva. La rivoluzione è dunque quella delle relazioni, del modo di stare insieme e delle interazioni tra gli esseri umani. La chiamiamo per questo “rivoluzione antropologica” in quanto interessa l’uomo e la costruzione dell’umano.
La tecno-liquidità pervasiva è da osservare, capire per poterla tenere sotto controllo, perché stiamo abitando un pianeta dove tutto sembra capovolgersi. Ad esempio i giovani e i giovanissimi ne sanno più degli adulti, almeno per quanto riguarda il funzionamento degli strumenti digitali, mentre i grandi utilizzano media inventati dai ragazzini e abitano un mondo costruito da loro e per loro.

I millennials influenzano tutti con i loro comportamenti.  Per esempio hanno l’abitudine di condividere immediatamente ogni cosa sui social. Mettono in comune quello che accade a loro senza alcuna elaborazione e questo modo di fare e di agire, ha come conseguenza quello di rendere superficiale e emotiva ogni esperienza.  Il contagio di questi comportamenti finisce per mutare un po’ in tutti il modo di vivere gli affetti. Così ora ci si ama non tanto per i sentimenti che ci legano e abbiamo in comune o per le cose che facciamo insieme, ma perché con lei o con lui proviamo forti emozioni. Quando ad un certo punto non se ne provano più, il rapporto si esaurisce e la relazione naufraga. 

Si cerca allora immediatamente un altro rapporto con lo stesso meccanismo che regola le relazioni sui social: tweettiamo con frammentaria intensità e con un semplice click azzeriamo tutto quando il rapporto ha smesso di essere adrenalinico. Contemporaneamente si apre una nuova “conversazione” affettiva!

Sempre di più stiamo costruendo la vita reale sulla falsariga di quella virtuale. E non sono i grandi a dare indicazioni di comportamento ai minori. Tutt’altro.  Perché loro, con una pericolosa collisione narcisistica, da tempo condividono con gli adolescenti quell’ acuto bisogno di visibilità che nei ragazzi fa parte del processo di individuazione. In fondo se gli adulti appoggiano l’idea che il successo nella vita si misura con il diventare popolari attraverso la rappresentazione continua della propria immagine, si allineano perfettamente con questo codice di comunicazione collettiva.

È evidente che affascinati da questi nuovi miraggi la vecchia generazione abbia poco da dire e pochissimo da trasmettere. Il pericolo al tempo delle rivoluzionarie trasformazioni tecnologiche, è quello di non tener fede al progetto educativo.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/09/2018 08:00:00
La famiglia liquida La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione

04/03/2019 09:06:00
Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri

28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


10/03/2019 14:27:00
Il cyberbullismo non è un gioco
Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti


10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro



Altre da Genitori e Figli
24/06/2019

WhatsApp, adescamento e pedopornografia

Stiamo perdendo la percezione del rischio. I bambini e gli adolescenti ne hanno poca o niente, ma questo è fisiologico. Gli adulti, invece, se poco competenti sulle nuove tecnologie digitali, sembrano sottovalutare i pericoli provenienti anche dall’utilizzo di un sistema di messaggistica come quello di WhatsApp, considerato sicuro

16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

29/04/2019

OMS, linee guida per l'infanzia

Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente  (1)

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia