11 Maggio 2020, 09.30
Blog - Genitori e figli

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

di Giuseppe Maiolo

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?


Domande che sento ovunque nelle ultime settimane e che mi hanno fatto molti, forse nella speranza che chi si occupa della psiche e dei suoi processi abbia risposte illuminanti e consigli pronto uso. Personalmente non ne ho, tranne una: non ritorneremo (non dovremo ritornare) più a quello che eravamo prima del coronavirus. E per fortuna.

Il verbo “ritornare” non è quello che ci serve.

Abbiamo bisogno di cambiare e trasformare forse tutto, perché l’improvvisa realtà della pandemia, il distanziamento sociale, la lunga prigionia e l’isolamento relazionale hanno modificato ogni cosa della nostra esistenza. In modo particolare hanno mutato profondamente i rapporti tra gli individui.

Dal momento che i contatti tra le persone sono destinati a restare limitati finché il virus non sarà scomparso, ci servirà una nuova riformulazione. Domande come: quanto ci possiamo affidare agli altri e quanto è pericoloso, fino a che punto ci possiamo avvicinare fisicamente e quando potremo tornare ad abbracciarci, ci chiedono di definire nuovamente chi siamo noi e chi è l’altro.

Perché, se ci pensiamo, è ormai lontano quell’estemporaneo sentimento di partecipazione esploso sui balconi all’inizio del lockdown con applausi, canti e entusiasmo collettivo. Quel clima si è dissolto e ora c’è la gran voglia di uscire e sentirsi liberi, l’impazienza di riprendere le abitudini di una volta, il piacere del contatto fisico, e insieme ci sono sentimenti diversi come la paura e il sospetto o la rabbia e l’aggressività per chi non rispetta le regole.

Quando ad esempio qualcuno si avvicina troppo a noi, entriamo in ansia, se non ha la mascherina ci inquietiamo. Ci salutiamo da lontano spesso con una certa diffidenza, quasi che anche da distante lo sguardo possa essere infettivo.

Di sicuro sarà l’allarme prolungato, la lunga angoscia del contagio a segnalare il malessere alimentato dal trauma collettivo, ma così capita di sentire chi dice “Quasi quasi non esco più” pensando alla pericolosità del mondo che potrebbe, stranamente, spingere a stare in casa.

Sintomo di un disagio che si profila all’orizzonte? Può essere. Di certo assomiglia molto al fenomeno dei ritirati sociali, cioè a quanto capita agli adolescenti che si chiudono in una stanza e restano in contatto col mondo attraverso i dispositivi digitali.

È inquietante. Ma ci deve far fare attenzione a cosa sta accadendo per capire il lungo processo di cambiamento che ci aspetta. Una trasformazione epocale che riguarda il piano educativo in grado di modificare non solo i comportamenti ma anche il modo con cui percepiamo l’altro e come sarà possibile sostenere il comune senso di responsabilità che servirà a salvare tutta la collettività.

Abbiamo bisogno di uscire dalla dinamica del “tutti contro tutti” che sembra dominante e sviluppare un processo educativo comune per noi e i nostri figli capace di contenere la competizione e l’agonismo e che miri invece alla cooperazione e alla collaborazione.

Dobbiamo con urgenza aiutare la famiglia e gli educatori, ma come suggerisce Cristina Verrocchio, docente di Psicologia clinica all’Università di Chieti, non con interventi spot sul come e cosa i genitori devono fare, perché i consigli “pronto uso” non servono. Anzi forse aumentano il senso di frustrazione delle famiglie più fragili e in difficoltà che faticano a gestire emozioni e sentimenti e impediscono di cercare aiuto per sé e i figli quando necessario.

Al contrario, c’è bisogno di dare ai genitori strumenti di sostegno, prevenzione e azioni psicologiche adeguate, ben strutturate per mitigare lo stress emotivo che, una recente ricerca dell’Università, rivela essere presente nell’83% degli intervistati.


Vedi anche
08/04/2020 08:00:00

Coronavirus e genitori separati C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

26/04/2020 12:00:00

Il gioco come via d'uscita all'angoscia Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

02/03/2020 09:40:00

Una filastrocca contro il virus In questo momento non c’è solo il Coronavirus da fronteggiare. C’è piuttosto la paura, che per certi versi contagia molto di più

29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.