Skin ADV
Lunedì 20 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



17 Dicembre 2017, 16.15

Blog - Figurine di provincia

Il ritardatario

di Luca Rota
Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

Da piccolo,
sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi. Il primo era quello di Oliver Bierhoff, punta tedesca dell’Ascoli (poi di Udinese e Milan), divenuto famoso per il golden gol nella finale Europea del ‘96. Il secondo, a mia opinione “straniero”, era Dario Hübner, centravanti del Cesena e goleador onnipresente nella classifica dei cannonieri.

I due nomi risaltavano proprio perché ai tempi, non era possibile per le squadre cadette, acquistare calciatori stranieri. Se la presenza di Bierhoff era dovuta al fatto che in B vi era retrocesso la stagione precedente con i marchigiani, quella di Hübner invece, era dovuta al fatto che italiano lo era al 100%, per la precisione triestino, con trascorsi in C a Fano dove si era persino laureato capocannoniere.

Approda in Romagna già venticinquenne, e vi trascorre un buon quinquennio che lo vede andare sempre in doppia cifra. Nella stagione 95/96 riesce addirittura a bissare quanto già fatto a Fano, laureandosi principe dei marcatori della B con 22 reti. Sembrerebbe si tratti di un buon e prolifico centravanti di categoria, destinato ad una tranquilla pensione tra i cadetti e niente più.

Al termine della stagione successiva però, il Bisonte (soprannome guadagnato proprio ai tempi del Fano) si ritrova ad un bivio, quando il suo Cesena retrocede amaramente in C. O è la svolta della sua carriera, o l’inizio del declino per chi ormai lo identifica solo col bianconero romagnolo.

Succede così che a Settembre, nella prima giornata di A, lo troviamo titolare con la maglia del Brescia a San Siro, contro l’Inter di Ronaldo. Si tratta del suo esordio. Hübner ha trent’anni e va subito in gol (soltanto la spettacolare doppietta di Recoba nei minuti finali gli negherà la gloria). A fine stagione le sue marcature saranno 16, ma le rondinelle ritorneranno in B. Lui però non esiterà a seguirle, riportandole nella massima Serie a suon di gol. Il suo premio, oltre alla promozione, sarà quello di giocare in coppia con Roberto Baggio nella stagione 2000/2001.

Gli anni nel frattempo sono diventati 33, mentre lui sulle spalle porta la numero 29, ed in campo fa a spallate coi marcatori più temuti di A ed Europa, guadagnandosi a pieno merito la loro stima. Due anni più tardi vincerà la classifica dei marcatori (segnando 24 reti) a pari merito con Trezeguet. La differenza tra i due però, la fanno le squadre di appartenenza. Lui segna per il Piacenza (quello tutto italiano), dove si è trasferito dopo la parentesi bresciana, mentre il francese è la punta di diamante della corazzata Juve. Fate un po’ voi.

Diventa così insieme ad Igor Protti, l’unico calciatore ad aver vinto la classifica dei cannonieri di tutte e tre le serie professionistiche italiane. Hübner è un bomber di razza, spietato sottoporta e affidabile nelle situazioni più difficili. Uno al quale nessun allenatore ha mai potuto negare “grappino e sigaretta prima di ogni match” (la confessione è di Andrea Agostinelli che lo ha allenato proprio a Piacenza).

Il Bisonte diventa così dopo Cesena e Brescia, l’idolo della tifoseria piacentina, ed il titolo di re dei cannonieri gli vale il pass per la tournée estiva negli States col Milan di Ancelotti. L’anno successivo ne farà altri 14, ma gli emiliani retrocederanno, nonostante con tale cifra lui diventi il marcatore più prolifico di sempre della loro storia.

Gli ultimi gol
nella massima Serie li segna a Perugia, a trentasette anni, dopo un semestre a secco nell’Ancona. A fine stagione gli umbri retrocederanno, e lui deciderà di tornare alle origini, in C, per riportare nella serie cadetta l’ambizioso Mantova. In seguito continuerà a segnare, anche se nelle serie dilettantistiche, dove a quarantaquattro anni, sempre da buon ritardatario, dirà basta.

Mica poco
per uno che, nonostante gli approdi in ritardo, ha sempre fatto più che bene quello che sapeva fare meglio: i gol. Perché Dario Hübner è stato un attaccante di quelli che vedono la porta come pochi. Un ritardatario certo, ma col vizio del gol.. e del grappino (con annessa sigaretta) pre-partita, che magari non sarà salutare per quel concerne l’attività agonistica, ma se il risultato sono oltre trecento gol nelle serie professionistiche, beh fate un po’ voi.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

04/06/2018 09:25:00
Il dandy Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

24/01/2018 09:00:00
L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 



Altre da Blog - Figurine di provincia
17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

25/07/2018

Un americano a Padova

Se si parla di "Un americano a Roma", subito ci viene in mente l'Alberto Sordi del celebre film di Steno. Se invece il tipo a stelle e strisce si trova "a Parigi", l'attenzione di colpo cadrà sul musical di Vincent Minnelli. Quando invece si tratta di un americano a Padova… 

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

22/05/2018

Un grande capitano

Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

19/04/2018

Le petit Zidane

Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese

08/04/2018

Il toro di Sora

Napoli e il sole della stupenda Campania; Afragola per togliersi i denti da latte e “sconfinare”, in quel di Sora. Un amore, un rapporto indissolubile tra una città ed un uomo. Lui è Pasquale Luiso, professione centravanti

01/04/2018

Vite spericolate

Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018

Made in Italy

C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia