17 Novembre 2022, 07.00
Pertica Alta Valsabbia Provincia
Amministrazioni

Pnrr, i timori dei Comuni, l'appello ai parlamentari bresciani

di Cesare Fumana

I parlamentari bresciani si faranno portavoce delle problematiche dovute alla burocrazia dei progetti del Pnrr che stanno mettendo in difficoltà i Comuni, come richiesto dall'Acb


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



L’Acb, l’Associazione comuni bresciani, ha promosso nei giorni scorsi un incontro fra i sindaci e amministratori locali e i parlamentari bresciani per renderli edotti delle difficoltà dei Comuni, in particolare i più piccoli, ad attuare i progetti del Pnrr dei quali sono stati destinatari, ma che rischiano per diversi motivi di perdere se non realizzati entro il 2026.

All’incontro erano presenti anche i rappresentanti degli ordini professionali della provincia, geometri, ingegneri, architetti, e i rappresentanti dell’Ance, l’associazione dei costruttori.

All’incontro a Brescia hanno preso parte anche il sindaco di Pertica Alta nonché presidente della Comunità montana di Valle Sabbia, destinatario di 18,5 milioni di euro per il progetto Pnrr legato a Livemmo, e il deputato valsabbino Gian Antonio Girelli.

Ad illustrare le problematiche dei Comuni è stata la presidente di Acb, Cristina Tedaldi, sindaca di Leno: «Il Pnrr è un’occasione unica importantissima, ma che rischiamo di perdere se qualche correttivo non viene apportato e se non vengono supportate le pubbliche amministrazioni, a partire dagli enti più piccoli che sono quelli sicuramente più in difficoltà».

«Le problematiche per i Comuni piccoli, medi e grandi sono le stesse - prosegue la presidente -: su tutte le burocrazia, i passaggio autorizzativi con diversi enti, in particolare con la Soprintendenza, ma anche la mancanza di personale tecnico, il costo dei materiali delle materie prime, la mancanza di ditte che partecipano ovviamente alle gare d'appalto, la mancanza del personale nei comuni con le qualifiche e con la professionalità necessarie per gestire i bandi del Pnrr che da un punto di vista di procedure burocratico è molto più complicato e complesso di un qualsiasi altro bando o di un qualsiasi altro strumento che siamo abituati a gestire noi come amministratori».

Da parte dei rappresentanti degli ordini dei geometri degli ingegneri degli architetti, così come da parte anche i costruttori di Ance c’è la disponibilità a lavorare un patto per il territorio Bresciano in cooperazione con i vari enti.

L’appello è stato accolto dai parlamentari bresciani
appena eletti, unanimi nella volontà di fare rete a favore del territorio e di portare queste istanze a Roma.

Per superare queste difficoltà basterebbe «poter utilizzare, all’interno di questi bandi che si vincono, parte dei fondi per le consulenze esterne», precisa la Presidente Acb.

L’altro grande problema è legato alle tempistiche: «È vero che l’Europa ha stabilito che le opere devono essere ultimate nel 2026, ma doverle avere già appaltate nella primavera diventa assolutamente impossibile in certi casi e a fronte di queste condizioni di partenza» evidenzia Tedaldi. Che aggiunge: «Chiediamo di rivedere, da qui al 2026, una scaletta diversa di questo cronoprogramma, altrimenti rischiamo di non farcela. Molte volte ci sono bandi che riguardano più ministeri e riceviamo risposte differenti da un dicastero all’altro. Serve perciò anche un coordinamento maggiore: si perdono settimane solo per ottenere delle risposte necessarie per procedere».

A questo, si somma il problema della Soprintendenza: «Ha 120 giorni di tempo per fornire un parere, che equivalgono a quattro mesi e sono insostenibili: crediamo che non tutti gli immobili che hanno superato i settant’anni necessitino davvero del parere dell’ente».

Insomma, per l’Associazione comuni bresciani, «le possibilità di mettere mano e fare un po’ di ordine a nostro avviso ci sono, senza – specifica Tedaldi - andare a urtare l’impalcatura del Pnrr e il traguardo del 2026».



Vedi anche
09/10/2022 09:00

Incontro con i parlamentari bresciani eletti Sono 14 le associazioni territoriali di categoria che hanno partecipato, approfondendo con i parlamentari bresciani eletti la piattaforma di idee e proposte condivise lo scorso 16 settembre, prima delle elezioni

21/07/2013 08:00

Incontro Aib e Parlamentari per il rilancio del sistema Brescia Primo di una serie di incontri in Associazione Industriale Bresciana tra la Presidenza di Aib e i Parlamentari bresciani

08/11/2022 08:35

Progetti Pnrr, difficoltà a reperire il personale È il grido d'allarme che giunge da Livemmo ma che riguarda anche altri progetti legati ai programmi del Piano nazionale di ripresa e resilienza

04/04/2007 00:00

Cavalli scrive ai parlamentari Il presidente della Provincia scrive a tutti i parlamentari bresciani per sbloccare la Vobarno-Sabbio, auspicando un’azione comune.
Parolini: Ho proposto ad Anas il bando condizionato per accelerare i tempi.

03/05/2011 10:30

Comuni di confine, Molgora garante Il presidente della Provincia si far portavoce delle istanze dei comuni nell’Organismo di indirizzo che vaglier i progetti.




Altre da Pertica Alta
25/11/2022

A Livemmo tornano i Mercatini natalizi

In occasione della festa patronale di S. Andrea, le piazze della frazione di Pertica Alta si animano con le luci e i colori delle feste

19/11/2022

Botteghe di montagna, una rete con il territorio

Mantenere e rafforzare i legami tra popolazione e territorio nel progetto del Gal GardaValsabbia dedicato alle attività commerciali nei piccoli borghi montani

08/11/2022

Progetti Pnrr, difficoltà a reperire il personale

È il grido d'allarme che giunge da Livemmo ma che riguarda anche altri progetti legati ai programmi del Piano nazionale di ripresa e resilienza

08/11/2022

Piccoli borghi: come sta andando a Livemmo?

Una scommessa che vale per Livemmo come per tutta la montagna: 18,5 milioni di euro in infrastrutture, occasioni di lavoro, sostegno alla resilienza. Come sta andando? L’abbiamo chiesto al sindaco Flocchini. VIDEO

21/10/2022

14 milioni contro lo spopolamento

Il presidente Attilio Fontana ha visitato la Valsabbia e il Garda, presentando il piano "Aree interne" che intende fornire servizi adeguati e più vicini per contrastare lo spopolamento della montagna

10/10/2022

L'anelito di libertà dell'umanità

Nell’intervento della studentessa dell’Istituto Perlasca di Idro il filo diretto fra la lotta che un tempo animava i Ribelli per amore e che oggi spinge alla ribellione le donne in Iran

10/10/2022

Sui monti ventosi per raccogliere il testimone dei Ribelli per amore

Partecipata cerimonia in ricordo dei partigiani caduti della Brigata Perlasca questa domenica a Barbaine di Livemmo

08/10/2022

Rasta, recuperato a 15 metri di profondità

Il salvataggio da parte del personale Saf dei Vigili del fuoco, in un buco fra Livemmo e Belprato

07/10/2022

A Barbaine per rinnovare gli ideali della Resistenza

Domenica a Livemmo di Pertica Alta l’annuale appuntamento per ricordare i Caduti della Brigata “Perlasca” delle Fiamme Verdi

05/09/2022

Festa della Transumanza e porte aperte

Malga Casine, con il patrocinio del Comune di Pertica Alta, organizza un week end all’insegna della riscoperta delle tradizioni e della vita in malga