17 Febbraio 2021, 08.51
Vobarno
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

Un ponte veneziano in Valsabbia

di Alfredo Bonomi

Chi transita per Vobarno non può fare a meno di notare l’eleganza del grande e robusto ponte, costruito sul Chiese al centro del paese


Il ponte non è soltanto bello, un dato questo inconfutabile, non solo richiama il ritmo architettonico di quelli di Venezia, la doviziosa capitale alla quale ha fatto riferimento il paese per quasi quattrocento anni, ma c’è di più.
Idealmente ed anche praticamente, è una sintesi storica che richiama il “feudo di Vobarno”, prima imperiale e poi vescovile, e la pieve che ne ha acquisito i diritti e che è da annoverare tra quelle più antiche della diocesi bresciana.

Il ponte è posizionato al centro del paese, in un punto strategico dove, sin dai tempi dei romani, giungeva la strada che, dall’attuale Pompegnino, attraversava l’”agro”, la piana agricola preziosa per gli abitanti di allora.
Prima della costruzione del ponte, i viandanti attraversavano il fiume con guado nel punto meno pericoloso. Lo sviluppo del feudo e poi della “corte vescovile” che ne ha ereditato i benefici, richiedeva però un centro con un ponte adeguato.

Esso immetteva nella “corte feudale”, passata nei sec. X o XI sotto la giurisdizione del vescovo di Brescia. Comprendeva la pieve di S.Maria, il battistero di S.Giovanni, un molino con tre ruote, una fucina, la casa “domenicale”, la potente torre, ora campanile della parrocchiale, altre dimore legate alle esigenze della “corte”.
Si accenna anche a presenze “più umili”, ma indispensabili, come quella di un calzolaio e di un tessitore. Il tutto reso più sicuro da mura che, dopo aver cinto il borgo, si raccordavano alla rocca posta sulle aspre pendici del monte Cingolo.

Vobarno, con la sua pieve, era luogo strategico per i collegamenti con il nord, attraverso la Degagna, o seguendo la via di fondovalle verso Sabbio.
Il paese aveva quindi anche un ruolo militare, oltre che essere significativo dal punto di vista religioso. Era pure punto di partenza per gli svaghi della caccia praticata dai potenti di turno, fossero religiosi come il vescovo oppure laici.
Da Vobarno si spostavano nella valle della Degagna, sui monti verso Treviso, o su quelli più alti che dividono il territorio valligiano da quello del lago di Garda, essendo queste zone ricche di selvaggina.

Gli abitanti più umili pagavano la protezione vescovile, oltre che con i tributi tipici di un feudo, anche se non eccessivamente gravosi, con l’obbligo di intervenire alle battute di caccia per compiere mansioni, anche pericolose, per rendere più facile l’abbattimento degli animali cacciati.

Tornando al ponte, in questo scenario, si comprende bene la sua essenziale utilità. Il guado del fiume infatti venne reso più facile con la costruzione di un ponte fatto con legname appositamente predisposto.
L’obbligo di fornitura del legname non riguardava solo le quattro “Deganie” che componevano la pieve, quella di Piano, cioè l’attuale Vobarno, quella di Prandaglio, quella di Carvanno e quella di Teglie, ma anche comunità più lontane perché traevano beneficio dal ponte e dalla strada, indispensabili per i commerci.

In un documento del 1300, conservato in un registro della “Mensa” dell’archivio vescovile di Brescia, intitolato “Possessioni e affitti in Vobarno nell’anno 1300”, si citano i paesi di “Provalio” (Provaglio V.S.), “Lyani” (Liano), “Ano” (Capovalle), Ydro (Idro), “Aestino” (Valvestino). Tutte queste comunità dovevano concorrere in maniera ben definita a mantenere in ordine il ponte e soprattutto idoneo al passaggio delle persone e dei carri.

Con il trascorrere del tempo però il ponte in legno risultò inadeguato, oltre che poco decoroso per il complesso della “corte vescovile” e per il paese che andava acquistando un ruolo sempre più marcato.
Nel 1575, in pieno periodo veneto, nei dibattiti pubblici, si fece presente la necessità di un ponte “in preda”.
Dall’idea alla costruzione trascorse poco tempo. Il 27 novembre del 1581 risultava già terminato in perfetto stile veneziano. Ad una sola campata ribassata, assai robusto, tanto da sopportare la tremenda alluvione del 28 giugno 1587.

E’ da questa data che il ponte sfida il tempo e la forza dell’acqua ed è ancora da questa data che ha visto l’evolversi della vita religiosa, economica e sociale di Vobarno.

E’ stato, ed in parte lo è ancora, il decoroso collegamento tra il “cuore antico” del paese, con una storia non di poco conto, e l’espandersi delle costruzioni “oltre il ponte”, specialmente a partire dalla seconda metà del 1800, con il notevolissimo sviluppo industriale del paese.

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:

Vedi anche
09/03/2021 10:27

La valle dell’Agna, storicamente nota come «la Degagna» A Vobarno, quasi al centro del paese, sulla destra per chi viene da Brescia, l’acqua del torrente Agna si mescola a quella del Chiese..

17/09/2010 12:00

Quando arrivavano le cartoline Finisce l’estate, non molto tempo fa i preparativi della scuola si mescolavano alla raccolta delle cartoline ricevute da amici e compagni dalle varie sedi vacanziere.

02/02/2021 18:56

Una «cerniera di bellezza» C’è un luogo dal quale si può cogliere “stampata” nel bellissimo paesaggio la storia di una comunità che oggi si identifica nel Comune di Roè Volciano e che ha radici lontane...




Altre da Vobarno
14/05/2021

Un'aula intitolata a Massimiliano Amolini

A ricordo perenne del giovane, venuto a mancare di recente dopo trent’anni vissuti a letto a causa di una tetraplegia irreversibile, un’aula della Scuola materna di Carpeneda di Vobarno

02/05/2021

L'altra campana

In merito alle vicende che riguardano la rotonda tanto attesa di fronte all'Itis di Vobarno, riceviamo e pubblichiamo anche la posizione del consigliere di minoranza Ernesto Cadenelli

02/05/2021

Il punto sulla rotonda dell'Itis

Se ne discute ormai da anni, a Vobarno, ma senza che i lavori per realizzare la rotatoria - indispensabile vista la pericolosità di quell’incrocio - possano iniziare. Il punto della situazione

28/04/2021

Ciao e buon cammino, Betty

Dal gruppo “Facciamo Rivivere Vobarno” un caloroso saluto alla “Parrucchiera Betty” di Elisabetta e Mariangela Gobbini, che dopo ben 41 anni di attività appende le forbici al chiodo

27/04/2021

Da Vobarno con «Bella ciao»

Per noi a Vobarno alla cerimonia del 25 aprile c'era Mario Pavoni. Ci regala, della Resistenza vobarnese, anche un piccolo aneddoto che riguarda la sua famiglia

26/04/2021

Andrea Mabellini e Virginia Lenzi conquistano il Rally Prealpi Orobiche

Il pilota valsabbino dopo essere rimasto in testa la prima giornata si ripete anche nella seconda facendo sua la 35esima edizione del rally organizzato da Aci Bergamo

25/04/2021

Rally Prealpi Orobiche, Mabellini-Lenzi in testa

Nella prima giornata di gara comandano il vobarnese Andrea Mabellini navigato da Virginia Lenzi su Skoda Fabia R5

22/04/2021

Vobarno celebra la Liberazione

In programma per il 25 Aprile quattro cerimonie, nel capoluogo e nelle frazioni, in presenza di rappresentanze di associazioni e forze dell'ordine ma senza la popolazione, per evitare assembramenti

20/04/2021

Ponchiardi quarto al «Palme» in Liguria

Ottima prestazione lo scorso fine settimana per il pilota valsabbino che si è piazzato quarto assoluto in classe N2 con la piccola Citroen Saxo

19/04/2021

«Lo Stato delle Cose» in uscita su YouTube

Esce oggi il singolo interpretato dal cantautore David M, firmato anche dalla vobarnese Sara Nolli