11 Agosto 2017, 09.59
Vobarno
Lettere

Ancora sulla Irene Rubini Falck

di Pierenzo Faberi

In merito alle questioni ancora aperte sulla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, ci scrive anche l'ex presidente Pierenzo Faberi. Pubblichiamo volentieri


Ho letto un breve comunicato stampa sul quotidiano locale “Bresciaoggi” del 2 Agosto 2017 nel quale si afferma che “la Fondazione Falck di Vobarno è l'aggiudicataria temporanea per la gestione dell'ex residenza per anziani le Farfalle di Manerba”.
La notizia così come pubblicata mi lascia alquanto perplesso.

L'importo della base d'asta iniziale è di 1 milione e 170 mila euro per nove anni a cui, mi sembra di capire, si aggiunge l'1% dell'offerta al rialzo, con opzione per altri nove anni.      

La mia perplessità non è tanto dovuta all'importo, anche se considerevole, quanto al modo con cui arrivano queste notizie e alle domande che ne conseguono e che restano in attesa di risposte.
Quali sono gli obiettivi, le finalità di un investimento del genere? Quali vantaggi porta e porterà alla Fondazione Falck e alla comunità vobarnese? La gente di Vobarno ne sa qualcosa o sta subendo passivamente le decisioni di chi è appena arrivato e forse non conosce la nostra realtà?

Ho lasciato la Fondazione da tre anni ormai e ho sempre ritenuto opportuno non intervenire per rispetto del lavoro degli altri.
Ora ci troviamo di fronte a una decisione preconfezionata che forse poche persone conoscono. Eravamo abituati a confrontarci, a discutere proposte, iniziative, progetti, specialmente se comportavano impegni di un certo valore.

Non ho nessuna intenzione di far polemica, vorrei solo capire se ciò che è frutto di un impegno collettivo e pluriennale, costituito con pazienza e tanta buona volontà di tutti coloro che hanno vissuto la realtà della nostra Casa di Riposo (ospiti, familiari, parenti,volontari, personale e amministratori), viene utilizzato responsabilmente per il bene degli ospiti di oggi e di domani della nostra Fondazione.
Se è così ne sono ben felice.

Sono convinto però che la Fondazione è patrimonio della Comunità vobarnese e quindi gli investimenti, con i soldi di Vobarno, si devono fare a Vobarno per ampliare e migliorare i servizi a favore delle persone fragili e bisognose.
Forse mi sbaglio, ma allora fatemi capire dove sbaglio e perché.

Quando abbiamo concluso il mandato in Fondazione nel mese di luglio del 2014, oltre ad un consistente deposito bancario di circa un milione e mezzo di euro (che nel corso di questi tre anni è stato raddoppiato, nonostante ci fosse chi ci accusava di voler fare utili, ma sappiamo bene che buona parte derivano dagli accantonamenti per TFR e per ammortamenti), abbiamo lasciato incompiuta una parte del progetto datato 2009, discusso, condiviso e presentato in vari incontri alla popolazione, che prevedeva due fasi:

-  la prima è stata realizzata dal 2010 al 2012: ospita l'attuale centro diurno, il nucleo sole e quello delle cure intermedie (ex post-acuti che assicura alla Fondazione un contributo annuo di 860.000,00 euro dopo una laboriosa ed impegnativa sperimentazione durata due anni);

-  la seconda, quella incompiuta a causa della impossibilità (allora) di demolire i rustici perché vincolati dalla Sovrintendenza.
Ma il progetto c'era e c'è ancora se lo si vuol considerare.

Ora mi chiedo perché si scopre tutto a cose fatte e non coerenti con quanto progettato a suo tempo?
Ci si rende conto che con la disponibilità finanziaria attuale si può costruire qui a Vobarno un nucleo di residenzialità per anziani?   
Ci siamo dimenticati che il primo nucleo della struttura è stato costruito con il determinante contributo della popolazione e grazie all'impegno dei volontari che, dopo aver suddiviso il paese per zone, frazioni comprese, raccoglievano casa per casa le quote necessarie per il pagamento delle rate semestrali del mutuo?

L'Amministrazione Comunale, maggioranza e minoranza, cosa ne pensa?
Cosa ne pensano gli amici volontari e tutte le associazioni che operano in Vobarno e contribuiscono alla soluzione dei tanti problemi sociali dei vobarnesi?

Mi rendo conto che c'è il rischio di sollevare un “polverone” come si suol dire, ma sono sicuro che una corretta informazione possa giovare a tutti e credo che un sereno e ponderato confronto sia necessario anche per il bene della nostra Fondazione che ha sempre riscosso apprezzamenti e stima per il suo operato: dagli abitanti, dagli ospiti, dai familiari, dalle autorità e dagli Organi preposti alla Vigilanza e al controllo.

Resto in attesa di gradite spiegazioni e chiarimenti e con stima porgo cordiali saluti.       

Pierenzo Faberi



Commenti:
ID73277 - 11/08/2017 16:23:57 - (Prometeo79) - Risposte!

Sono domande a cui la Giunta deve dare assolutamente risposte... il pensiero che si stia svendendo il patrimonio accumulato e la Fondazione per soli interessi politici e di amicizia è ormai una certezza. Vorrei sentire la voce del Sindaco e soprattutto dell'Assessore Formisano, perchè fino ad ora ho sentito solo la minoranza provare a sollevare questioni e dubbi... Vogliamo risposte e, come dice Faberi, i soldi dei cittadini di Vobarno devono essere investiti a Vobarno. Se la Giunta non sa o non vuole dare risposte allora c'è una sola soluzione: tutti a casa! Sindaco e Assessore!

Aggiungi commento:

Vedi anche
28/06/2014 07:14

Il «testamento» del presidente Prossimo alla scadenza del suo mandato, Pierenzo Faberi, presidente della Fondazione Irene Rubini Falck, ha ripercorso a grandi linee le tappe del suo impegno. Una sorta di testamento

31/08/2020 12:29

«Una spiacevole situazione che merita opportune soluzioni» In merito alla bufera che sta investendo la Irene Rubini Falck di Vobarno, dice la sua anche Pierenzo Faberi, che ne è stato presidente per otto anni

15/07/2015 08:12

Porte aperte alla casa di riposo Di fronte all´imminente ritorno del caldo africano, la casa di riposo Irene Rubini Falck di Vobarno tende la mano agli anziani e a chi soffre l´afa

02/07/2014 06:58

Irene Rubini Falck Onlus, un plauso agli amministratori Caro Direttore, qualche giorno fa la Fondazione I.R.Falck- Rsa di Vobarno ha inaugurato il nuovo centro prelievi che subentra migliorandone la qualità e l'ambiente al vecchio centro comunale...

12/08/2014 07:21

Rubini Falck: nuovo Cda con polemica Accuse di incompetenza, di mancato rispetto delle regole democratiche e di inaffidabilità. Il rinnovo del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, voluto dalla nuova amministrazione comunale, sta creando non pochi malumori




Altre da Vobarno
11/06/2021

Frontale in galleria

Invade l’opposta corsia di marcia e si schianta frontalmente. In due all’ospedale, strada chiusa per ore fra le uscite in tangenziale di Vobarno e Carpeneda

02/06/2021

Un gazebo nel Parco della Salute

Ancora una volta un aiuto dagli Alpini Vobarnesi per la Fondazione I.R. Falck per consentire le visite dei parenti per gli ospiti della Casa di riposo

27/05/2021

Ora anche il sabato

Obiettivo: rendere un servizio ancora più completo alla popolazione. E il Punto Prelievi della Fondazione Irene Rubini Falck apre anche il sabato. Dal 5 giugno

26/05/2021

Ligasacchi vice di Nazione Futura Brescia

L’esponente politico vobarnese di Fratelli d’Italia sarà il vice responsabile del circolo culturale legato al partito di Giorgia Meloni

25/05/2021

Nando Vezzola ci ha lasciato

Per 26 anni è stato presidente dell'Anpi di Vobarno, portando la testimonianza dei partigiani nelle scuole

25/05/2021

Droga, un arresto e due denunce

Sono quelli messi a segno dai Carabinieri della stazione di Nuvolento che hanno intercettato un’attività di spaccio fra la media e la bassa Valle Sabbia

24/05/2021

Fondi per le riserve naturali

Anche quelle valsabbine beneficeranno dei contributi regionali per interventi di riqualificazione, conservazione e manutenzione di questo patrimonio ambientale

24/05/2021

Michele Bertoletti conquista l'Elba a tappe

Un grande risultato per forte atleta di Vobarno, portacolori della Libertas Vallesabbia, la prima per un atleta lombardo nella corsa a tappe sull'isola toscana. Orgoglio bresciano e valsabbino

20/05/2021

Tampona poi finisce nella seriola

Grave con l’eliambulanza al Civile un motociclista 27enne, dopo che è stato ripescato dai Vigili del fuoco dalle gelide acque del Chiese, a Vobarno

20/05/2021

Street Art a Vobarno con «Ericailcane»

Le pareti del Campo sportivo si trasformano in un'opera d'arte che parla di ambiente grazie al noto street artist