02 Novembre 2021, 06.59
Vestone Pertica Alta Valsabbia
Lettere

Quale riconciliazione?

di Valsabbin* Refrattar*

«Abbiamo appreso nei giorni scorsi del convegno promosso dall’associazione amici della storia di Vestone dal titolo “Paolo Giacomini: una giovane vita spezzata per amor di patria”...»


Si è svolto sabato 30 ottobre a cavallo degli abitati di Belprato e Vestone.
La celebrazione ha proposto la deposizione di una corona al monumento ai caduti a Belprato, dove è presente anche il nome del Giacomini, e continuerà all’auditorium di Vestone con i vari interventi del convegno.

Già in passato abbiamo scritto del rapporto che intercorre tra storia e memoria, alcuni degli articoli sono stati raccolti nell’omonima sezione di questo giornale (https://www.vallesabbianews.it/dossier-it/Storia-e-Memoria.html) e anche in questa occasione vogliamo evidenziare, pur non descrivendo cosa è stata la X-mas, la repubblica sociale, il battaglione Fulmine o la figura di Paolo Giacomini povero figlio del suo tempo, quale sia il subdolo tentativo di imporre una nuova narrazione dietro a quel periodo storico.

Sotto la magica parola di riconciliazione, utilizzata da uno dei relatori per la presentazione del convegno, c'è il chiaro intento di far passare dinamiche di pacificazione rispetto a quel periodo e a quei fatti che non possono esistere (ad esclusione della morte,livella sociale, che ha coinvolto anche il Giacomini), soprattutto se l’analisi e il racconto storico derivano da una propaganda tanto subdola quanto gretta.

Oggi tutta questa grettezza la troviamo in manifestazioni come quella di Vestone
ove la retorica militarista vuole celebrare quel periodo e i suoi eroi quali “eroi a prescindere”, quindi rimuovendo ogni necessario giudizio storico; italiani che dopo l’armistizio del ‘43 si schierarono con la dittatura e i nazisti contro altri italiani quali erano i partigiani o i civili da loro ammazzati.

La vediamo in molte parole e celebrazioni per il centenario del “Milite Ignoto” (introdotto proprio da un sovrano per imbonire il proprio popolo mandato al massacro senza scrupoli) ove non si celebra la vittima per eccellenza di ogni guerra, ovvero l’umanità massacrata ed abbruttita, ma la figura del “servitore”, di cui si sottolinea l’indubbia italianità, mandato a morire per un astratto “interesse nazionale”, per una “gloria” che è solo quella di chi manda a rotoli il mondo in quanto incapace di guardare ad esso se non con sguardo predatorio.

Come è possibile assistere ancora a questa retorica, prettamente militarista e nazionalista (il feticismo per le armi è solo la punta di questo iceberg), che solleva la guerra e le sue “gesta”, definite sempre eroiche, da ogni giudizio di merito, di contesto, di valutazione etica e per chi si professa credente, da imperativi morali?

Come non stigmatizzare chi vuole assolvere le “gèsta militari” anche quando era dalla parte sbagliata o veniva imposta alle proprie genti abituate al lavoro e desiderose di vivere in pace?

 Come non sottolineare la schizofrenia dalle associazioni d’arma quando avallano parole come “servire la Patria” o “morire per amor di Patria” che intenzionalmente vengono pronunciate da questi “relatori” in modo strumentale?

Quale idea di patria hanno queste associazioni d’arma presenti col loro simbolo sulla locandina e con la loro presenza al convegno.
Quella della Xmas e della Repubblica Sociale per cui Giacomini è morto o un’altra?

Sarebbe interessante saperlo in considerazione della loro presenza alle numerose commemorazioni partigiane o al “culto” di Mario Rigoni Stern che dopo la Russia fu deportato nei campi di sterminio in Germania dove vi stette due anni.

Siamo di fronte, ancora, ad una intollerabile propaganda che si appoggia ad un becero militarismo che per sua natura è nazionalista, che per esistere necessita di porre popoli contro popoli e che trova origini nella manipolazione dei cittadini, in primis intorbidendo con falsità la memoria storica collettiva.

Difendiamoci da queste retorica, da questa narrazione tossica e falsa, che rimuove ogni responsabilità etica e storica della guerra stessa, le responsabilità collettive e dei singoli e con queste mistificazione confonde vittime e colpevoli, attaccando queste falsità con l’unica verità storica: l’opera del fascismo e dei fascisti prima, durante e pure dopo la seconda guerra mondiale è un crimine e che non può in alcun modo essere oggetto di alcuna riconciliazione.

Valsabbin* Refrattar*



Commenti:
ID82736 - 02/11/2021 21:01:02 - (Leretico) - L’Italia è un paese senza verità

In nome del nuovo ordine del mondo, appena finita la seconda guerra mondiale, in Italia l’individuazione dei colpevoli di crimini avvenuti durante il ventennio di regime fascista e soprattutto durante il periodo della RSI, è stata bloccata lasciandoci senza verità e, soprattutto, senza condanne. Questa grave mancanza ha permesso al fascismo, ormai nel dna degli italiani, di nascondersi sotto traccia per decenni, pur vivendo ancora nella società e nelle istituzioni sotto mentite spoglie , e di riemergere recentemente con nuove persone che dicono ancora le stesse cose che dicevano allora. Non sono contrario a che si racconti la storia, i fatti. Sono contrario al revisionismo che cerca di cancellare le colpe attraverso omissioni e narrazioni fuorvianti. È il tipico atteggiamento delle persone che per giustificare la loro fede nella parte peggiore dell’uomo, minimizzano le tragedie del passato che da quella fede sono derivate.

Aggiungi commento:

Vedi anche
28/10/2021 07:21

Il soldato Giacomini Questo sabato fra Belprato e Vestone, nel segno della “riconciliazione”, il ricordo di Paolo Giacomini, inquadrato nella X Mas, caduto sul confine slavo il 19 gennaio 1945 

03/11/2021 07:14

«Meglio un profilo sobrio» Con riferimento alle considerazioni di "valsabbino refrattario" a proposito della serata all'Auditorium di Vestone di sabato 30 ottobre ritengo di dover fare alcune precisazioni

12/09/2017 16:24

I sentieri della Resistenza Questa domenica a Forno d’Ono un interessante incontro sui sentieri della Resistenza in Valle Sabbia, la presentazione dei lavori di riqualificazione, con la partecipazione del partigiano Aldo Giacomini

30/06/2016 07:00

Tornano i segni sul sentiero di Emi e Fabio Volontari al lavoro sui sentieri della Resistenza, quelli raccolti nel volume “Sui monti ventosi” curato da Aldo Giacomini. Questa volta a Pertica Alta

28/11/2015 14:30

I 90 anni di Aldo Giacomini Sarà festeggiato questa domenica, con l’inaugurazione di un nuovo cartello del sentiero intitolato alla Brigata delle Fiamme Verdi "X Giornate", il compleanno del partigiano che ha ideato e realizzato i sentieri della Resistenza bresciana




Altre da Pertica Alta
09/12/2021

Un calendario che racconta

Nel lunario 2022 dell'associazione culturale "Riflessi di Luce" i fatti che hanno segnato l'evoluzione valligiana e perticarola

02/12/2021

Una panchina rossa a Lavino

Sarà inaugurata questa domenica pomeriggio nella frazione di Pertica Alta per iniziativa del gruppo Oratorio

28/11/2021

Mercatini annullati

A causa del maltempo i Mercatini di Natale previsti per questo pomeriggio a Livemmo sono stati annullati

26/11/2021

Tornano i Mercatini di Natale a Livemmo

Dopo la sospensione dello scorso anno, tornano domenica pomeriggio le tradizionali bancherelle con un momento di festa con gli zampognari

03/11/2021

«Meglio un profilo sobrio»

Con riferimento alle considerazioni di "valsabbino refrattario" a proposito della serata all'Auditorium di Vestone di sabato 30 ottobre ritengo di dover fare alcune precisazioni

(1)
31/10/2021

«Avevano, anche i belpratesi, ingrossato le fila di quei battaglioni»

Giuseppe Biati, presidente del “Centro Studi della Brigata Giacomo Perlasca delle Fiamme Verdi e la Resistenza Bresciana”, ci invia una riflessione sui tragici fatti che hanno fatto seguito all'8 settembre 1943. Pubblichiamo volentieri

07/10/2021

Omaggio ai Caduti della Brigata «Perlasca»

Puntuale la seconda domenica di ottobre torna l'appuntamento presso la chiesa di Sant'Andrea in ricordo dei "Ribelli per amore"

10/09/2021

La transumanza

A Odeno rivive una tradizione che si ripete ad ogni cambio di stagione. Un’occasione per valorizzare il lavoro in malga

04/09/2021

Il Rally 1000 Miglia sulle strade della Valsabbia

Oggi le sei prove speciali della competizione della freccia rossa lungo i tornanti della nostra valle. Ecco dove e quando