15 Maggio 2021, 07.00
Vestone Pertica Alta Valsabbia
La storia

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

di Giuseppe Biati

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare


Nei secoli scorsi, nella montagna valsabbina, le strade sottostavano, tutte o quasi, alla denominazione di “mulattiere”, sia quelle intercomunali, che comunali, consorziali e vicinali.
Non era difficile capire il perché, rivelato in toto dal nome stesso. Se non erano muli a percorrerle, con i loro conducenti, erano asini (rari i cavalli), capre e pecore, viandanti, commercianti, artigiani, contadini e boscaioli.
Tutti mossi da pratici interessi o dalla stessa permanenza in vita.

In quel di Prato,
comunello della più ampia Universitas Communis Pertichae Vallis Sabij, le mulattiere erano tutte comunali: intersecavano il territorio come utili e fitte ragnatele: quelle che andavano al mulino sul Tovere, quelle che portavano al forno fusorio, quelle della pineta alta di Passello e anche quelle di Sotto Aveno. Due erano, però, quelle fondamentali che congiungevano la Pertica con Nozza prima e con Vestone poi: di “Gruffo”, più in alto, e delle “Tenze”, che, più bassa, saliva i gradoni montani dalla cosiddetta “Val”.

Questa seconda strada (che ad un certo punto, appena prima della chiesetta di S. Bernardo, si congiungeva con quella di “Gruffo”), venne dal 1853 chiamata “strada delle campane”, per il fatto di aver permesso il trasporto di tre campane, dal suono argentino e squillante, a Prato, su un carro trainato da buoi, previo l’innalzamento e il consolidamento della torre campanaria ad opera dell’ingegnere vestonese Riccobelli.

La strada comunale di “Gruffo”
era la naturale prosecuzione di quella, anch’essa comunale, che proveniva da Livemmo.
“Gruffo” era la via privilegiata per i viandanti che si recavano, ogni primo lunedì del mese, al “mercato della Nozza”.

Fin dalle più antiche civiltà il luogo dello scambio (oggi chiamato mercato) rivestiva particolare importanza, non solo di carattere strettamente economico, ma soprattutto di rilevanza sociale e culturale.

Era tramite di realtà diverse che ivi convergevano per integrarsi e/o scambiarsi gli elementi complementari le une alle altre.
Notizie, dicerie, novità eventi erano raccolti, rimodulati, sintetizzati o ampliati, sempre raccontati e fatti correre di bocca in bocca, filtrare di orecchio in orecchio, per assumere contorni a volte immaginari, a volte crudi, mai aderenti al reale. Reale ne era la vita, con le più imprevedibili fogge, con le più straordinarie connotazioni di usi e costumi, con il sapido gusto di essere ognuno protagonista dell’atteso evento e spettatore della variopinta scena.

Dall’impervia montagna perticarola, dalle vallecole laterali, dai borghi più o meno sperduti, tutti, protagonisti e spettatori ad un tempo, “attraverso Gruffo”, presenziavano al rituale scambio. E la “cultura” del montanaro maturava nuove acquisizioni, stupende a dirsi, mirabolanti a vedersi, di fronte alla scaltrita e convincente dialettica del venditore di cose “utili” perché moderne e “moderne” perché utili.
I Perticaroli si recavano fondamentalmente a due mercati valligiani: Tavernole sul Mella e Nozza, in quel di Vestone.

Ma nessun mercato, come quello di Nozza, aveva l’attrattiva calamitica di esclusività e di caratteristica emblematica.
Magistrale, nei coloristici toni, l’esperto pennello di Ottorino Garosio – pittore vestonese – e realistico, nella rappresentazione scenica, il pulito obiettivo di Fausto Schena – fotografo bresciano – nel rendere viva immagine la storia dello scambio valsabbino.
Immagine resa parola, storica e documentata, dalla meticolosa penna di Ugo Vaglia ne I Mercati della Valle Sabbia, estratto dall’“Archivio Storico Lombardo”.

Per i Perticaroli rappresentava un emporio di vendita e di acquisto di bestiame e di animali domestici. Scriveva, infatti, Vaglia: “...Caratteristica del Mercato di Nozza fu il commercio e lo scambio di bestiame fra i monti e la pianura oltre il commercio del ferro e delle pannine (filati) prodotte nel Savallese”.

Rispondeva, il Mercato di Nozza, ai requisiti fondamentali che un luogo di scambio potesse richiedere: la posizione geografica vantaggiosa rispetto alle comunicazioni e ai traffici, l’esclusione dei giorni festivi (riservati solo alle fiere) per non disturbare le sacre funzioni religiose, il volàno dell’economia locale, sia agricola che siderurgica, fissando prezzi e modalità anche per zone di più allargata influenza.

Ed era così che il primo lunedì di ogni mese, come da antico rituale, in Contrada dell’Osteria (volutamente evocativo il nome) le genti delle Pertiche, del Savallese e di Casto, di Bagolino e delle Giudicarie, di Lavenone e Presegno, di Idro e di Treviso con Capovalle, di Odolo e Preseglie, di Agnosine e Bione, come di Barghe, Sabbio Chiese e Provaglio, confluivano attratti dal plurisecolare e obbligatorio appuntamento.

Questo voleva dire “salire e scendere la mulattiera di Gruffo”!

Con una attenzione la sera e la notte, dove l’attardarsi nelle osterie sia di Livemmo per la discesa a Nozza, sia di Nozza per la salita alla Pertica, poteva costare agli inavveduti viandanti la borsa, pena la vita.

Come, in effetti, successe al conte di Lavone, nel gennaio del 1790, diretto a Vestone per andare a trovare la figlia sposata ad un certo Pialorsi Giuseppe. Il nobile venne ucciso in località Pietrile di S. Bernardo da un “bulo” che l’aveva visto, nell’“antica Hostaria Redolfi” di Livemmo, estrarre dal giaccone di viaggio un pingue borsello, ricolmo di colorate banconote e di sonanti monete.

O come capitò ad un altro
“Redolfi, vecchio pure di Livemmo; era stato a Salò a riscuotere un suo credito, ed avea ricevuto 18 quadruple o prezzi di 80 franchi che faceano dugento lire venete sotto il Governo Veneto. Questo vecchio era un po’ vano. Giunto in Nozza entrò in una osteria ed ordinò all’ostiere un boccale di vino. Per mostrare che potea pagarlo mostro le 18 monete da 80 franchi l’una delle allora quadruple e disse: “Vedete, ò da pagarvi”. L’oste che era prudente dissegli: “Glielo avrei dato anche in credenza. À fatto male mostrarmi tante monete”.

Bevve il boccale di vino, mangiò un pane con qualche companatico, poi pagò il conto con 20 soldi che avea in moneta, ed assai lieto s’incamminò verso Livemmo salendo ‘Gruffo’. Quando fu al ‘Pietrile’ che è quasi alla cima, gli si presentò uno con un pugnale. Dammi le 18 quadruple, o più se ne ài, altrimenti sei morto. Il vecchio volea scusarsene; pianse, pregò, s’inginocchiò. Ma tutto fu vano: fatto lo sborso lo lasciò andate a Livemmo avendolo prima minacciato di morte se manifestava la cosa in Giudizio. Il vecchio Redolfi lacrimò incessante mentre dal “Pietrile’ a Livemmo dolendosi essere stato privato di tanta somma per la sua imprudenza di dimostrarla sur un’Osteria ove cogli Onesti uomini sono soliti andare anche molti birbanti; e sono cari all’oste perché pagano bene, mangiano e pagano più degli Onesti uomini”.


Così la intercomunale di “Gruffo” assistette impassibile ad ogni evenienza umana.

Ma fu anche il tragitto preferito del maestro Pietro Zani di Sabbio Chiese, nativo di Prato, che, espletate le sue incombenze lavorative al Collegio di Scuola Superiore, unico in Valle, da lui fondato, saliva e scendeva la via di “Gruffo”, Sabbio Chiese-Prato, in meno di due ore, compresi i tempi di raccolta di castagne e di funghi lungo il percorso.

Il primo ottobre 1933 veniva posata a Nozza la prima pietra della nuova carrozzabile, terminata dopo 20 anni, manufatto al passo coi tempi che avrebbe collegato i paesi della Pertica Alta con il fondo valle, sostituendo la vecchia strada comunale di “Gruffo”.

Oggi la “mulattiera di Gruffo” resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare.



Vedi anche
15/05/2021 07:00

Un sentiero da recuperare L’antica strada comunale da Nozza porta a Belprato è ora un sentiero che necessiterebbe di un intervento di sistemazione e recupero

10/10/2018 16:20

Skiroll Nozza-Belbrato, e sono 15 Sabato 13 ottobre l’appuntamento che fa da spartiacque fra l'attività estiva e quella invernale, organizzata quest’anno dai Comuni di Vestone e Pertica Alta con la collaborazione del Cai Sottosezione di Vestone e il patrocinio di tanti amici sponsor

04/10/2016 10:27

Skiroll Nozza-Belprato, aperte le iscrizioni È fissato per sabato 15 ottobre l’appuntamento che fa da spartiacque fra l'attività estiva e quella invernale, organizzata dalla Sottosezione Cai di Vestone con il patrocinio dei Comuni di Vestone e Pertica Alta.

15/10/2014 09:18

In skiroll da Nozza a Belprato Si svolgerà sabato prossimo l’ormai tradizionale gara in salita organizzata dalla sottosezione Cai di Vestone che fa da spartiacque fra l’attività estiva e quella invernale

19/10/2015 08:27

A Simone Paredi la Nozza-Belprato Un'ottantina gli atleti al via, sabato scorso, per la dodicesima edizione della gara di ski-roll proposta dal Cai di Vestone lungo la Provinciale che da Nozza sale a Belprato




Altre da Pertica Alta
14/06/2021

Il maestro Elio va in pensione

Il grazie dell’amministrazione comunale, degli alunni e delle famiglie e gli auguri dei colleghi per l’insegnante che conclude la sua attività lavorativa

05/06/2021

Vaccinazioni per over 60

Accesso libero senza prenotazione ai Centri vaccinali per questo e il prossimo fine settimana per i residenti nei piccoli comuni: otto quelli valsabbini e sette i gardesani

27/05/2021

Vax Day per gli over 60 ancora da vaccinare

Anche 8 Comuni valsabbini sono inseriti nella lista dei 28 Comuni Bresciani con libero accesso ai Centri vaccinali per gli ultrasessantenni per due fine settimana di giugno

15/05/2021

Un sentiero da recuperare

L’antica strada comunale da Nozza porta a Belprato è ora un sentiero che necessiterebbe di un intervento di sistemazione e recupero

13/05/2021

Odeno, borgo gentile e signorile

Con questa "cartolina" di Alfredo Bonomi, la trentesima, si conclude la serie di preziosi spunti per conoscere ed apprezzare alcuni fra gli "scorci" più interessanti della Valle Sabbia

25/04/2021

Don Lorenzo Salice, un grande prete partigiano

È sempre bene e doveroso ricordare padre Bonifacio, al secolo don Lorenzo Salice, grande prete partigiano, parroco e monaco. Mai dimenticato in Valle Sabbia e anche oltre!

(2)
17/04/2021

Beatrice da 110 e lode

Congratulazioni a Beatrice Gabusi, di Belprato di di Pertica Alta, che il 15 aprile si è laureata in Psicologia Clinico Dinamica col massimo dei voti

09/04/2021

La via degli alpeggi

È il progetto messo in campo dall'amministrazione comunale di Pertica Alta per la valorizzazione turistico-ricettiva delle malghe di montagna

08/02/2021

Caduta massi

Intervento dei tecnici questa mattina per verificare la stabilità di un tratto di versante lungo la Bongi-Noffo dove ieri sera sono cadute due grosse pietre. Strada riaperta in tarda mattinata

28/01/2021

Livemmo e il suo Carnevale

Giuseppe Biati, in questo volume, individuandone gli archetipi, dimostra l’origine atavica di una manifestazione che, per quanto recente nel manifestarsi, affonda le radici nell’inconscio collettivo