25 Gennaio 2023, 10.46
Valsabbia Provincia
Lettere

Brescia, capitale di quale Cultura?

di Le Mamme del Chiese

Le Mamme del Chiese propongono al lettore una riflessione a tutto tondo sul significato di questo nuovo anno che per Brescia e Bergamo è stato denominato “della Cultura”


E così, per Brescia e Bergamo, l’anno della Cultura è iniziato.

Venerdì 20 gennaio, con tutti gli onori del caso e con la prestigiosa presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Teatro Grande di Brescia è stato il luogo che ha ospitato l’inaugurazione per la città.
 
Ed è proprio dai rimandi a determinati articoli, per noi molto significativi, della nostra Carta Costituzionale, ed enunciati dal Presidente in alcuni passaggi  - tra i più efficaci e di alto profilo- del suo intervento, che abbiamo sentito la necessità di condividere, con chi avrà il tempo e la bontà di leggerci, alcune nostre considerazioni.
 
Fa sicuramente piacere vedere la nostra città tirata a lustro mentre offre ai visitatori, che appositamente accorrono,  il  meglio delle sue bellezze storiche, architettoniche e artistiche, frutto del lavoro e  dell’ingegno lungimirante dei nostri avi che hanno voluto e realizzato opere straordinarie per lasciarle in eredità alle generazioni future per il pieno godimento.

In questa cornice di città storica dal lungo passato, per un anno intero, si farà dunque “Cultura” e di questo,  siamo convinte,  Brescia ne beneficerà, sia dal punto di vista economico che di immagine, non solo quest’anno, ma negli anni a venire.

Brescia, come Bergamo, ha bisogno di risollevare lo spirito, di elaborare gli accadimenti dolorosi della pandemia, e non solo, e la Cultura può effettivamente essere la chiave di volta per ritrovare serenità,  determinazione, tenacia e capacità di innovare, caratteri che, dai due palchi dell’inaugurazione, sono stati ricordati come peculiari della gente di queste province.

Ma  fare “Cultura” non può essere solo celebrazione della bellezza e delle arti, che è solo una faccia di quel complesso di manifestazioni che attengono al patrimonio delle conoscenze e delle esperienze acquisite, alla formazione sul piano intellettuale e sociale della società, alla vita materiale, sociale e spirituale di una comunità.

Questa comunità, più volte ferita, richiede, in questo momento storico, soprattutto “Cura” o meglio di sviluppare una “Cultura della Cura”, per affrontare tutto ciò che “fa male”, ormai da troppo tempo, a questa città.

Una “Cultura della Cura” di cui abbiamo bisogno tutti, ma qui in modo particolare, perché qui gli affari non hanno guardato in faccia nessuno: ce lo dice la Caffaro che, come un bubbone, resta a minare il benessere di tanti cittadini; ce lo dicono le falde di acqua contaminate da cromo esavalente, la discarica con scorie radioattive in piena città, l’aria pesante di PM10 con ben 60 giorni nel 2022 di superamento dei limiti; ce lo dicono, infine, il numero di morti di inquinamento e di Covid.
Se è vero che ciò che accade in un luogo è espressione del popolo che vive quel luogo, significa che qui è mancata la sensibilità verso l’ambiente, che la priorità è sempre stata data al “lavoro”, prima che alla salute, propria e della comunità, e prima che all’ambiente.

Dai palchi si è sentito dire che Bresciani e Bergamaschi siano gente concreta, operosa, volenterosa, gente dal saper fare…
Quale posto migliore dove poter investire per fare impresa senza troppi problemi o intralci; dove poter pagare e appagare l’avidità di proprietari di terreni, stufi di possedere “dell’inutile" terreno agricolo; dove poter sfruttare il territorio nelle maniere più svariate grazie anche a una classe politica miope e insensibile ai temi ambientali.

È così che il consumo di suolo non conosce tregua e si continua a costruire e occupare terreno, incentivando un’industria niente affatto sostenibile. È così che sono cresciuti capannoni e discariche negli anni passati, attraendo anche il malaffare.
Questa visione distorta di un avvenire basato sullo sfruttamento intensivo delle risorse e sulla massimizzazione dei profitti come potrà lasciare ai posteri quell’impronta di bellezza e armonia che ammiriamo ancora oggi nella nostra città?

Ciò che stiamo lasciando rischia di essere un luogo malsano e inabitabile, per questo servirebbe un cambio di paradigma, che non può non essere accompagnato da uno sforzo culturale.

Per concludere: se da un lato Brescia può vantare l’onore di essere stata nominata insieme a Bergamo “Città della Cultura 2023”, dall’altro non possiamo  nascondere la polvere sotto il tappeto: Brescia da anni, insieme ad altre città lombarde, vanta il triste primato di essere una delle città più inquinate d’Europa. Senza timore di smentite possiamo dunque dire che Brescia E’ CAPITALE DELL’INQUINAMENTO da parecchi anni e lo sarà anche per gli anni a venire se non si cambia paradigma.

Il valore di essere “Città della Cultura 2023” non sta - e non starà - nel “Far Finta di Niente” e nel dimenticare i tanti problemi con cui ogni giorno dobbiamo fare i conti, ma risiede nell’impegno affinché possa nascere una “nuova Cultura” che ponga al centro la dignità delle persone e dell’ambiente in cui abitano, la salute nostra e del pianeta.



Aggiungi commento:

Vedi anche
05/07/2020 10:30

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province

24/02/2022 10:45

Anche il Garda si prepara all'evento del 2023 Il consorzio turistico gardesano ha tracciato il bilancio della scorsa stagione e si prepara ad accogliere turisti per la prossima estate e per Brescia e Bergamo Capitale della cultura

20/10/2022 16:08

Capitale della Cultura, sostegno per iniziative in provincia Il Consiglio regionale lombardo sostiene le iniziative realizzate con il sostegno delle Province legate a “Bergamo e Brescia Capitale italiana della Cultura 2023”

19/12/2022 09:30

Cura è la nostra Cultura, il progetto firmato Avis  “Cura è la nostra Cultura” è il titolo scelto per il progetto promosso dalle Avis Comunali di Bergamo e Brescia, insieme alle rispettive Provinciali, da Avis Nazionale e Regionale Lombardia, in vista di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023

19/05/2020 16:19

Brescia e Bergamo capitali della cultura 2023 Girelli (PD): Regione sostenga con convinzione la candidatura delle due città a capitali della cultura 2023




Altre da Valsabbia
31/01/2023

Elezioni regionali, tre voci a confronto

A Bagolino nel fine settimana un incontro aperto al pubblico in cui dialogheranno tre candidati delle diverse fazioni politiche. Un'occasione per informarsi più da vicino in vista del voto

31/01/2023

«Nessun dorma. Il Trentino si schieri per difendere il lago»

I festeggiamenti per i 15 anni di attività degli Amici della Terra sono stati l'occasione per invitare la Provincia autonoma al rispetto della naturalità del lago d'Idro
•VIDEO

31/01/2023

Dalla Regione un milione di euro per la Valle Sabbia

Verranno destinati, su proposta di Comunità montana a tre interventi

31/01/2023

A piedi per onorare i Caduti di Nikolajewka

Alcuni Alpini valsabbini sono partiti il sabato da Vestone e dopo essere entrati in Valtrompia a Lodrino hanno raggiunto le altre Penne nere per la sfilata cittadina di domenica

31/01/2023

Giovani in azione

Green e digital: nuovi laboratori gratuiti per ragazzi del Garda e della ValleSabbia promossi da GAL GardaValsabbia2020 e la Cooperativa Sociale Area, insieme a Solco

31/01/2023

Lago d'Idro, Lombardia contro Trentino sul livello dell'acqua

L'abbassamento delle acque del lago d'Idro, invocato come improprio per potenziale violazione della direttiva Habitat del Trentino, è stato valutato dalla Commissione Europea. Ecco la risposta all'interrogazione

30/01/2023

Per un'illuminazione sostenibile

In corso i lavori di potenziamento e miglioramento dell'illuminazione pubblica per un investimento, a cura della Edison, di 28 milioni di euro

29/01/2023

Interventi sulla viabilità

Fra i lavori previsti dalla Provincia anche interventi sulla SP 79 «Sabbio Chiese – Lumezzane»

29/01/2023

Giorni della merla, tutto come da tradizione?

Secondo le previsioni la tradizione popolare che vuole gli ultimi tre giorni di gennaio come i più freddi dell'inverno potrebbe, dopo qualche anno, tornare ad essere rispettata

28/01/2023

Multe e Sanzioni, il bilancio

La Provincia di Brescia ha incassato nel 2021 oltre 28 milioni di euro in multe e sanzioni, dalla Valle Sabbia oltre 900mila