12 Ottobre 2021, 08.36
Valsabbia
Lettere

Sorrisi sotto i baffi

di Luciano Pace

In ricordo di un amico artista che credeva di fare l’elettricista


L’ultima volta che ci siamo incontrati lui era in macchina fermo in un parcheggio ed io a piedi. Gli feci segno di abbassare il finestrino e gli dissi sorridendo: “Stamattina eri arrabbiato con il tuo pettine per caso?”. Rise, in risposta.

Fra amici il sorriso non è solo un’emozione: è un’informazione sul senso della vita. Ho il ricordo nitido della sua “scapigliatura” buffa. Continuò dicendomi: “Bastardo dottore!”, come era suo solito chiamarmi.
MI disse anche che stava abbastanza bene: soffriva solo un po’ di bronchite stagionale. Era fine novembre 2019 e lui aveva contratto l’ancora ignoto coronavirus.
Egli non sapeva. Io non sapevo: tutti a quel tempo eravamo ignoranti! Qualche mese dopo, morì in ospedale a Gavardo, attaccato al respiratore: i suoi polmoni erano stati spezzati dal Covid-19.

Si è soliti dire che è dal modo in cui uno muore che si comprende come è stata la sua vita.

Perciò converrà partire appunto dalla fine. Mentre era appeso a un filo di vita ed ancora cosciente, un amico prete, ignaro della nostra comune amicizia, lo benedisse e gli diede l’estrema unzione.
Tutto scafandrato come ogni altro medico, senza tunica e stola, ma con l’amore di Cristo scolpito nel cuore, questo uomo di Cristo preparò Bortolo per il suo viaggio nell’aldilà.
Una casualità, si potrebbe pensare. No, nulla nella vita di un vero artista accade per caso.

E Bortolo fu un artista, nel vero senso della parola.
Non uno che cerca la fama attraverso ciò che fa, come siamo abituati a vedere in Tv. Nessun vero artista ha a cuore di mettere in mostra se stesso per ottenere fama e denaro. L’arte nasce dalla meraviglia difronte a ciò che altro da noi, non dall’ostensione del nostro egoismo. Questo Bortolo lo sapeva bene.

Sono fiero di avere alcuni dei suoi quadri appesi alle pareti di casa mia.
Egli, pur non avendo mai studiato nessuna tecnica pittorica in particolare, era capace di trasfigurare un paesaggio, un animale, una persona e mostrare la bellezza con cui Dio li ha concepiti.
Non so come ben esprimerlo, ma ogni quadro di questo baffuto artista ha il potere di farti comprendere quanto siano belle alcune scene naturali a cui quasi più nessuno fa attenzione.
Sono un aiuto ad accorgersi della verità e bontà presenti dentro la semplicità apparente di un bosco, di un centro storico, di un pastore... Perciò, di uno così, che ha indicato con la pittura le Sue meraviglie, Dio non si poteva certo dimenticare, men che meno nell’istante della sua morte.

La prima volta che l’ho incontrato fu una domenica di molti anni fa, durante una passeggiata al Lago della Vacca.
Mi colpì subito la sua simpatia e i suoi occhi pieni di bontà. Nel presentarsi, mi disse che faceva l’elettricista e dipingeva. Io gli risposi che studiavo Filosofia. Il che lo incuriosì, tanto che, mentre camminavamo, mi chiese di spiegargli cosa fosse la Filosofia.

Parlai per più di mezzora e lui rimase in ascolto attento. Alla fine mi disse: “Non ho capito. Ma mi sembra interessante”.
Scoppiammo a ridere entrambi di gusto. Un sorriso all’inizio... E uno alla fine. Un’ottima cornice in cui dipingere una bella storia d’amicizia. Il Grande Artista dell’universo ha un tratto inconfondibile quando pennella il senso delle nostre vite umane.

Infatti, queste due non furono le uniche risate
che facemmo in questa vita.
Un’altra davvero memorabile fu quando, per una serie di peripezie inenarrabili, ci trovammo una domenica in un piccolo rifugio con un ex-spasimante della sua sposa.
Ho in mente ancora il suo sorriso sotto i baffi, di circostanza, posto su un volto paonazzo di fastidio – era un omone molto educato – mentre osservava incredulo, con attorno noi suoi cari amici “bastardi” intenti a cercar di star seri, il suo sfortunato rivale in amore recitare l’ultima poesia a Concetta.

Ovviamente, insieme alle gioie, abbiamo sopportato insieme anche qualche dolore.
Tuttavia, di quelli non è molto interessante raccontare. Il dolore è sempre abbastanza uguale nelle vite di ciascuno di noi. Molto meglio concentrarsi sulla gioia, il cui potere è quello di far sentire contenta la nostra intelligenza. Fra l’altro, credo che se fosse ancora qui, anche Bortolo stesso mi darebbe ragione.
Del resto le sue conversazioni con me si concludevano spesso così: “Lasec fa ai filosofi, che l’he mei!”. Sempre con il consueto sorriso e gli occhi pieni di luce.

Ebbene, ora che Egli riposa in pace, non sono certo di essere in grado di spiegare bene cosa sia la Filosofia.
Ciò nonostante, nell’amicizia con Bortolo ho imparato che non importa. Egli mi ha insegnato che un quadro non è bello perché rappresenta tutto quanto esiste. È bello se, mostrandoti un particolare, te ne fa vedere la verità.

Lo stesso vale per le parole, credo. Anche queste che mi sono sentito di dedicargli a una certa distanza dalla sua morte. Non dicono tutto di lui. Indicano, credo, la verità di una vita che è stata quella di un pittore che in realtà credeva di fare l’elettricista.

Di questa vita io, e molti altri sono certo, siamo grati a Dio con tutto il nostro cuore.
Spero un giorno di poterlo rincontrare, e abbracciarlo di fronte a Colui che ci ha permesso di essere amici qui su questa terra.

E nel caso avessi l’anima un po’ sporca di qualche peccato, mi auguro che Egli mi possa sorridere a nome di Dio e dirmi: “Scusa ma eri forse arrabbiato con l’acqua santa?”.

Luciano Pace




Aggiungi commento:

Vedi anche
22/01/2015 07:15

Aldo, il senso di un addio Quando un amico come Aldo se ne va, non resta che il vuoto. Ci si risveglia da un sogno in cui si credeva che il viaggio della vita non potesse finire mai

07/09/2018 09:38

Ricordo di Getulio Alviani Riportiamo il testo dell’intervento con cui Giancarlo Marchesi, durante il convegno organizzato lo scorso sabato ad Anfo, ha ricordato l’artista di fama internazionale - e amico - che iniziò la sua carriera a Vestone 

21/03/2020 09:44

Arrivederci, don Dorì Anche don Bruno Armanini di Storo, amico fraterno, confratello, compagno di studi e quasi coetaneo di don Salvatore Tonini, dalla casa per preti anziani della Curia di Trento ha voluto rendergli omaggio con un piccolo ricordo

31/07/2020 11:32

Ciao Mariano, amico di tutti Proprio così. È quello che si può scrivere e dire nel ricordo di Mariano Zaninelli, scomparso improvvisamente alla casa di riposo di Storo, lo scorso 27 luglio

20/12/2018 14:27

«Il nostro amico Ugo Mariani» Per iniziativa di Artea, l’assessorato dalla Cultura e di altri enti e associazioni questo giovedì sera ad Agnosine una serata per ricordare l’amico e la sua grande passione per la montagna




Altre da Valsabbia
23/10/2021

Ospitalità diffusa, ecco il piano del Gal

Formazione, affiancamento, scuola e incentivi. Ecco i pilastri del nuovo piano di lavoro del Gal a seguito del workshop

23/10/2021

«Avanti così»

Dal Ministero della Transizione ecologica, in risposta ad un’interrogazione, una doccia fredda sulla possibilità di cambiare la soluzione Gavardo-Montichiari del depuratore gardesano

22/10/2021

Dalla Regione fondi per la Protezione Civile

Anche alcune associazioni valsabbine riceveranno i contributi stanziati per l'acquisto di mezzi e attrezzature da destinare ai volontari

22/10/2021

Il Governatore del Rotary a Bagolino

L’incontro con i soci del Rotary Club Valle Sabbia per rilanciare l’impegno nella comunità e sul territorio

21/10/2021

Lieve scossa di terremoto

Si è avvertita questa mattina (giovedì) alle 11.24 nella bassa Valsabbia e Valtrompia. Epicentro fra Agnosine e Caino

21/10/2021

«Iconografia musicale in Valle Sabbia»

Sarà presentato questo sabato l'ultimo libro di Giovanni Baronchelli che raccoglie una ricerca dedicata agli elementi mucari presenti nelle opere pittoriche e scultoree custodite in chiese, santuari e residenze private della valle

21/10/2021

Progetti di modernizzazione per l'Istituto Perlasca

Firmato ieri il protocollo d'intesa fra Provincia e Comunità montana per i lavori alle due sedi dell'Istituto superiore: efficintamento energetico a Idro, nuove aule e laboratori a Vobarno

21/10/2021

Tempo di crisi? Il Perlasca risponde a suon di... PON

Libri di testo regalati, strumenti scientifico-tecnologici messi a disposizione degli studenti, potenziamento della rete in tutti gli spazi dell’Istituto

20/10/2021

La biomeccanica nel ciclismo. Come settare correttamente la bici?

Per gli amanti del ciclismo sportivo ed agonistico è disponibile un nuovo servizio teso a migliorare le prestazioni ciclistiche degli sportivi, ossia la prova di messa in sella tramite test biomeccanico. Ne parla in questo articolo il Dottor Luigi Ruggeri del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio Salò

20/10/2021

Cambio di sede per gli uffici del Commissario

In vista della fase tecnico-operativa connessa alla realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari il Commissario-prefetto Attilio Visconti si è trasferito dalla Prefettura ad una nuova sede