29 Gennaio 2019, 07.47
Valsabbia
Porta a porta

Solo nei sacchetti gialli

di red.

I rifiuti “Imballaggi in plastica e lattine” saranno raccolti esclusivamente se contenuti nei sacchi gialli con il logo "SAE Valle Sabbia – Comunità Montana di Valle Sabbia". La regola diventa inflessibile


La precisazione arriva da SAE Valle Sabbia e la regola era chiara fin dall’inizio del servizio: è necessario utilizzare i sacchi gialli semi-trasparenti con il logo SAE Valle Sabbia perché su di essi è stampato il codice utente personale dell’intestatario della bolletta TARI (Tassa Rifiuti).

Nei primi mesi di raccolta porta a porta di rifiuti, tuttavia, constatate le criticità ad adattarsi al nuovo sistema da parte della popolazione, si era deciso di non applicare in modo rigido questa regola.
Gli operatori raccoglievano i rifiuti “Imballaggi in plastica e lattine” anche se non inseriti nei sacchi ufficiali, dopo aver verificato la qualità dei rifiuti conferiti.

«A distanza ormai di quasi un anno dall’avvio del servizio porta a porta - affermano ora in SAE -, è stato deciso di iniziare ad applicare in maniera rigida la regola: gli operatori non potranno più ritirare sacchi non conformi, che saranno segnalati con l’applicazione di un adesivo per avvisare l’utente dell’errore».

«E’ importante ricordare a tutti i cittadini - si aggiunge nella nota -, che la differenziazione corretta degli imballaggi in plastica trasforma questo rifiuto in una risorsa importante e diminuisce drasticamente l’inquinamento ambientale.
Al fine di approfondire questo tema, a breve saranno organizzate iniziative itineranti sul territorio».





Commenti:
ID79418 - 29/01/2019 09:50:22 - (lettore) - Ma come???

La regola era chiara a tutti sin dall’inizio. Spiace venire a sapere solo ora di certe “tolleranze” in alcuni casi! Ci sono cittadini di serie A e altri di serie B? Maggior chiarezza e fermezza da parte di chi gestisce e controlla l’intero servizio, per favore, o viene meno la credibilità dell’intera operazione!

ID79419 - 29/01/2019 10:37:14 - (Tuco) - domanda

vi siete mai chiesti come vengono gestiti una volta in discarica i rifiuti???

ID79420 - 29/01/2019 14:20:09 - (DiegoA) - spezzo

una lancia in favore del lettore.Non capisco Tuco, Una regola e' una regola. E si rispetta. Punto

ID79421 - 29/01/2019 14:41:57 - (Tc) - ...

A qualcuno non e' mai fregato nulla dell indiferenziato e msi interessera' si corre il rischio che i sacchi segnalati con biglietto adesivo dagli operatori vadan a far compagnia a tutti quelli sparsi per monti fossi campagne...una volta tolto l adesivo...

ID79422 - 29/01/2019 15:41:40 - (doc) - doc

Ma in che mondo vivete? Che livello intellettuale avete se non siete in grado d infilare in un sacco giallo l'eccessiva quantit di plastica che producete? Che cazzo di cervello vi spinge a buttare sacchi di pattume ovunque?Pi passa il tempo e pi sono convinto di vivere in un paese di merda.

ID79424 - 29/01/2019 18:33:45 - (maxbel74) - Massimo Bellina

Non c'é nessun codice alfanumerico, nessun codice a barre, nessun qrcode e nessun cip sui sacchetti ufficiali.Che scemenze ( per non essere volgare ) divulgano quelli della SAE?Ricordo inoltre a SAE che plastica e lattine sono riciclabili e che possono fare pagare solo l'indifferenziato solo in base alle normative europee.

ID79425 - 29/01/2019 20:08:36 - (blurex) -

Sul sacchetto giallo c'è un codice di due lettere e cinque cifre che identifica l'utente, più altre due cifre che indicano il numero dei sacchetti rimanenti. Poi che un servizio abbia bisogno di un tempo di "rodaggio" è comprensibile, ciò che è meno comprensibile è che le regole vigenti e relative variazioni dobbiamo leggerle dul VSNews e non esistano comunicazioni ufficiali del gestore del servizio. Sarebbe ora di fare chiarezza anche sui mormorii o chiacchiere da bar che riguardano l'applicazione della tariffa puntuale perchè non fanno bene a nessuno.

ID79426 - 29/01/2019 20:24:48 - (ALCOLICASTO) -

5 euro costano i sacchetti della SAE. certo che bisogna usare quelli....

ID79427 - 29/01/2019 20:54:31 - (Venturellimario) -

Parole sante

ID79428 - 29/01/2019 21:22:02 - (ibisco) -

Ma il rotolo di sacchetti gialli distribuito con il calendario lo faranno pagare in bolletta?

ID79429 - 29/01/2019 21:51:24 - (Maxpel68) -

Amico doc,si possono anche moderare i termini o usarne altri piu' consoni al linguaggio italiano comune e poi,io amo il mio paese...W L'ITALIA...W LE REGOLE....Buona serata a tutti voi.

ID79430 - 29/01/2019 22:04:53 - (esseelle) - come mai proprio ora? Forse perche'

...qualcuno si e' rotto le scatole di vedere i sacchi fuori dal kebab che venivano raccolti quantunque in sacchi bianchi? Segnalate cittadini....qualche volta forse si viene ascoltati.

ID79431 - 30/01/2019 07:59:39 - (doc) -

Il linguaggio italiano comune ,purtroppo, ben pi greve da quello , da me volontariamente usato per manifestare il mio disappunto nei confronti dei nostri concittadini.Fatta l'Italia ora bisogna fare gli Italiani, diceva Cavour, quasi 160 anni fa. Vedo che di strada c' ne ancora molta da fare. Concordo con te Max: W l'Italia, w le regole.

ID79432 - 30/01/2019 08:07:36 - (ubaldo) - x blurex

Si chiamano "comunicati stampa" e vengono da tempo utilizzati da enti, organizzazioni e in genere da chiunque abbia intenzione di diffondere notizie che potrebbero essere di interesse comune. Funziona così: l'ente attraverso i suoi uffici divulga il comunicato stampa, l'organo di stampa valuta se il contenuto può essere di interesse per i suoi lettori/ascoltatori e lo fa diventare una notizia. Lei ci vede qualche cosa di strano in questo?

ID79437 - 30/01/2019 09:50:18 - (Tuco) - e poi.....

.....e poi in discarica si sa quello che fanno ma nessuno lo dice, basta far pagare e tutto va bene, a loro

ID79438 - 30/01/2019 09:53:11 - (DiegoA) - ALCOLICASTO e ubaldo

ALCOLICASTO io ritirati gratis in comune a villanuova.Ubaldo, mia zia, e come lei tanti, non ha facebook e neppure internet, ma se cambiano le regole e sbaglia poi paga. Bene i comunicati stampa ma sicuramente non possono essere l'unico canale di comunicazione per una comunita'. Non ci vuole molto a capirlo

ID79452 - 31/01/2019 23:47:23 - (blurex) -

No anzi, ma se Lei avesse letto quanto ho scritto, avrebbe scoperto che la mia critica non è per il fatto che pubblica questi comunicati, ma perchè di fatto Lei è praticamente l'unica fonte di queste notizie, cosa che per un ente sovracomunale, visto che SAE è una emanazione di CMVS, è semplicemente inconcepibile. Quindi onde evitare malintesi non ce l'ho con Lei ma con SAE.

Aggiungi commento:

Vedi anche
17/07/2020 15:30

Troppi rifiuti non conformi nella raccolta di plastica e lattine Dal controllo di luglio del Consorzio nazionale Corepla è emerso che l’11,4% di rifiuti nei sacchi gialli della Valle Sabbia non è corretto, con conseguente danno ambientale ed economico

29/02/2016 15:48

Incontri per il porta a porta Si terranno questa settimana gli incontri per gli abitanti di Vallio Terme in vista dell’introduzione del sistema di raccolta porta a porta di carta, vetro-lattine e plastica che prenderà il via dal 1° aprile

09/02/2016 08:00

Vallio sperimenta il sistema misto A partire dal mese di aprile sarà introdotta la raccolta porta a porta per la carta, il vetro/lattine e la plastica, mentre rimarranno i cassonetti a calotta per l’indifferenziato e l’organico

14/09/2018 07:42

Obiettivi raggiunti, ma si può migliorare ancora La Comunità montana di Valle Sabbia e la società pubblica Sae hanno reso note le proiezioni di bilancio a fine 2018. Con "numeri" più che soddisfacenti

21/01/2019 06:39

Le novità per il nuovo anno Anno nuovo... nuove abitudini, anche nella raccolta porta a porta dei rifiuti. Cambiano, in modo diverso di paese in paese, tempi di esposizione, frequenza e giorni della raccolta. Obiettivo razionalizzare per migliorare il servizio




Altre da Valsabbia
17/05/2021

Comuni ancora sotto infrazione, si guarda al Recovery Plan

Sono 36 gli agglomerati bresciani sotto procedura d’infrazione per depurazione e fognature non conformi da parte dell’Unione Europea, tra cui anche alcuni valsabbini. Per sanare la situazione si tenta di accelerare con gli investimenti

17/05/2021

Cabina di regia per la decisione finale

Domani, 18 maggio, l’Ufficio d’Ambito provinciale dovrà comunicare al Ministero dell’Ambiente la scelta definitiva sulla localizzazione del depuratore del Garda

17/05/2021

«Il lago d'Idro come un fiordo norvegese»

Si è concluso sabato scorso il trekking attorno all’Eridio del blogger Gio del Bianco, che ha saputo cogliere e comunicare le bellezze del lago e ha un suggerimento per gli amministratori e per chi si occupa di turismo sul lago

(1)
16/05/2021

Vaccinazioni, avanti tutta

Prosegue spedita anche in Valle Sabbia la campagna vaccinale anti Covid. I dati Comune per Comune

15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992