29 Marzo 2022, 10.30
Valsabbia
Economia e Finanza

Le pensioni in Valle Sabbia

di P.D.

Differenze importanti tra gli importi INPS percepiti dagli abitanti della valle sulla media provinciale del 2021


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



Secondo i
dati offerti dalla banca dati Inps, in provincia di Brescia vengono percepite mensilmente 394.154 prestazioni previdenziali ed assistenziali; vale a dire, quasi 395 mila pensioni di anzianità, reversibilità e invalidità ogni mese per un valore medio di circa 1.113 euro, pensioni tutt’altro che da nababbi, questo è certo.

Ma come sono distribuite in Valle Sabbia le suddette pensioni? Che importi spettano ai valsabbini?

Se il paese che sul territorio provinciale vede i suoi “pensionati” percepire l’indennità media maggiore è Soiano del Lago, con una media di 1.351 euro mensili, anche in Val Sabbia alcuni paesi si avvicinano al primato del comune della valtenesi. Nella nostra valle infatti spiccano i 1.228 euro mensili dei pensionati di Odolo e i 1.216 di quelli di Barghe. Unici due comuni a superare quota 1200 in tutta la Valle Sabbia, nonché due dei 13 comuni in tutta la provincia.

Sebbene la maggior parte dei valsabbini si trovi nella fascia media, ovvero quella che vede i pensionati percepire un indennità tra i 1013 e 1213 euro mensili e per tanto in piena media provinciale, numerosi sono anche i comuni che si trovano al di sotto di questa soglia.

Nella fascia centrale rientrano paesi come Provaglio VS, Vestone, Villanuova S/C, Sabbio Chiese e Preseglie, che non si allontanano troppo dalle cifre di Barghe e Odolo (quello più lontano è Villanuova con una differenza di 119 euro mensili). In totale, però, si possono trovare ben 15 paesi sui 125 presenti nella fascia media, che per quanto rappresentino “solo” il 12% a livello provinciale, se rapportati ai comuni valsabbini sono ben il 57% .

Ciò implica che la maggior parte dei pensionati valsabbini percepiscono un’indennità prevalentemente vicina alla media provinciale, nonostante qualche scostamento di rilievo. Ci si riferisce in particolar modo ai comuni valsabbini che cadono in terza fascia, quella che il Giornale di Brescia ha indicato come inferiore ai 1013 euro medi mensili. In questo gruppo di 42 paesi totali, ne appaiono 4 tra quelli valsabbini, ovvero Treviso Bresciano, Serle, Pertica Bassa e Capovalle, e tra questi proprio Treviso Bs si posiziona al settimo posto tra i comuni bresciani, i cui pensionati percepiscono il livello di indennità più basso con i suoi 891 € mensili.



Vedi anche
15/01/2013 07:07

Pensioni di invalidità L'Inps fa marcia indietro sulle pensioni degli invalidi totali e ritira la circolare che aveva creato nei giorni scorsi grandi preoccupazioni e polemiche.

01/01/2016 11:32

Cominciamo bene... Dovranno attendere alcuni giorni più del consueto i pensionati INPS, per riscuotere o vedersi accreditata presso uffici postali o bancari la rata di gennaio 2016

22/11/2016 07:00

Pin Inps, come richiederlo? Sono cambiate le procedure per poter richiedere il Pin Inps. Non è più possibile avvalersi di un delegato, tranne in particolari casi specificati dal recente messaggio Inps

21/05/2015 16:44

Renzi e le pensioni - 2 Ho riconosciuto l'equivoco  in alcune critiche fatte al mio ultimo scritto...

04/08/2016 16:11

Con il futuro in busta Hai ricevuto la "Busta Arancione" dell’Inps? La Cassa Rurale ti offre una consulenza personalizzata gratuita per aiutarti ad affrontare il futuro con maggior serenità




Altre da Valsabbia
26/05/2022

Il CircoBus ferma in Valle Sabbia

Tornano le iniziative di Strabilio Festival e con esse arriva il CIRCOBUS, un laboratorio itinerante di tessuti aerei, equilibrismo e giocoleria
 

26/05/2022

Più controlli, meno incidenti

Allo scopo di limitare l’incidentalità sulle strade della Valle Sabbia, i controlli straordinari della Locale, anche in orario notturno, avvenuti lo scorso fine settimana

25/05/2022

«Cosa c'entra la caccia?»

Spiedo bresciano. Girelli: «Dubbi su adeguatezza dello strumento legislativo. Il tema non andava messo in contrapposizione con la caccia»

(2)
25/05/2022

Spiedo con uccellini anche in trattoria

È stato approvato dal Consiglio di Regione Lombardia il progetto di legge per la valorizzazione dei piatti tipici lombardi a base di selvaggina. Massardi: «Un grande giorno per la valorizzazione della cultura gastronomica lombarda»

(3)
25/05/2022

Crolla la fiducia delle aziende bresciane

Nel 1° trimestre del 2022, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si è attestato a 108, confermando la tendenza in ribasso riscontrata nelle ultime rilevazioni. La causa? La preoccupazione per i risvolti del conflitto russo-ucraino.  A evidenziarlo sono risultati dell’Indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria
 

25/05/2022

Come con Pantani

Grande festa in Valle Sabbia per il passaggio del Giro d’Italia, dall’accoglienza calorosa dei bimbi alle persone assiepate lungo la salita al Crocedomini

25/05/2022

Ictus o infarto celebrale

Cos'è l'ictus, i sintomi, perchè arriva? Quali comportamenti adottare? Abbiamo cercato di capirlo chiedendo agli specialisti del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio di Salò

24/05/2022

Dormiremo anche domani?

Durante il convegno 2022 della Commissione scuola ANPI “Dolores Abbiati”, intitolato “Obiettivo ambiente: la Terra in primo piano”, gli studenti della classe seconda A Finanza e Marketing hanno presentato il loro progetto

24/05/2022

50 anni di «Il Padrino» per la chiusura

Mercoledì 25 maggio il cinema di Vestone darà l’arrivederci al suo pubblico con una proiezione gratuita di “Il padrino”, capolavoro del 1972 che quest’anno compie mezzo secolo di vita

23/05/2022

Crollo dei contagi

Finalmente una significativa diminuzione del numero settimanale dei nuovi positivi da Covid-19. Meno accessi ai Pronto soccorso