11 Novembre 2023, 08.00
Valsabbia
Lettere al Direttore

Il valore della vita

di Encio

Riceviamo e pubblichiamo la seguente riflessione in merito ai fatti di cronaca recentemente accaduti riguardo ai casi di Sibilla Barbieri e Indi Gregory


Ma che valore ha la vita? E’ la domanda che sorge spontanea dal confronto di due recentissimi fatti di cronaca: il caso di Sibilla Barbieri e quello Indi Gregory.

E’ sempre molto complicato entrare nel merito di queste problematiche senza rischiare di farsi condizionare da etica e religione, ma provando solo a ragionare in una logica di confronto, senza prendere posizione, emergono palesi contraddizioni che non permettono di rispondere alla domanda.

Infatti, in un caso ci troviamo
di fronte alla risoluta volontà di morire e dall’altra all’altrettanto risoluta volontà di vivere: com’è possibile?

In ambedue i casi, tuttavia,
si può riscontrare una vacanza del nostro sistema giuridico e, quindi, di quello politico. Infatti, da una parte, la Barbieri chiede come sia possibile che un cittadino non possa disporre della propria vita consentendogli di morire a casa propria, senza dover andare in Svizzera (spendendo soldi che molti non si potrebbero permettere di spendere), se lo desidera fermamente, e , dall'altra, nel caso Gregory, il Consiglio dei Ministri approva addirittura un provvedimento d’urgenza per riconoscere la cittadinanza italiana alla neonata affinché possa essere operata in Italia, visto che i medici italiani, contrariamente a quelli inglesi, hanno dato speranza alla sua famiglia. Questione etica o politica?

Questi due casi,
ai quali si sta dando così tanto rilievo, scompaiono letteralmente se si pensa invece alle migliaia di bambini palestinesi che stanno morendo sotto le bombe incolpevolmente. Ma questa è questione di politica internazionale, di odio incancrenito, di ritorsioni nelle quali il senso di giustizia, di pietà, di semplice buon senso che si richiede normalmente alla gente comune che abbia un’etica o una religione non vale per le Nazioni.

La Von der Leyen dice addirittura
che è sempre colpa di Hamas, che usa i civili da scudi umani, lasciando intendere che si tratta di “danni collaterali” perchè, ovviamente, le bombe israeliane sanno distinguere un miliziano da un civile e se non riescono a farlo è sempre colpa di chi ha scatenato la ritorsione. Che logica caritatevole e super partes!

Ma anche questi eccidi di massa (compreso quello di Hamas a carico degli israeliani) sembrano avere una valenza diversa: cioè non è la stessa cosa se muoiono donne e bambini ebrei, ucraini o palestinesi. Di fronte alla pietà è proprio così necessario andare a ricercare colpe?

Direi di no, prova ne sia quanto è accaduto (o stava per accadere) durante il Covid, quando le maschere d’ossigeno non bastavano e pure la disponibilità di vaccini: in Svizzera l’Autorità sanitaria aveva già diffuso un vademecum alle proprie strutture secondo il quale, se si doveva salvare una vita, bisognava salvare quella del più giovane, sacrificando l’anziano (in Italia, ufficialmente, nulla di simile, ma, nei fatti era la stessa cosa).

In tal caso non ci sono colpe
ma l’essere umano diventa un’entità sacrificabile a seguito di un semplice giudizio di opportunità (aspettativa di vita, nulla di più “oggettivo”, appunto, come se fossimo oggetti senza passioni, emozioni, umanità!). E allora ritorno alla domanda: quanto vale una vita?



Aggiungi commento:

Vedi anche
05/11/2023 08:40

Premierato tra politica e tecnocrazia In merito alla proposta di riforma costituzionale approvata dal Governo con l’introduzione del premierato “forte”, riceviamo e pubblichiamo la seguente riflessione

30/12/2017 10:35

La scusa dei casi limite Un lettore ci scrive in merito al recente articolo di Luca Rota dal titolo “Quando la morte dev’essere un diritto”

22/09/2020 10:00

In merito alla vicenda «Le Farfalle» «Da un mese circa si parla in paese di quello che sta avvenendo in Casa di Riposo a Vobarno e, come generalmente accade in questi casi, con opinioni tra loro discordanti». Riceviamo e pubblichiamo volentieri

29/09/2015 06:51

Adescamento e molestie: qualche riflessione Non si è ancora spenta (e non si spegnerà alla svelta) l'eco dei fatti accaduti o non accaduti nel negozio di barbiere di Gavardo, che ancora attendono di essere messi in piena luce. E intanto cosa possiamo fare? L'abbiamo chiesto all'esperto

08/06/2019 08:00

Riborso del ticket, la risposta dell'Asst Garda Riceviamo e pubblichiamo volentieri la risposta dall'Ufficio Stampa dell'Asst Garda in merito alla lettera del sig. Luciano Saia riguardo all'esenzione del ticket




Altre da Valsabbia
04/03/2024

Donne per le Donne, un mese di eventi

Sempre più Comuni aderiscono all'iniziativa, agenda fitta per il Mese Rosa

03/03/2024

A Polpenazze una via dedicata a Giovanni Battista Brunori

Fu il fondatore della Ferriera Valsabbia di Odolo. Lo scorso venerdì mattina l'intitolazione alla presenza del prefetto di Brescia Maria Rosaria Laganà

03/03/2024

Nuova stagione per il Vittoriale

Si rinnova per prepararsi alla nuova stagione uno dei più importanti musei italiani, facendo riferimento anche a un'altra figura cardine del panorama dello spettocolo italiano

02/03/2024

Spacciatore colto in flagrante e arrestato

Il giovane aveva un'attività fiorente nello spaccio di sostanze stupefacenti. Sette le dosi di cocaina già grammate e pronte per lo spaccio trovate dagli agenti durante la perquisizione del suo domicilio a Gavardo

02/03/2024

Un proiettile che non porti morte, ma luce

E' il progetto con cui gli studenti dell'Itis Perlasca di Vobarno hanno vinto il Concorso scolastico nazionale dedicato ad Annalisa Durante, vittima innocente di un regolamento di conti interno alla camorra nel rione Forcella di Napoli

02/03/2024

La Cassa Rurale, presentati ai soci i risultati 2023

Le assemblee territoriali sono state l'occasione ideale per aggiornare i soci sull'andamento economico 2023 e sulle attività in programma per il 2024

02/03/2024

Miniature in Valle

Nuova iniziativa del gruppo ArtEa 2010 per portare, tra plastica e colori, il figurinismo in Valle Sabbia

02/03/2024

Ospedale di Gavardo, tra presente e futuro

Lunedì sera un incontro pubblico per presentare alla popolazione i lavori di ristrutturazione del nosocomio gavardese

02/03/2024

Accoglienza rifugiati in Valle Sabbia

Intervista alle operatrici di Cooperativa Area che si occupano del servizio Sai (Sistema Accoglienza Integrazione) in capo a Comunità montana
VIDEO

01/03/2024

Aiuti per lo sport, Bando per il 2024

La Regione sul nuovo Bando: 100 euro per garantire a tutti i bambini l'educazione sportiva