22 Maggio 2019, 06.43
Valsabbia
Ambiente

Controlli a tappeto

di red.

Nel corso delle ultime settimane, i Carabinieri Forestali di Vobarno hanno eseguito molti controlli su inquinamento atmosferico e gestione illecita di rifiuti industriali


Da una parte l’azione preventiva, eseguendo numerosi controlli volti alla prevenzione dei fenomeni di inquinamento ambientale; dall’altra quella repressiva, intervenendo sugli illeciti in materia di gestione dei rifiuti speciali derivanti da attività industriali ed artigianali.

Lo scorso 14 maggio, in particolare, in occasione di un accertamento effettuato presso uno stabilimento di pressofusione dell’alluminio sul territorio vobarnese, è stato riscontrato che l’azienda aveva abusivamente aumentato la propria capacità produttiva sino ad oltrepassare una capacità di fusione dell’alluminio di 20 tonnellate al giorno, grazie all’installazione di macchinari per la fusione e lavorazione del metallo in misura tripla rispetto a quanto consentito. I fumi, per altro, venivano illecitamente convogliati in atmosfera attraverso sette punti di emissione non autorizzati.

I Carabinieri Forestali
hanno pertanto proceduto a sequestrare tutti gli impianti ed i punti di emissione sprovvisti di autorizzazione, nonché a deferire alla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia il legale rappresentante della ditta per aver svolto la propria attività in assenza di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), requisito indispensabile per poter esercitare con la capacità di fusione descritta.

Controlli similari sono stati svolti, inoltre, all’interno di due industrie di laminazione ed una fonderia ubicate nei Comuni di Odolo ed Agnosine, presso le quali sono state riscontrate irregolarità in materia di manutenzione degli impianti che effettuano emissioni in atmosfera, nonché illeciti nella gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi, come olii e grassi esausti.
I responsabili di ciascuna impresa interessata gli illeciti, pertanto, sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria e a loro carico sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 74.333,34 euro.

Ulteriori verifiche hanno riguardato la gestione delle terre e rocce da scavo nonché dei rifiuti da demolizione e costruzione da parte di alcune imprese edili operanti nei Comuni di Vobarno, Provaglio Val Sabbia, Barghe, Castenedolo e Bedizzole.

I titolari di 5 imprese, in particolare, sono stati denunciati per il reato di deposito incontrollato di rifiuti, avendo collocato i materiali derivanti dalle loro attività in aree non autorizzate ovvero con modalità non consentite (ad esempio ammassandoli direttamente sul suolo nel mezzo della vegetazione) o ancora per aver destinato a riempimenti e rimodellamenti le terre e rocce da scavo prodotte in cantiere senza averne preliminarmente accertato la compatibilità ambientale mediante l’esecuzione delle analisi obbligatorie volte ad escludere la presenza ai alcuni inquinanti ambientali.

Anche in questo caso, oltre alle denunce, sono scattate le pesanti sanzioni amministrative previste dalla legge, dell’importo complessivo di 545.300 euro

In materia di gestione dei veicoli fuori uso e rifiuti costituiti dai relativi componenti, infine, sono stati sanzionati i proprietari di 8 autovetture rinvenute in stato d’abbandono nei Comuni di Bione, Sabbio Chiese e Castenedolo, nonché i titolari di due officine meccaniche di autoriparazione in Comune di Sabbio Chiese, che avevano omesso di tenere le registrazioni obbligatorie sui rifiuti in maniera conforme alla legge.

Questi controlli, ai quali si aggiunge la scoperta ed immediata chiusura di un’attività di autoriparazione abusiva a Castenedolo, hanno comportato a carico degli interessati, oltre che alle dovute segnalazioni alla Procura della Repubblica, sanzioni amministrative dell’importo complessivo di 19.014 euro.




Commenti:
ID80601 - 23/05/2019 09:34:16 - (fantozzi) - Congratulazioni!

Faccio le mie pi sentite congratulazioni all'opera dei Carabinieri Forestali di Vobarno. Oggi, noi tutti dobbiamo renderci conto che la cosa pi importante la difesa dell'ambiente contro l'inquinamento incontrollato. E' inutile puntare sempre il dito contro le automobili incentivando l'utilizzo delle auto elettriche (cosa comunque giusta), il grosso dell'inquinamento dato dalle industrie, ma purtroppo a molti interessa solo il lavoro e i soldi e non la salute. Bisogna cambiare la rotta perch altrimenti sar troppo tardi e che mondo si consegner ai propri figli?

Aggiungi commento:

Vedi anche
02/09/2017 11:29

Forestali valsabbini in azione a Remedello Ancora una volta i Carabinieri Forestali delle Stazioni  di Gavardo, Brescia e Vobarno hanno brillantemente portato a termine una specifica attività finalizzata al contrasto dell’odiosa pratica del bracconaggio che impoverisce la fauna mettendo a rischio la sopravvivenza di numerose specie protette

12/04/2020 09:00

In campo anche i Carabinieri Forestali A vigilare sul rispetto delle ordinanze per contrastare il coronavirus nei giorni di Pasqua anche in aree montane e per un controllo anche ambientale ci saranno anche i Forestali lombardi

26/01/2019 14:20

Inquinamento del Chiese, intervengono i Carabinieri Forestali Doppio intervento dei militari della stazione di Vobarno in questo mese di gennaio, prima presso l’impianto di depurazione della rete fognaria e in seguito alla centrale idroelettrica di Carpeneda 

24/10/2018 09:42

Nella Bassa e in Valsabbia Una lunga serie di illeciti penali, quelli svelati dai Carabinieri forestali di Vobarno in queste ultime settimane

08/11/2020 12:00

Operazione «Pettirosso», salvati migliaia di esemplari di avifauna protetta Anche in Valsabbia il reparto operativo dei Carabinieri Forestali ha operato a stretto contatto con le Stazioni Carabinieri Forestale di Gavardo e Vobarno per l’importante operazione antibracconaggio




Altre da Valsabbia
14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)
11/05/2021

I sindaci del Chiese: «L'opzione Gavardo/Montichiari non è più percorribile»

Dopo gli esiti dei tavoli tematici sul depuratore organizzati da Acque Bresciane i sindaci dei comuni del Chiese ribadiscono la propria posizione

11/05/2021

Ciao direttore

Si è spento domenica Francesco Saverio Lo Gaglio, a lungo dirigente scolastico del Circolo didattico di Vestone

11/05/2021

Meno ricoveri e meno posti letto Covid

Prosegue la riconversione dei reparti dell’Asst del Garda al loro impiego originario, visto il calo dei pazienti colpiti da Coronavirus