07 Ottobre 2022, 06.53
Valsabbia
Fondazione Comunità Bresciana

Contrasto alla povertà educativa

di red.

Presentato nella sede della Fondazione Comunità Bresciana l’esito del progetto Smart School che fra Valtrompia, Bassa e Valsabbia ha coinvolto quasi 2mila ragazzi fra gli 11 e i 17 anni 


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



Laboratori di videoregistrazione in cui realizzare un vero Tg del territorio, una piccola orchestra, fab lab con stampanti 3D, incontri letterari.
Sono alcune delle attività realizzate nei tre anni di progetto «Smart School» volto a contrastare la povertà educativa e la dispersione scolastica, sviluppato in Valtrompia, Valsabbia e Bassa Bresciana.

Il progetto rivolto ai ragazzi tra gli 11 e i 17 anni ha agito attraverso due strategie: il «piantare fragole» proponendo servizi agili e replicabili, e lo «scavare pozzi» agendo in profondità. Il programma ha goduto di un contributo di 650mila euro, 400mila da Fondazione Comunità Bresciana, 250mila dall’impresa sociale «Con i bambini» di Roma.

Un processo avviato nel 2018, ha spiegato Orietta Filippini, direttrice della Fondazione, nel corso dell’incontro promosso «per restituire alla città gli esiti dell’azione di questi tre anni e le eredità lasciate, dopo aver coinvolto scuole, enti attuatori e territori».

A Cristian Marmaglio de Il Calabrone, il compito di delineare la genesi di progetti diversificati, ma sostenuti dalle medesime finalità, che complessivamente hanno coinvolto 1.952 minori, attraverso120 laboratori realizzati in sette “hub”; 340 gli accompagnamenti individualizzati. Il 98% dei ragazzi che hanno poi risposto a un questionario anonimo alla fine del percorso, ha detto di sentirsi migliorato dopo le esperienze di Smart School.

Esperienze che - a causa del Covid - hanno dovuto rimodellarsi e traslocare on-line.
Le idee progettuali da cui si è partiti erano varie: sviluppare creatività e coinvolgimento attivo dei ragazzi, migliorare la capacità dei docenti nell’insegnare ad apprendere anche attraverso i fallimenti, sviluppare il pensiero critico, avvicinare gli studenti al mondo dell’arte e trovare nuove modalità di approccio alle materie scientifiche. Idee che sono state poi declinate dagli enti e dai soggetti diversi che sono stati coinvolti, come le cooperative Il Calabrone (che aveva la responsabilità del progetto) o Area per la Valle Sabbia, gli enti come la Comunità montana di Valle Trompia in collaborazione con il sistema bibliotecario, e poi ancora le scuole grazie alla collaborazione pressoché immediata con l’Ufficio scolastico territoriale o gli Ambiti.

Per «Con i bambini» è intervenuta da Roma Maria Teresa Serranò
che ha spiegato come è partita la «sfida del contrasto alla povertà educativa attivando una linea di finanziamenti per sviluppare interventi efficaci, che comportassero una vasta mobilitazione territoriale e che creassero una rete enorme».
Una sfida che la Fondazione comunità bresciana ha poi raccolto e sviluppato.

Per la parte scolastica valsabbina è intervenuta la dirigente scolastica Maria Vittoria Papa felice di aver partecipato al progetto che ha permesso alla scuola di assaggiare molte “fragole” con “ottica generativa”, cioè prendendosi cura dei ragazzi in difficoltà in gruppo e anche singolarmente, per poi lasciarli andare; idem con i “pozzi”, con lo scavo finalizzato all’emersione, al riportare alla luce “nodi da sciogliere e difficoltà, ma anche talenti”, lodando il metodo “col pensiero che ha sempre accompagnato l’azione”.

Per la Cooperativa Area, alla quale sono stati affidati gli interventi, ha parlato Silvia Butturini: «A causa delle restrizioni dovute al Covid temevamo di non riuscirci, invece insieme alle risorse abbiamo trovato anche tanta fiducia, componenti che ci hanno permesso, anche attivando laboratori online, di rendere viva e vera la dimensione rigenerativa del progetto».

«Quello della Smart School è un intervento che si somma ad altri, sempre nell’ottica del contrasto alla povertà educativa e all’abbandono scolastico – ha concluso la Filippini -. Non progetti fine a se stessi, ma come gradini di una scala mobile, in modo che uno possa sostenersi sull’altro. A garanzia di continuità ci sono i fondi territoriali».





Vedi anche
18/02/2020 10:30

«Smart School», per una scuola inclusiva Avrà una declinazione sia per la Val Sabbia sia per la Val Trompia il progetto presentato alla Fondazione della Comunità Bresciana dedicato al contrasto della dispersione scolastica

10/06/2020 10:09

Verso una Smart School Il territorio della Valle Sabbia è coinvolto in un progetto ad ampio raggio che, attraverso un finanziamento nazionale, si adopera per contrastare la dispersione scolastica, aggiornare i metodi didattici e sviluppare una comunità educante

25/05/2020 11:10

Fondazione Comunità Bresciana punta sulla coprogettazione In collaborazione con Fondazione Cariplo la realtà bresciana lancia una Call To Action per l'implementazione del lavoro e delle reti territoriali dopo l'emergenza coronavirus

15/06/2008 00:00

Nel 2007 ha elargito 155.350 euro in Valsabbia Nei giorni scorsi il presidente della Fondazione della Comunit Bresciana onlus, Giacomo Gnutti, ha presentato il rapporto annuale dedicato al 2007.

21/02/2014 08:46

Fondi anche in Valtrompia da Comunità Bresciana

Grazie alla Fondazione Comunità Bresciana sono ben 36 i progetti premiati con finanziamenti che riguarderanno la Valtrompia, la Valsabbia e la Valcamonica: nella Valle del Mella 59 mila euro




Altre da Valsabbia
27/11/2022

Consumi, dal Bagoss al salame di Montisola

Sono 43 i tesori agroalimentari tradizionali censiti in provincia di Brescia che sono oggi minacciati dall'esplosione dei costi di produzione legata alla crisi energetica per la guerra in Ucraina

27/11/2022

Controlli notturni della Locale

Continuano i controlli serali della polizia locale della Valle Sabbia

27/11/2022

Le cose perdute

Seguendo il filo della memoria, cerco cose e tradizioni di quando ero bambino e che sono cambiate nel tempo. Infine alcuni eventi, un compleanno e vari onomastici “speciali”

27/11/2022

Insieme ce la si fa

Ma a cosa serve la Comunità montana? E a che punto siamo con la “partita” dell’illuminazione pubblica? Ne abbiamo parlato col presidente Giovanmaria Flocchini

26/11/2022

Il Caffè: materia di studio

Il Rotary Valle Sabbia e Trismoka per la formazione dei giovani

26/11/2022

Vaccinazione antinfluenzale gratis per tutti

Fino ad ora la gratuità era concessa solamente alle categorie "target": bambini o over 60 o a rischio per patologia

26/11/2022

Destinazione turismo

Un incontro per capire come sfruttare le risorse naturalistiche e storico culturali del nostro territorio, la Valle Sabbia

26/11/2022

Coldiretti Brescia raccoglie oltre 5 mila firme

Oltre 200 mila le adesioni a livello nazionale per la campagna di promozione di una legge che vieti la produzione e la commercializzazione di cibo sintetico in Italia

25/11/2022

A proposito del 25 novembre

Con piacere vedo diverse iniziative proposte per la Giornata contro la violenza sulle donne, ma con tristezza prendo atto che spesso l'unico tipo di violenza cui si fa riferimento è quella fisica, raramente quella psicologica

24/11/2022

Progetto definitivo per ponte provvisorio

Il 2023 potrebbe essere l'anno buono per la sistemazione del vecchio ponte in ferro che a Ponte Caffaro è costretto a sopportare carichi di traffico non più sostenibili