17 Gennaio 2018, 09.45
Val del Chiese Storo
Ricorrenze

Sant'Antonio, tradizione rispettata

di a.p.

La ricorrenza del santo protettore degli animali da allevamento è particolarmente sentina nella trentina Valle del Chiese, con la tradizionale benedizione delle stalle e una rimpatriata degli allevatori


Nell'ambito di Borgo Chiese la ricorrenza di Sant'Antonio Abate, patrono degli animali, è stata – seppur con qualche giorno di anticipo – rispettata. Anziché nella giornata di mercoledi il tutto si è svolto sabato sorso, quando il reverendo arciprete don Vincenzo Lupoli, affiancato dal collaboratore decanale don Michele Campostrini, ha fatto visita alle varie stalle del circondario, compresi alveari e rispettivi apicoltori. I due sacerdoti indossavano stola e avvalendosi di aspensorio impartivano benedizioni e ripetuti segni di croce.

Da queste parti a gestire stalle di piccole o grande dimensioni ci sono anche “quote rosa” che senza remore si adattano a svolgere lavori e mansioni che la zootecnia comporta. “Sono bresciana di Gavardo ma oramai vivo a Condino dove allevo bovine e in estate per quasi tre mesi pratico alpeggio a malga Romanterra” dice Daniela Maccarinelli.

“Poi – aggiunge Beppe Leotti, storico golden boy condinese che pure lui alleva bestie per passione - nel casale di Mirella Radoani, nel sobborgo di Mon, la rimpatriata casereccia a base di polenta e salame alla brace dove ai fornelli c’era Ernesta Butterini”.

Si era iniziato in tarda mattinata da Marinella Andreolli, nella zona del Giùlis, per poi proseguire da Piergiorgio Galante e quindi continuare verso la località Mortun da Danilo Butterini, Angelo Zulberti, Rinaldo Zeni e Ennio Anreoli e poi proseguire nel podere Faccini e successivamente da Luca Radoani, Riccardo Pizzini alla già citata Daniela Maccarinelli.

Nell'occasione anche stavolta non sono voluti mancare gli allevatori di una volta e peraltro imparentati tra loro: Giulio e Tarcisio Radoani, che di anni ne contano rispettivamente 87 e 85, ma che di mungiture e alpeggi ne contano in quantità industriale. “Ai nostri tempi fare allevamento costava molta più fatica e sacrificio rispetto ad ora quando - 365 giorni all'anno, festività comprese - si mungeva , sfalciava a mano e si casarava negli scantinati”.

Anche a Storo la ricorrenza di Sant'Antonio Abate sarà festeggiata quest'oggi, nel giorno della ricorrenza liturgica. Nell'occasione il reverendo arciprete decano don Andrea Fava celebrerà alle 10 la messa nella chiesa di San Floriano dove per l'occasione sarà benedetto il sale.

“Sino ad una decina di anni fa, in occasione di questa ricorrenza considerata anche la festa del socio, la storica banca di paese assegnava un pacco dono” ricorda il ragioniere Battista Maccani che per una vita ha lavorato in Rurale.

Verso mezzogiorno , nella piazza di Darzo, ci sarà la benedizione degli animali domestici. “Tale ricorrenza per noi darzesi è e resta un avvenimento da mantenere e possibilmente da tramandare alle nuove generazioni” avverte Marino Fostini storico insegnante di una volta e conoscitore delle tradizioni di paese.


Aggiungi commento:

Vedi anche
19/01/2021 08:00

Sant'Antonio ai tempi della pandemia Lo scorso fine settimana a Borgo Chiese, Pieve di Bono e Valdaone la ricorrenza è stata celebrata con la sola benedizione di stalle e animali

20/01/2019 08:00

Benedizione per Sant'Antonio abate La ricorrenza è ancora molto sentita nella Valle del Chiese dove i sacerdoti passano di stalla in stalla a impartire benedizioni e lasciare santini

07/06/2019 10:18

Weekend in Valle del Chiese Nel fine settimana Storo, Borgo Chiese e Bondone si animeranno di numerose iniziative tra musica, festa e sport

19/01/2020 09:00

Allevatori riuniti per Sant'Antonio Abate A Condino per la ricorrenza si sono date appuntamento diverse generazioni di allevatori, tutte concordi sul fatto che gli antichi metodi nell'allevamento degli animali rimangono i migliori

18/01/2015 07:22

Sant'Antonio lungo il Chiese Di stalla in stalla, le vicine Giudicarie hanno ospitato ieri la ricorrenza del patrono degli animali domestici




Altre da Storo
10/04/2021

Bollettino comunale, ecco qualche anticipazione

Il nuovo notiziario del Comune di Storo uscirà nei prossimi giorni e sarà il primo redatto sotto l'amministrazione Zontini. Qualche anticipazione sui contenuti

02/04/2021

Pesce d'aprile

Anche in tempo di coronavirus a Storo c'è sempre voglia e tempo da dedicare al un po' di gogliardia

30/03/2021

«Storo. Dalle origini al tramonto della società contadina»

E' questo il titolo del dodicesimo libro scritto dal professor Gianni Poletti di Storo, in uscita giovedì prossimo, 1 aprile
•VIDEO

26/03/2021

«I bambini sono sempre gli ultimi»

Nell'ambito della rassegna Proposte d'autore 2021 organizzata dal Servizio Bibliotecario Valle del Chiese, questa sera l’incontro online con lo scrittore Daniele Novara che presenterà il suo ultimo libro

19/03/2021

Prospettive di unione

A Storo il calcio che conta torna probabilmente a distanza di anni a ricomporsi. Si lavora su più fronti perchè tale possibile prospettiva si realizzi

13/03/2021

Il mio ricordo di Raoul Casadei, il re del liscio

Raoul Casadei, classe 1937, è morto questa mattina all' ospedale di Cesena, causa Covid. Il Nostro Gianpaolo Capelli, che l’ha conosciuto bene, ce ne parla commosso

09/03/2021

Addio a Pietro Ferretti

Si è spento ieri all'età di 86 anni. Era tra i fondatori del Gran Carnevale di Storo, del gruppo dei Polentèr e della Pro Loco

09/03/2021

Interventi sulla Riccomassimo

Oggetto di interrogazioni alla Provincia autonoma di Trento fin dallo scorso mese di dicembre, nei giorni scorsi la Sp 241, “valvola di sfogo” per l’intera valle del Caffaro in caso di difficoltà lungo la 669, è stata in alcuni punti sistemata

07/03/2021

Spettacolo online per le donne

Appuntamento stasera per lo spettacolo trasmesso in streaming su Facebook organizzato dal Servizio Bibliotecario Valle del Chiese in occasione della Festa della donna

03/03/2021

La Fanfara degli Alpini compie 60 anni

La Fanfara di Pieve di Bono della sezione ANA di Trento festeggia il grande traguardo all'insegna dei comuni valori musicali e alpini