20 Gennaio 2019, 08.00
Val del Chiese Storo
Tradizioni

Benedizione per Sant'Antonio abate

di Aldo Pasquazzo

La ricorrenza è ancora molto sentita nella Valle del Chiese dove i sacerdoti passano di stalla in stalla a impartire benedizioni e lasciare santini


Da diversi anni a questa parte,
le aziende contadine di valle sono solite festeggiare in maniera sempre più partecipata la ricorrenza di Sant'Antonio abate. In altre parti lo si è fatto domenica (Agrone) e altri ancora nel suo vero giorno (questo giovedì) a Storo, Darzo, Valdaone, Prezzo e Por quando a benedire sale e animali era stato don Michele Canestrini.

A Darzo, per l’occasione, gli alpini del capogruppo Elvio Giacometti avevano preparato e distribuito polenta per tutti. Poi nella piazza, dove una volta c’era il caseificio turnario, la tradizionale benedizione di animali domestici e da cortile. Giovani e meno giovani che tenevano tra le mani gabbiette con all'interno gatti, e cani avvolti in cappottini.

Ieri, in forma più personalizzata, è toccato a Condino, dove dalle 10 alle 12 l'arciprete don Vincenzo Lupoli ha fatto il giro di diverse aziende impartendo la benedizione e distribuendo santini. “Gli allevatori – dice il prete - questo momento lo sentono e vi partecipano e se non ci vai sono loro a ricordatelo”.

“Da noi – dicono Luca e Claudio Radoani dell'azienda agricola “La Cugna” a Mon – di bovine al momento ne abbiamo una trentina anche se prossimamente si dovrebbe arrivare a cinquanta”. La realtà zootecnica dei Radoani, che sarà inaugurata a giugno, è considerata assolutamente tra le più moderne in assoluto.

Dentro una stalla, che stalla non sembra, affiancata da sala mungitura a sua volta collegata in maniera idraulica con il comparto lavorazione che equivale ad un caseificio. Ed è proprio dentro quella cubatura, dove a fare la differenza c'è pur sempre lo zio novantenne Giulio, che i convenuti si sono intrattenuti per il consueto pranzo di Sant'Antonio, dove ai fornelli c’era la signora Ernesta e famigliari: un menu casereccio comprendente prodotti rigorosamente nostrani.

Poi è stata la volta della stalla di Riccardo Pizzini (100 bovine e più), quindi sempre lungo il versante di Mon, altro allevamento facente riferimento a Danilo Butterini e Angelo Zulberti. Poi i cavalli di Federico Olivieri e di Daniela Maccarinelli che di bovine al momento ne ha quindici. La giovane signora, originaria di Gavardo, non solo ci sa fare ma in estate con altre due amiche è solita tenere malga Romanterra e solo nei fine settimana viene raggiunta in quota dal compagno Roberto che gli fa prevenire alimenti e tutto l’occorrente.

Al Giùlis, a nord di Condino, ad essere benedette le stalle dei Dapreda (31 bestie), l'allevamento di conigli di Giovannone Butterini, nonché le capre di Pierangelo Bagattini, l'apicoltore Giorgio Galante e la fattoria “Arca di Noè” di Beppe Leotti, alle Porte.


Aggiungi commento:

Vedi anche
18/01/2016 09:47

Tradizione rispettata La ricorrenza del santo protettore degli animali, ancora molto sentita nel mondo rurale, è stata celebrata come da tradizione anche a Storo, Darzo, Condino e Cimego

19/01/2020 09:00

Allevatori riuniti per Sant'Antonio Abate A Condino per la ricorrenza si sono date appuntamento diverse generazioni di allevatori, tutte concordi sul fatto che gli antichi metodi nell'allevamento degli animali rimangono i migliori

15/01/2017 07:30

Sant'Antonio Abate anticipata di tre giorni Prima le benedizioni presso le stalle degli allevatori locali e poi il tradizionale pranzo contadino per la festa del protettore degli animali di allevamento della zona di Condino

17/01/2018 09:45

Sant'Antonio, tradizione rispettata La ricorrenza del santo protettore degli animali da allevamento è particolarmente sentina nella trentina Valle del Chiese, con la tradizionale benedizione delle stalle e una rimpatriata degli allevatori

18/01/2015 07:22

Sant'Antonio lungo il Chiese Di stalla in stalla, le vicine Giudicarie hanno ospitato ieri la ricorrenza del patrono degli animali domestici




Altre da Storo
10/04/2021

Bollettino comunale, ecco qualche anticipazione

Il nuovo notiziario del Comune di Storo uscirà nei prossimi giorni e sarà il primo redatto sotto l'amministrazione Zontini. Qualche anticipazione sui contenuti

02/04/2021

Pesce d'aprile

Anche in tempo di coronavirus a Storo c'è sempre voglia e tempo da dedicare al un po' di gogliardia

30/03/2021

«Storo. Dalle origini al tramonto della società contadina»

E' questo il titolo del dodicesimo libro scritto dal professor Gianni Poletti di Storo, in uscita giovedì prossimo, 1 aprile
•VIDEO

26/03/2021

«I bambini sono sempre gli ultimi»

Nell'ambito della rassegna Proposte d'autore 2021 organizzata dal Servizio Bibliotecario Valle del Chiese, questa sera l’incontro online con lo scrittore Daniele Novara che presenterà il suo ultimo libro

19/03/2021

Prospettive di unione

A Storo il calcio che conta torna probabilmente a distanza di anni a ricomporsi. Si lavora su più fronti perchè tale possibile prospettiva si realizzi

13/03/2021

Il mio ricordo di Raoul Casadei, il re del liscio

Raoul Casadei, classe 1937, è morto questa mattina all' ospedale di Cesena, causa Covid. Il Nostro Gianpaolo Capelli, che l’ha conosciuto bene, ce ne parla commosso

09/03/2021

Addio a Pietro Ferretti

Si è spento ieri all'età di 86 anni. Era tra i fondatori del Gran Carnevale di Storo, del gruppo dei Polentèr e della Pro Loco

09/03/2021

Interventi sulla Riccomassimo

Oggetto di interrogazioni alla Provincia autonoma di Trento fin dallo scorso mese di dicembre, nei giorni scorsi la Sp 241, “valvola di sfogo” per l’intera valle del Caffaro in caso di difficoltà lungo la 669, è stata in alcuni punti sistemata

07/03/2021

Spettacolo online per le donne

Appuntamento stasera per lo spettacolo trasmesso in streaming su Facebook organizzato dal Servizio Bibliotecario Valle del Chiese in occasione della Festa della donna

03/03/2021

La Fanfara degli Alpini compie 60 anni

La Fanfara di Pieve di Bono della sezione ANA di Trento festeggia il grande traguardo all'insegna dei comuni valori musicali e alpini